Il bruto Il bruto

Il bruto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

L'incontro ambiguo tra la brutalità del mondo e l'innocenza dell'infanzia, l'amicizia pericolosa tra un bambino e un criminale, un rapporto di violenza che si trasforma in tenera complicità: sono i temi al centro di questo romanzo pubblicato nel 1926 dall'autore rumeno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il bruto 2018-11-26 09:43:35 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    26 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fratello di croce

Istrati vale sempre la pena leggerlo. Questo non è il suo romanzo migliore dal punto di vista stilistico. Forse la traduzione è appena meno brillante di quelle proposte da altri editori, almeno questa è la sensazione che mi ha dato alla lettura. Comunque la storia è interessante. I personaggi sono karamazoviani, belli, pieni di luci e ombre. Moralmente oscillano tra abissi di bene e di male, in particolare Kodin, il protagonista, l'uomo perduto, ex galeotto, capo di una banda di quartiere. Eppure il desiderio del galeotto di amore, di purezza, di assoluto, di affetti disinteressati è qualcosa che colpisce profondamente: l'idea del fratello di croce. Il tutto è inserito nel solito nomadismo, desiderio di conoscere nuovi luoghi (la palude, il quartiere malfamato), persone, usi. Istrati ha una curiosità senza fondo per tutto quello che riguarda gli uomini e un profondissimo desiderio di giustizia, di bene, di condivisione e di amicizia assoluta. I suoi personaggi si butterebbero nel fuoco per un amico e non conoscono la misura, anzi la disprezzano profondamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day