Gli ansiosi Gli ansiosi

Gli ansiosi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Di solito andare in cerca di una casa da comprare non è una questione di vita o di morte, ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta. E può anche succedere che una rapina in una banca non vada a buon fine e che il rapinatore in fuga irrompa nel primo appartamento che trova. E se proprio in quel momento in quell'appartamento ci sono un sacco di potenziali acquirenti dell'appartamento stesso, la cosa - come potete immaginare - si complica, e non poco. In un attimo essi diventeranno ostaggi e - benché totalmente estranei tra loro - si troveranno a dover condividere un'esperienza potenzialmente terribile. Tra di essi c'è una coppia di pensionati, un ricco direttore di banca, una giovane coppia di donne che sta per avere il primo figlio ma sembra non essere d'accordo su nulla. Se aggiungiamo al mix una ottantasettenne che ha vissuto abbastanza a lungo da non aver paura che qualcuno le sventoli una pistola in faccia, un'agente immobiliare agitata ma sempre pronta a fare un affare, e un uomo misterioso che si è chiuso nell'unico bagno dell'appartamento, be' questo vuol dire che abbiamo a che fare con il peggior gruppo di ostaggi del mondo. Ognuno di loro ha alle spalle una vita di torti subiti, ferite, segreti e passioni pronti a esplodere. E per giunta nessuno di loro è esattamente ciò che sembra essere. E ciascuno di loro, rapinatore incluso, desidera disperatamente essere in qualche modo tratto in salvo. Mentre le autorità e i media circondano i locali, questi coinquilini forzati finiranno per scoprire verità sorprendenti su se stessi e daranno vita a una giornata piena di folli colpi di scena e di eventi inaspettati, che capovolgerà i piani di tutti e mostrerà loro ciò che è veramente importante nella vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli ansiosi 2022-02-10 18:13:31 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    10 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Umanità in ostaggio

“ Gli ansiosi “, ultimo romanzo di Fredrik Backman, è un fluire di situazioni e di sensazioni che travolgono un’umanità complessa e disadorna stritolata da solitudine, disperazione, indifferenza, in procinto di affogare o ancora all’ inseguimento di una speranza, aggrappandosi a un soffio vitale che pareva dissolto.
Microstorie, corpi, volti, sguardi, mani che si sfiorano per lasciarsi immediatamente ritrovandosi irrimediabilmente intrecciate per sempre.
È paradossale che un gruppo di persone che neppure si conoscono debba condividere un piccolo spazio in un tempo tanto breve, la vigilia di Capodanno, ostaggio di un rapinatore improvvisato e maldestro in un appartamento vuoto nel bel mezzo di una compra-vendita.
Due coppie, un’ anziana signora, un uomo travestito da coniglio, una direttrice di banca, il rapinatore stesso, una pistola, due poliziotti, ( padre e figlio ), una psicologa, un copione già scritto e in parte da scrivere, attesa, illusioni, speranze, interrogatori, un puzzle da ricomporre, presente, passato, futuro assai incerti, ma che cosa realmente conta?
Backman ci sa fare con le parole, costruisce una commedia dai ritmi incalzanti ( soprattutto nella prima parte ) che accarezza satira e sentimenti con un pizzico di malinconia, quella distanza che teniamo gli uni dagli altri ricoperta da una corazza di superficie.
I protagonisti sono affetti da ansia, sospetto, diffidenza, indifferenza, gente comune e tanto diversa, un paesaggio dell’ animo sopraffatto da una coltre rabberciata e ammuffita di quotidianità’ .
Siamo certi che la realtà non è altro e altrove, che la disperazione del rapinatore e degli ostaggi non si equivalgano, che la propria storia non si specchi in quella dell’ altro, che i personaggi non recitano una parte, abituati a mentire, sopportare, resistere, reinventarsi per sopravvivere, accettando l’ insostenibile, per essere credibili, sfuggire a un passato irrisolvibile o accomodato, ricercare un senso di giustizia personale e una verità nascosta in un tempo lontano?
C’è un ponte davanti a se’, come un quadro sospeso, attraversato da frazioni di vite allo sbando, affacciate sul vuoto, un paesaggio su cui posare lo sguardo sentendosi affogare.
E allora questa storia di cosa parla, di una vita che non doveva andare così, di semplici cretini, di un ponte, di amore o di altro? Difficile dirlo quando l’ ansia prende il sopravvento, ciascuno nasconde demoni dentro di se’, lottando con la propria storia.
Roger è un uomo ferito, ad Anna-Lena manca la casa, Lennart non riesce a togliersi la testa di coniglio, Julia è stanca, Ro preoccupata, Zara prova dolore e Estelle non sa definire chi è lei stessa.
E allora il rapinatore diventa uno di loro, neanche il più disperato e il più solo, qualcuno da ascoltare e in parte da assolvere, da aiutare, tradito dai propri sentimenti, che vorrebbe semplicemente una vita, come tante, una casa, fare felici i figli, amare ed essere amato, potere assolvere al meglio il “ mestiere “ di genitore. Ma come si può tirare avanti quando si è rimasti soli, senza un lavoro, non si riesce a pagare l’affitto, con due figli da mantenere, d’altronde nessuno presterebbe soldi a chi soldi non ha.
Nel frattempo si è costretti a condividere uno spazio e del tempo, guardandosi in cagnesco, nutrendosi di errori e pregiudizi, mentre c’è chi ricerca una verità sfuggita all’evidenza e qualcuno che non è dove dovrebbe. È lì’, in quel mentre, spogliati delle proprie bugie, fragili e disadorni, che si creano nuovi rapporti ponendo le basi per un futuro diverso. È lì che dovremmo riuscire a perdonare noi stessi, convinti di non essere la somma di tutti gli errori commessi, è lì che nasce un’altra storia che forse verrà raccontata ai propri figli.

... “ La verità? La verità su tutto questo? La verità e’ che questa storia parla di molte cose diverse ma soprattutto di gente stupida. Perché facciamo il massimo, anche noi. Tentiamo di cavarcela e diventare adulti e amarci, cerchiamo qualcosa a cui aggrapparci, qualcosa per cui combattere e qualcosa a cui tendere. Abbiamo tutte queste cose in comune e comunque rimaniamo perlopiù estranei tra noi, non sappiamo cosa facciamo l’ uno all’ altro, come la tua vita influenza la mia.
Forse oggi ci siamo passati accanto di sfuggita nella calca e nessuno di noi se n’è accorto, le fibre del tuo cappotto si sono intrecciate per un singolo istante con quelle del mio e poi abbiamo proseguito. Non so chi sei.
Ma quando arriverai a casa stasera, quando questa giornata sarà finita e la notte ci prenderà, concediti un respiro profondo. perché siamo sopravvissuti anche a questa.
E domani ne inizierà un’ altra “....

Una piacevole fiaba contemporanea con una morale non scontata, umorismo, risate, sarcasmo, psicologia, società, riflessioni, pensieri, parole, tante parole... semplicemente Fredrik Backman.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai