I sotterranei I sotterranei

I sotterranei

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

E' questa la storia fra un bianco e una negra, amore commosso e nevrotico tra due esseri che si rincorrono e si respingono, nell'ambiente delle 'caves' di San Francisco popolate di giovani ribelli a ogni morale sociale, i cui idoli sono il jazz, la velocità, il sesso, la droga e la libertà individuale: giovani "disperati e inquieti, che credono nella vita ma respingono i sistemi morali e sociali precostituiti e vogliono scoprirne da sé dei nuovi."



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
4.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I sotterranei 2012-11-08 11:40:56 AlexF
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
AlexF Opinione inserita da AlexF    08 Novembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Benzedrina...baby

Una scrittura dettata dalle sensazioni, dalla voglia di descrivere ciò che gli occhi catturano secondo dopo secondo, fuori dalle mura della correttezza grammaticale e dalla forma, Jack preferisce dare più importanza a cio che accade fuori e dentro...
Da leggere in macchina o in un vecchio caffè di una grande città.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sotterranei 2012-03-01 16:17:51 Giovannino
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    01 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancora sottotono...

Anche stavolta il vecchio Jack non mi ha colpito, anzi. Dopo aver letto Sulla Strada, che avevo trovato un bel romanzo, ma non così stupefacente come spesso si dice del più romanzo del fondatore della Beat, decido di dargli un’altra possibilità e comincio “I Sotterranei”. Il romanzo parla della storia di Leo (Kerouac) e di una bella ragazza di colore, Mardou. I due si conoscono ad una festa, lui la corteggia, finisce per farla innamorare, fino poi a rovinare tutto a causa della sua gelosia nei confronti di un altro ragazzo di nome Yuri. Leo aveva infatti sognato che Mardou una notte lo avesse tradito con Yuri, ed è così convinto della veridicità di questo sogno che finisce per litigare con entrambi e perdere l’amore della bella Mardou. Se già di per sé la storia non è né tanto originale e né profondamente coinvolgente, ciò che gli dà il colpo di grazia è lo stile estremizzato che Kerouac usa in questo romanzo. Si serve infatti della prosa spontanea, ma diversamente di come fa in “Sulla strada” in questo libro lo estremizza troppo, a mio modo di vedere. Ci troviamo quindi a leggere di periodi lunghissimi con solo un punto e due virgole, per non parlare delle mille volte che apre diversi argomenti senza poi chiuderli. La storia, che già di per sé non è molto avvincente, finisce così per risultare lenta ed a tratti noiosa, molto noiosa. Ho impiegato una settimana per leggere questo libricino che è poco più di 120 pagine, perché non riuscivo ad andare oltre le 10/15 pagine al giorno,e molte volte perdevo il filo di quello che stavo leggendo, salvo poi riprenderlo ( e capire alcuni concetti) solo uno o due giorni dopo con il seguito del libro. Insomma se già “Sulla strada” non mi aveva entusiasmato, questo non ha di certo migliorato la mia considerazione per Kerouac, che reputo un grande scrittore, ma non ai livelli di Bukowski o Burroughs ( per citare due suoi contemporanei). In sostanza un libro che consiglio solo a chi ama veramente questo scrittore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sotterranei 2010-10-03 21:00:40 The hooded man
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
The hooded man Opinione inserita da The hooded man    03 Ottobre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello, ma non adatto a tutti

Pediodi infiniti, lunghi pagine intere.
Punteggiatura praticamente inesistente.
Per chi non conoscesse Kerouac e si trovasse a leggere questo libro, potrebbe quasi sembrare che lo scrittore non possegga la benchè minima tecnica.
In questo caso l'autore ha deciso di sacrificare qualsiasi convenzione letteraria, qualsiasi ritmo di lettura che non sia frenetico e mozzafiato.
In un'opera scritta in tre notti, tra alcool, depressione e malinconia, Jack Kerouac è riuscito a cancellare quella linea che ha sempre diviso il lettore da colui che scrive il libro, creando così una porta che si apre direttamente nella sua anima.
E' l'anima che ci ha messo, non la razionalità.
Quì lui ci parla di un suo grande amore, Mardou, così tormentato ed al contempo così bello.
Impossibile non rivedercisi, e questo anche grazie proprio alla maniera in cui è scritto il libro.
Dopo averlo iniziato capirete subito che prima di gettarsi in un nuovo periodo sarà meglio prendere una boccata d'aria e buttarvisi in apnea.
Un libro stupendo, che ha il merito di avermi fatto conoscere questo grandissimo autore.
Postilla per coloro i quali hanno letto ed amato "On the road":
Non sperate di ritrovare quel matto di Dean Moriarty o il vecchio Sal Paradise; leggendo "I sotterranei" vi dimenticherete che in entrambe le opere l'autore si chiama Jack Kerouac.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
altro della beat generation e che ha pazienza
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sotterranei 2009-04-27 16:48:26 A.Menghini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
A.Menghini Opinione inserita da A.Menghini    27 Aprile, 2009
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

dove Kerouac incontra Bukowski

Fare un commento al grande Jack è molto difficile, allora senza rischiare di sembrare noioso tessendo le lodi di Mr. Kerouac mi limito a dire che il libro è assolutamente eccellente.

Lo stile graffiante ed incisivo.

La soria, senza entrare nei dettagli è originale e non prevedibile.

Come dicevo quando Keouac incontra Bukowski... insomma tempo ben speso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day