Narrativa straniera Romanzi Guida il tuo carro sulle ossa dei morti
 

Guida il tuo carro sulle ossa dei morti Guida il tuo carro sulle ossa dei morti

Guida il tuo carro sulle ossa dei morti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Janina Duszejko, anziana insegnante di inglese in un paesino di provincia, e in inverno custode delle case di vacanza nella Conca di Klodzko, ha solo due passioni: gli animali e l’astrologia. Passa il tempo a calcolare l’oroscopo di chi incontra, a tradurre le poesie di William Blake e a cercare di impedire le battute di caccia nella valle, sabotando le tagliole e raccogliendo le trappole. Quando nella zona cominciano a verificarsi morti misteriose, Janina sostiene che si tratti di omicidi, i cui esecutori sarebbero gli animali selvatici, decisi a vendicarsi sugli uomini per la loro violenza. La sua teoria si diffonde nella valle, insieme alla paura. Attraverso la forma del giallo, Olga Tokarczuk ci racconta in modo ironico e grottesco le contraddizioni della responsabilità umana sulla natura e sugli esseri viventi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti 2021-05-16 10:20:58 Chiara77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    16 Mag, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto ciò che possiamo pensare è un tipo di verità

La signora Duszejko vive da sola sul limitare della foresta che segna il confine tra Polonia e Repubblica Ceca, sull’Altopiano circondato dalle Montagne Argentate che delimita la Conca di Klodzko.

In questo luogo solitario, battuto dal vento in estate e sommerso dalla neve in inverno, la donna trascorre le sue giornate compilando oroscopi, bevendo tè nero e cercando di resistere ai suoi improvvisi e misteriosi Disturbi. Ha alcuni selezionatissimi amici, in particolare un giovane appassionato della poesia di Blake e il suo vicino di casa, ordinatissimo e pulitissimo, che lei chiama affettuosamente Bietolone.

Una volta alla settimana la signora Duszejko si reca nel vicino villaggio dove insegna inglese ai bambini della scuola primaria.

La narrazione si apre con un evento violento e drammatico: la morte improvvisa dell’altro vicino di casa, cacciatore di frodo e gran brutta persona. Da questo momento in poi si susseguono diversi omicidi; le vittime sono tutte cacciatori, tanto che lentamente emerge nella mente della signora Duszejko una teoria tanto assurda quanto possibile, verosimile, concreta: sono gli Animali a volersi vendicare di questi uomini cattivi.

La nostra narratrice ci accompagna nel racconto di questi mesi, alla fine dei quali, fra traduzioni di Blake, incontri con diverse forme di vita umana e animale e svariate comunicazioni alla Polizia, al lettore viene rivelato chi è in realtà l’assassino dei cacciatori.

Olga Tokarczuk, premio Nobel per la Letteratura nel 2018, confeziona un romanzo accattivante nelle premesse: una protagonista eccentrica e, apparentemente, simpatica, un’ambientazione intrigante, personaggi ricchi di umanità pur stando ai margini della società. Tutto questo però è soltanto l’involucro, l’essenza di questa storia è ben diversa: si tratta di una storia in realtà tristissima, che svela tutta la sofferenza, la solitudine e la bruttezza che si nasconde nella natura umana. E il “sugo di tutta la storia” lo si comprende soltanto alla fine, a lettura ultimata.

Un boccone apparentemente appetitoso ma che, quando viene masticato, rivela tutto il suo spiacevole sapore amaro.

“ […] E penso che coincida con una mia Teoria. Ritengo infatti che la psiche umana sia nata per tutelarci dal vedere la verità. Per non consentirci di scorgerne direttamente il meccanismo. La psiche è il nostro sistema di difesa: si adopera per non farci mai comprendere ciò che ci circonda. Si occupa principalmente di filtrare le informazioni, sebbene le possibilità del nostro cervello siano enormi. Perché quel sapere non sarebbe sostenibile. Ogni minima particella del mondo si compone infatti di sofferenza.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti 2013-02-28 10:35:13 Ginseng666
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    28 Febbraio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cammino all'ombra della morte, nel mio sentiero...

Questo libro me l'ha prestato l'amica Gracy, che mi conosce molto bene...conosce il mio carattere e devo dire conosce anche i miei gusti. Il libro è in certe parti favolistico...in altri pervaso da atmosfere di incubo noir..
L'ho letto in due giorni, senza saltare neanche una frase, ammaliata....sia dalla storia che dal personaggio principale, Janina, lrresistibile ed affascinante. Janina che conosce le piante e i cicli della natura, della nostra madre terra, che sa fare gli oroscopi...e che sa comunicare con gli animali....in modo inusuale...
Gli animali hanno un'anima, gli animali son degni di rispetto....
Janina è un'anziana insegnante di inglese che abita in un'incantevole valle, custode in inverno delle case di vacanza: diciamo serenamente che è una persona atipica, bizzarra e con delle consuetudini insolite. Ama l'astrologia, non mangia carne è animalista convinta che gli animali devono essere difesi dalla ferocia dell'uomo....che li uccide senza ragione, mentre lei....ha costruito un piccolo cimitero dietro casa sua, dove ne seppellisce i resti....incauta vestale di riti pagani....non compresi da nessuna persona che abita la valle...
Infatti ella scrive lettere alla polizia per denunciare la morte dei suoi amici animali...come se essi avessero gli stessi, identici diritti degli esseri umani.
I suoi appelli così accorati resteranno naturalmente inascoltati...dalle forze dell'ordine, come se fossero ali di autentica follia provenienti dalla mente di una vecchietta bislacca.
Ma quando le morti di alcuni individui...morti violente e inaspettate, iniziano ad arrivare nella valle,
Janina fornirà come spiegazione che sono gli animali a vendicarsi per le violenze gratuite degli uomini...e su questo inquietante interrogativo, la gente inizierà ad aver paura...
Ma saranno gli animali ad uccidere o c'è un leggendario giustiziere notturno che li vendica
con ferocia poichè sono stati uccisi senza ragione?
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti...
Io mi son chiesta...insomma...sulle ossa degli animali morti o sulle ossa degli uomini uccisi per sete di vendetta?
Consigliato e promosso a pieni voti..
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti 2012-11-08 07:41:47 gracy
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    08 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Guida il tuo carro sulle ossa dei morti!!

Ho conosciuto Olga Tokarczuk durante il Festival della Letteratura di Mantova di quest’anno e mi è piaciuto assistere alla presentazione del libro con Lella Costa che a tratti rubava la scena all’autrice e poi gliela riconsegnava attraverso la lettura di alcuni brani, forse i più esilaranti e cinici di tutto il romanzo. Olga, scrittrice e ambientalista polacca, aveva bisogno di raccontare una storia sulle contraddizioni degli uomini e lo fa attraverso una voce narrante davvero esilarante, Janina Duszejko, una donna anziana, ingegnere e insegnante di inglese che in inverno custodisce le case di vacanza nella rigida Conca di Klodzko, praticamente quasi isolata dal resto del mondo e quasi felice di vivere in questa situazione grazie alla sua passione per l’astrologia e l’amore sconfinato per gli animali. Janina è un personaggio che sin dalle prime pagine ti ammalia, ti fa sorridere e riflettere, ti ammorba con l’astrologia, ti culla con il poeta visionario Blake e con tutti i personaggi contorti e bislacchi che incontra. Se non c’è differenza tra la caccia autorizzata e la caccia di frodo, se la convivenza con un uomo ti fa assaporare il gusto della solitudine, se l’amicizia e l’amore emergono spontaneamente nelle contraddizioni, Janina agisce col suo modo insolente e irritante, divertente e prepotente , come una matta che riflette e agisce con passione.

"Alla mia età, e nelle mie condizioni, prima di coricarmi dovrei sempre lavarmi i piedi con cura, nel caso l’ambulanza venisse a prendermi di Notte."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri