Narrativa straniera Romanzi Il Capitano e la Gloria
 

Il Capitano e la Gloria Il Capitano e la Gloria

Il Capitano e la Gloria

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In un oceano vasto quanto tutti gli oceani messi insieme, naviga un bastimento grande come tutti i bastimenti messi insieme. Ma la Glory non è una nave come le altre. Le sue migliaia di passeggeri sono anche i milioni di cittadini di un paese innominato che sta forse cominciando a pentirsi di aver scelto di farsi governare da un uomo con una piuma gialla tra i capelli. Quest’uomo pauroso, irresoluto e crudele, che odia tutti coloro che sono migliori di lui, è il capo di una cricca che a poco a poco allargherà il proprio potere fino a espellere con violenza dalla nave ogni più piccola forma di dissenso. Ma ogni tiranno trova, prima o poi, un tiranno più feroce e più intelligente di lui. Così, un bel giorno, la Glory sarà abbordata da altri bastimenti e il Capitano, che si credeva così forte, sicuro e amato su una nave-paese trasformata dal suo oscuro carisma in un adorante pollaio, dovrà fare i conti con pirati ancora più sanguinari di lui ai quali basteranno due risate per distruggerlo.



Recensione della Redazione QLibri

 
Il Capitano e la Gloria 2020-10-27 09:41:35 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    27 Ottobre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Capitan Fracassa

Quando Michael Moore ha realizzato il film Farhenheit 11/18 voleva fare riflettere gli americani sull’elezione di un politico come Trump fornendo loro materiale su cui farlo. Invece Eggers ha rinunciato a questo tipo di sforzo, ritenendolo fatica sprecata, e in questo suo libro si rivolge all’americano medio con un testo più alla sua portata. Una favola molto semplice in cui l’uomo con la piuma gialla, un uomo senza grandi qualità né morali né tantomeno intellettuali, decide da un giorno all’altro di voler fare il capitano della nave senza avere nessuna nozione di navigazione né il buon senso di farsi consigliare di chi ha esperienza o da guide di navigazione, né buonsenso in generale. Il capitano si candida alle elezioni navali. E. incredibilmente, il fatto che un personaggio così da poco possa diventare capitano di una grande nave stuzzica il sogno americano che viene così rimaneggiato: un tempo chiunque dopo studio, meriti, preparazione poteva aspirare a fare qualsiasi cosa; ora chiunque, nel senso di qualunque imbecille, può fare qualsiasi cosa, fosse pure il capitano di una nave senza averne le capacità. Questa nuova versione consolatoria del sogno americano appare migliorativa, soprattutto ai più deficienti tra i passeggeri. Ovviamente l’uomo con la piuma gialla ha una certa antipatia per gli amici storici del vecchio capitano, per il vecchio capitano, anzi per tutti i vecchi capitani, mentre ammira sconfinatamente gli altri pericolosi pirati un tempo nemici della nave. Non faccio spoiler sul finale.
La metafora è, diciamo, alla portata degli elettori del capitano, studiata sul loro livello. Oppure Eggers si è rivolto ai figli degli attuali elettori sperando che in futuro stiano alla larga dagli uomini con la piuma gialla.
Quanto a me, da un punto di vista letterario il libro non mi entusiasma. Anche il tipo di satira così vago non mi entusiasma. Apprezzo però lo sforzo di fare riflettere gli elettori dell’uomo con la piuma gialla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Capitano e la Gloria 2020-12-24 15:16:55 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Dicembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il capitan della barzelletta

«Ma nel corso degli anni questo concetto era arrivato a significare che qualunque imbecille poteva decidere di diventare capitano un certo lunedì, e martedì, senz’averne la capacità, quello stesso imbecille poteva prendere il comando di un vascello di trecentomila tonnellate e assumersi la responsabilità delle migliaia di vite che c’erano dentro.»

Una favola/satira dal retrogusto amaro è quella proposta da Dave Eggers, una fiaba in chiave moderna destinata all’elettore americano medio e forse, proprio per questo, a questo adattata. Chiunque leggendo detto componimento e conoscendo di quel Capitano dalla piuma gialla, le cui gesta eroiche sono riferibili a riviste porno con le quali ha allietato quei giorni in cui gli altri suoi rivali e grandi Capitani venivan torturati nell’intento e nella speranza di poter salvare il popolo da una minaccia, non faticherà a dargli un nome e un volto e a rivedere nel suo comportamento personalità di grande attualità.
Quel che accade tra queste pagine è molto semplice: un uomo, un nullafacente, un individuo dall’assenza di valori, dalla scarsa istruzione, incompetente, rancoroso, geloso del successo altrui e timoroso del non conosciuto ma troppo limitato, orgoglioso, supponente e poco umile per dedicarsi all’apprendimento per colmare quelle proprie lacune che non vede, viene eletto nuovo capitano della nave dei mari. Non ha gli strumenti e le capacità per governarla, si affida a una bocchetta dell’aria per prendere qualsiasi decisione, non ammette la propria incapacità, fa promesse vane che ovviamente non mantiene, illude i suoi viaggiatori, punisce senza un motivo anche con la morte per puro piacere di farlo o anche meramente per volontà di destare timore in chi lo segue anche se di fatto si crea solo una mera e bieca abnegazione e abitudine a quei comportamenti, getta i libri e qualsiasi oggetto di cultura perché li teme e ne teme il contenuto così come teme tutto quello che potrebbe essere più dotto perché non capace di reggere il confronto, scarica la colpa sul diverso e il richiedente aiuto magari mezzo annegato in una scialuppa di fortuna e alla fine finisce anche con l’essere spodestato da quei pirati che compresa della sua inettitudine se ne fanno anche beffa. Questo e molto molto altro è ciò che scaturisce da quei comportamenti inadeguati e folli.

«Però era anche vero, pensò il Capitano, che la nave poteva essere piena, perché nulla di ciò che sembra vero era mai proprio vero, dato che tutte le verità erano menzogne elitiste perpetuate da coloro che non amavano il Capitano. E nella voce della bocchetta c’era qualcosa di stridulo e invisibile, e colmo di sospetto e di rancore, che era più intrinsecamente affidabile di qualunque documento fosse stato consegnato al Capitano, o dei suoi stessi occhi.»

Eggers calca molto la mano, esagera, la porta ai massimi estremi volutamente. Disturba e fa riflettere, con sarcasmo, satira e ironia; caratteristiche che gli sono proprie. Adatta il suo stile e il suo scritto allo stesso elettore del capitano dalla piuma gialla e se vogliamo fa una denuncia in piena regola di quel che accade.
Non posso definire questo libro il mio preferito di questo autore che seguo sempre con curiosità e interesse, ma certo è che nel suo intento riesce e seppur un lungo racconto di appena 110 pagine, “Il Capitano e la Gloria” non passa inosservato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri