Heaven Heaven

Heaven

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

"Heaven" indaga l'esperienza e il significato della violenza e il conforto dell'amicizia. Bullizzato per il suo strabismo, il protagonista del romanzo soffre in silenzio. La sua unica tregua è l'amicizia con una ragazza, Kojima, anche lei continuamente vittima dei dispetti delle coetanee per via della trasandatezza con cui si presenta a scuola. Kojima invita il ragazzino protagonista a un fitto scambio epistolare innocente e pieno di sogni, dove non c'è posto per l'angoscia del bullismo. Le lettere si susseguono a gran ritmo, riempiendo fino all'estremo la custodia del dizionario dove il ragazzino le nasconde, nonché diventando l'unico motivo di gioia delle giornate dei due ragazzi, che a scuola tendono a eclissarsi, anche agli occhi l'uno dell'altra. Ci sono molti segreti, cose che secondo la piccola e intelligente Kojima, non potranno mai essere comprese dai compagni di classe, i quali non sanno fare altro che sfogare le loro debolezze su di lei e sul suo amico. Ma qual è la vera natura della loro amicizia se è il terrore ad alimentare il loro legame?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Heaven 2023-08-03 17:46:39 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    03 Agosto, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La forza della debolezza




“…Spesso le nostre ferite sono invisibili”…..

Solitudine, bullismo, fragilità, sofferenza, amicizia, forza, condivisione, due profili psicologici accomunati dall’ inferno che li circonda.
Che cosa unisce due anime siffatte se non la propria affinità elettiva, il respiro della condivisione, riparo da ingiustizie evidenti, desiderando amare ed essere amati, una tregua dalla orribile quotidianità uguale e diversa, l’ aspirazione a un proprio angolo di normalità.
Il giovane protagonista, sin da bambino, è vittima del bullismo reiterato e violento di alcuni compagni di classe per un difetto visivo ( una grave forma di strabismo ) e anche Kojima, una ragazza magra con indosso una divisa logora e sgualcita, avvolta da una certa trasandatezza e sporcizia, ne subisce l’ onta .
I due respirano la reciproca sofferenza dando voce a una corrispondenza epistolare, cominciano una frequentazione, momenti in cui condividere se stessi anche se non parlano mai dei torti subiti.
Lettere nettare dell’ animo, momento di beatitudine, un’ oasi in cui non soffrire per i maltrattamenti, parole che mostrano una Kojima diversa rispetto alla ragazza schiva e taciturna che il protagonista incrocia tutti i giorni a scuola. In quel luogo fingono indifferenza l’ uno per l’ altra, lì c’è solo sofferenza, il loro mondo è un altro.
Nel proprio angolo di serenità e condivisione possono finalmente essere se stessi, mostrare il proprio volto, non preoccuparsi del giudizio altrui, delle apparenze, della volgarità e della violenza che li circonda.
Eppure tutto questo non può bastare se ogni volta l’ incubo ritorna, la scuola è infrequentabile, se si ricerca la solitudine dei libri, se i bulli agiscono nell’ indifferenza, le violenze sono sempre più pesanti e pericolose, se il sentimento che li accomuna introietta l’ altrui sofferenza e il desiderio di farla finita comincia a prendere forma.
Frammenti di ricordi brutali delle mille sevizie subite raggiungono il protagonista, esausto, rabbioso, disperato, come sarebbe bello vivere in uno stato di mezzo, lontano dalle difficoltà del presente, in una condizione di semplice normalità.
Emerge una prolungata riflessione sul non senso della violenza, sul significato dell’ essere deboli, feriti, umiliati, sulla forza della debolezza, sulla sofferenza, un’ accettazione attiva del proprio ruolo di vittime a sottolineare l’ oggettiva debolezza altrui.
E allora i bulli non sono che le vittime reali di se stessi e della propria paura, terrorizzati dalla non comprensione della stessa, di quel senso di nullità individuale che li fa sentire bene in un gruppo.
Per i due protagonisti l’ accettazione del bullismo diventa forza e consapevolezza e assume un significato definente, la debolezza condivisa.

“… sì, siamo legati dalla debolezza, io e te. Ciò che ci protegge, sempre e ovunque, ciò che non ci lascia mai soli e ci difende da tutto e da tutti è la bellezza di essere deboli”…

Mieko Kawakami, nota al grande pubblico per “ Seni e uova “ e recentemente conosciuta in “ Gli amanti della notte “, ripropone una scrittura fatta di attesa, meditazione, silenzio, essenzialmente poetica nella propria semplice naturalezza. I temi del romanzo sono importanti, in alcuni tratti piuttosto forti, ma la violenza cede ogni volta al ragionamento e alla dolcezza dei sentimenti.
È un romanzo di formazione che non ricerca facili consensi, che lascia un senso di condivisione e di appartenenza nella deprecabile vicenda dei due protagonisti e un concetto così semplice e vero, la forza intrinseca nella debolezza.


…”Era tutto così bello. Per la prima volta in vita mia vedevo la luce bianca in fondo al viale alberato che avevo percorso tante volte. Ora sapevo. Il mondo, dentro le mie lacrime che non cessavano di scorrere, formava un’ immagine, e quel mondo aveva una sua profondità. C’era qualcosa alla fine di quel mondo, c’era un aldilà. Spalancai gli occhi più che potevo, con tutte le mie forze, e tutto ciò che vi si rifletteva era bello. Continuai a piangere, in piedi nel mezzo di quell’ineffabile bellezza, senza pensare a niente. Le lacrime scendevano incessanti sulle mie guance. Tutto era bello. Senza nessuno a cui dirlo, senza nessuno a cui mostrarlo, semplicemente e meravigliosamente bello “…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232