Narrativa straniera Romanzi Il ponte d'argilla
 

Il ponte d'argilla Il ponte d'argilla

Il ponte d'argilla

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Una storia di famiglia indimenticabile e commovente è al centro del nuovo romanzo di Markus Zusak, l'autore del bestseller mondiale Storia di una ladra di libri, definito dal New York Times come "uno di quei libri rari che possono cambiarvi la vita". Il ponte d'argillaè la storia appassionante di cinque fratelli costretti a vivere soli, e a definire da soli le regole della propria esistenza. E mentre i fratelli Dunbar amano, soffrono e lottano per imparare a fare i conti con il mondo degli adulti, scopriranno il segreto, tenero e straziante a un tempo, che si cela dietro la scomparsa del loro padre. Al centro della famiglia Dunbar, c'è Clay, l'unico dei fratelli che accetterà di riavvicinarsi al padre, per costruire con lui un ponte, concreto e metaforico nello stesso tempo: lo farà per la sua famiglia, per il loro passato, per il loro futuro, per espiare le colpe e dimenticare il dolore. Lo farà perché crede nel miracolo dell'animo umano. Ma fino a che punto Clay riuscirà a spingersi in questo percorso interiore? QuantI degli ostacoli che la vita gli ha posto davanti riuscirà a superare? Come Storia di una ladra di libri, ancheIl ponte d'argilla è un romanzo scritto con un linguaggio inventivo e appassionante, ricco di vita e di sentimenti, e raccontato - nello stile caratteristico di Markus Zusak - con una voce ironica e leggera, ma sempre calda e suggestiva.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ponte d'argilla 2018-11-08 16:07:19 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    08 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Matador nella quinta...

«Forse è vero che non siamo noi a prendere certe decisioni. Crediamo di essere noi a prenderle, invece no. Giriamo e giriamo per il quartiere in cui viviamo. Passiamo davanti ad alcune porte. Quando battiamo sul tasto di un pianoforte e non esce nessun suono, riproviamo, perché dobbiamo. Abbiamo bisogno di sentire qualcosa, e speriamo di non aver commesso un errore» p. 183

Archer Street. I ragazzi Dunbar. In ordine dal più vecchio al più giovane: Matthew, Rory, Henry, Clayton, Thomas. Un assassino, un avvenimento tragico che li ha portati ad essere soli. Un assassino che non è altro che loro padre, che non ha ucciso nessuno nel senso figurativo del termine ma che è come se avesse provocato la morte di qualcuno, e più precisamente dei suoi cari, perché talvolta un abbandono non può che essere considerato che al pari di una morte. Eppure, adesso dopo quasi tre anni di assenza, quest’uomo ha il coraggio di tornare dai suoi figli. Cinque figli di età diverse costretti a crescere prima del tempo, costretti ad essere autosufficienti anche se per loro quelli sarebbero gli anni dello studio, dei primi amori, dei giochi, perché deve costruire un ponte e ha bisogno di loro. Tra tutti soltanto uno deciderà di aiutarlo per intraprendere quel percorso di crescita e di ricostruzione. Perché il ponte che dovranno costruire non è soltanto una struttura in argilla che è stata precedentemente distrutta dalle intemperie e dall’acqua e che loro vogliono ripristinare, ma è anche un ponte metaforico, un ponte che ha lo scopo di ricostruire i rapporti, i legami familiari che si sono interrotti, che sono stati annientati da una perdita incolmabile e ingestibile. E tutto questo avviene tra una casa con degli uomini con particolari abitudini, con animali da affezione di vario genere e tutti con nomi tipicamente mitologici (un gatto, un piccione, un cane, un pesce e un mulo), tre libri e più precisamente l’Iliade, l’Odissea e il Cavatore, e con la presenza di una ragazza dai capelli castani con riflessi ramati che ha una grande passione per le corse di cavalli e che sogna di diventare fantina (anche se questo le costerà molto caro).
Voce narrante dell’opera non è altro che il fratello più grande Matthew che ci racconta i fatti in un perfetto alternarsi di presente e passato, ma protagonista indiscusso è Clay. Clay con il suo dolore, con la sua solitudine, con la sua ricerca, con quel vuoto da colmare, con quei dubbi e quelle domande che non trovano risposta. Perché «si rendeva conto che c’era qualcosa, là fuori, e adesso lo so anch’io… Perché ci stavamo allenando a nostro modo, nel mondo della periferia, per andare incontro a lui. Correvamo e andavamo in cerca di un mulo».
E mediante la voce di Matthew, Zusak plasma, crea, forgia. Offre al lettore una storia di grande contenuto che ben regge il confronto con il passato e che non delude per contenuti e morale. Le tematiche e gli spunti di riflessione ci sono tutti, unica pecca che confesso di aver riscontrato è nell’impianto narrativo adottato. Un impianto narrativo che tende ad essere lento e farraginoso tanto da sfiancare e far perdere di pathos a quella che invece sarebbe una vicenda di grande introspezione. Ciò accade a causa del fatto che avvalendosi di continui flashback, lo scrittore tende a spiegare, spiegare, spiegare ma non a mostrare. Ogni volta che un paragrafo o sotto-capitolo si interrompe per proseguire in un successivo, egli riparte dal principio, tornando indietro in un passato remoto che è fondamentale ai fini dello sviluppo dell’elaborato ma che appesantisce, rallenta la lettura.

«Se c’è una cosa che ho imparato, però, è questa: se è vero che la vita va avanti dopo la morte, prima si svolge nel mondo in cui apparteniamo.» p. 378

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'angelo di vetro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri