Narrativa straniera Romanzi Gli invisibili
 

Gli invisibili Gli invisibili

Gli invisibili

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Si innamorano già dal primo incontro, seduti al tavolino di un bar. Arsim è albanese, Miloš serbo, vivono a Pristina, in Kosovo, a metà degli anni Novanta, studiano all'università. Per entrambi la cultura di provenienza rifiuta le relazioni tra uomini. Eppure la loro storia sembra perfetta, l'anima e il corpo, lo spirito e la carne, Romeo ha trovato Romeo. Anche se Arsim è sposato, a seguito di un matrimonio combinato voluto dai genitori. Di lì a qualche mese la guerra sconvolgerà le loro vite, serbi contro albanesi, milioni di profughi, una ferocia efferata che scatena il terribile naufragio di una nazione. Arsim e Miloš avevano un sogno, e quel sogno è impossibile. Arsim partirà con la famiglia verso un paese straniero, Miloš si arruolerà come medico, vivrà in pieno la disumanità della guerra. Il primo diventerà un marito violento, un padre tirannico, il secondo sembra sprofondare nell'oscurità. Storia di una grande passione che si infrange contro una realtà assurda e al tempo stesso atrocemente vera, "Gli invisibili" è un romanzo di rabbia e tenerezza spiazzanti che racconta in un unico sguardo l'amore e l'orrore e indaga con lucidità il ricatto implacabile dei desideri che ci torturano, perché «i sogni corrono dietro alle menzogne che diciamo a noi stessi». Come è possibile sopravvivere quando non puoi essere quello che sei, quando bisogna nascondersi dal mondo e nel mondo?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli invisibili 2021-11-12 16:14:42 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    12 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nel cuore della tempesta

Metà Anni ‘90, un serbo e un albanese, Milos e Arsim, l’ uno studente di medicina, l’ altro di letteratura, due corpi e due anime, l’ incontro in quel caffè scritto nel proprio destino.
Dovrebbero essere nemici ma tutto improvvisamente cambia, il respiro della vicinanza e il contatto fisico cancellano la distanza per farsi essenza, tra loro una condivisione totale e la sensazione di non essere come gli altri.
Arsim sente che il proprio sentiero è diviso, prima e dopo Milos, una vita che finora è stata un dettaglio insignificante, non si è mai sentito così bene e al sicuro come con lui.
Eppure tra loro prevale il non detto e forse sarebbe stato preferibile non sapere nulla l’uno dell’altro, l’ impossibilità di qualsiasi idea di un futuro a separarli, la famiglia, i figli e la guerra alle porte, strade invase dalle truppe serbe con i fucili d’assalto, file di carri armati e veicoli militari a Pristina.
Quell’ estate finirà presto, rimarrà incessante il pensiero dell’altro e il desiderio di vivere altrove, mettersi in salvo, sopravvivere alla carneficina, di essere inghiottiti dalla guerra, ignorando un matrimonio combinato e senza amore.
L’ atrocità bellica li segnerà per sempre e ne cambierà il volto in un altrove che conserverà la memoria della propria ignominia e delle atrocità commesse con un’ idea svanita nel nulla, il passato irrecuperabile coperto dalle macerie di un tenero e amabile ricordo, un amore fugace durato il soffio di un’estate sepolto nella crudeltà della violenza al cospetto di un corpo pochi anni dopo sfiorito e smunto e di una mente rapita per sempre, mentre la vita ha deposto i propri sogni giovanili facendosi insopportabilmente molesta.
E allora quale presente e futuro, sempre che ve ne sia uno? La fine della guerra non significa nulla perché la vera guerra inizia con la fine dei combattimenti, con lo scompiglio in cui è stato trascinato un intero paese, Arsim verrà travolto dall’epilogo della propria famiglia, ridotto a niente dopo essere stato così tante cose, uno studente, uno scrittore, un padre, un marito e un compagno e improvvisamente così poco, niente.
La scrittura un sibilo salvifico, il solo, a racchiudere la propria essenza, tutto il resto svanito, nebuloso, perso per sempre.
E allora il tempo si fa importante solo quando lo si è perduto, la sofferenza dell’ altro è anche la propria e quella di un intero paese.
Pajtim Statovci ( 1990 ), giovane scrittore Kosovaro emigrato in Finlandia all’ età di due anni con la famiglia in fuga dalla guerra, scrive un romanzo intriso di realismo ma estremamente poetico, crudelmente esposto e amabilmente fragile, commistione di forza, destino, passione, crudeltà, desiderio, con una scrittura intensa, viva, che richiama a se’ il potere delle parole e tutti i connotati della buona letteratura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri