Narrativa straniera Romanzi Infelici gli dei
 

Infelici gli dei Infelici gli dei

Infelici gli dei

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Se l'amore implica tutta questa follia, questo spreco, questa mancanza, perché andarselo a cercare? È una catastrofe naturale paragonabile a un uragano, da affrontare solo se ogni tentativo di fuga è impossibile. Però. Il fatto è che lei non si sente per niente vittima di una catastrofe. Lei è felice. Quando imbocca il viale del ranch di famiglia, March Briscoe non sa cosa lo aspetta: dopo due anni in esilio a scontare la relazione con la bellissima moglie del fratello, Hap trova ad attenderlo una famiglia più divisa che mai. Suo padre, Peter, è felice di riabbracciarlo, mentre la madre, June, non può fare a meno di rivedere in lui il marito, i tradimenti, il dolore e l'umiliazione a cui ha sempre opposto con fierezza la volontà di mettere la famiglia davanti a tutto. Ma il problema è che la famiglia è grande, curiosamente allargata: Peter ha avuto due figli da un'altra donna, i gemelli Artie, spiccia e sportiva, e Arlo, tenebrosa rockstar. E un terzo, Burke, quando era appena sposato con June. Tutti sanno tutto di tutti, o così credono. Il ritorno di March, che è scortato ovunque da una coppia di grossi cani, è come una scintilla nell'erba secca: le tensioni trattenute a stento in nome dei figli, dell'onore, dell'orgoglio esplodono e travolgono tutto, compresa una vittima innocente in un dubbio incidente di caccia che reclamerà giustizia. Liti verbali e risse, funerali e barbecue, vitelli da marchiare e veterinari interessanti, vecchie verità e nuove bugie: una settimana densa come un anno che vede saltare gli equilibri. Bisognerà inventarne di nuovi per andare avanti. Liberamente ispirati agli abitanti di un altro Olimpo, i personaggi impetuosi di Olympus, Texas animano una saga familiare contemporanea ma tragicamente classica, in cui l'amore vince tutto: vince perché distrugge.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Infelici gli dei 2021-11-30 19:12:33 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Novembre, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli dei caduti dall'Olimpo

Olympus, Texas. È qui che la famiglia Briscoe ha affondato le sue radici e visto crescere il suo tronco e i suoi frastagliati rami. Non è un caso però che si parli di Olimpo. È qui che il patriarca Peter ha avuto sei figli da tre donne diverse, è qui che tutta la famiglia è a suo modo eroe, vittima, traditrice e protagonista. Non è un caso che si faccia riferimento al fatto che «Gli dei ci invidiano. Ci invidiano perché siamo mortali, perché ogni momento può essere l'ultimo per noi. Ogni cosa è più bella per i condannati a morte.», non è un caso che Stacey Smann, giovane scrittrice ma anche insegnante di scrittura creativa negli USA, allegoricamente vi rimandi. E cos’è “Infelici gli dei” se non un romanzo-cosmogonia all’interno del quale viene narrata proprio una settimana di vita di questa così distrutta famiglia.
Una famiglia che vive in un luogo selvaggio, primordiale e dove a governare è il sole con i suoi raggi che bruciano la pelle. E d’altra parte la maestria della Swann risiede proprio nell’allegoria e cioè nel riuscire a celare e rimandare ad ogni protagonista il volto e le caratteristiche di una divinità. Alla base vi è l’infedeltà del capostipite che viene seguita e accompagnata dall’ira di June, la terza moglie; donna orgogliosa e ferita ma che ancora ama quell’uomo che ha accanto. Le radici di quella famiglia sono aride, deboli, dissestate, ormai. Il ritorno di March dal suo “esilio” rappresenterà il punto di non ritorno. Figlio di Peter e June, come sopra anticipato il padre ha avuto sei figli da tre donne diverse, questo si è macchiato della colpa più grave e imperdonabile di avere una relazione con la moglie di Hap, il fratello. In tutto questo a precipitare è anche il rapporto dei due gemelli Artie e Arlo, figli nati dalla relazione extraconiugale con Lee. A tornare a casa sarà anche Thea, la figlia minore di June e Peter che in passato si era allontanata da casa a causa di una relazione incestuosa che si ricollega alla terza relazione extraconiugale del padre.
Voci e personaggi che tra loro si fondano ma anche scontrano e che portano al susseguirsi di tutta una serie di vicissitudini inaspettate quanto drammatiche. Perché tra tutti gli eventi che si susseguiranno e che tratteranno il tradimento quanto la caccia ma anche la violenza e la violenza omicida, a tornare a galla saranno i tanti non detti che si celano dietro il volto di questa famiglia. Un non detto che ha scaturito profondi risentimenti ma che ha portato anche alla manifestazione di tanti demoni quali la lussuria di Peter, l’ira di June, l’orgoglio di Thea, la violenza di March, la gelosia di Arlo, la superbia di Vera, l’invidia di Hap. È la mancanza di un cuore, “arto fantasma”, a mancare a questo nucleo.
Il risultato è quello di uno scritto che mixa epica e realtà contemporanea riuscendo a trattare temi di grande attualità e a solleticare la curiosità dei lettori. Ciò sino alla conclusione inevitabile del romanzo, la catarsi finale. Quella stessa catarsi teorizzata da Aristotele, quella stessa catarsi che altro non può essere che la rottura che porta al nuovo equilibrio e da qui alla metamorfosi.
“Infelici gli dei” è un romanzo stratificato che nulla risparmia e che si lascia apprezzare tanto dagli amanti del genere quanto dai non amanti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa