Narrativa straniera Romanzi L'opera galleggiante
 

L'opera galleggiante L'opera galleggiante

L'opera galleggiante

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La mattina del 21 giugno 1937 Todd Andrews (un'avviatissima carriera di avvocato, una sobria vita borghese in una cittadina di mare del New England, un improbabile menage a trois con l'amico Harrison, erede di un impero dei sottaceti, e la graziosissima moglie di lui) si sveglia, si alza dal letto e guardandosi allo specchio scopre che la risposta a ogni suo problema è il suicidio. Vent'anni dopo, ancora vivo, racconta al lettore gli sviluppi di quella fatale giornata. Pubblicato originariamente nel 1956 e rivisto dallo stesso autore nel 1967, il romanzo è considerato da molti il capolavoro di John Barth, in cui si fondono spirito nichilista, humour nero e critica di costume.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
L'opera galleggiante 2013-02-22 08:12:17 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    22 Febbraio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sì, galleggia

Il racconto è fatto in prima persona dal protagonista Toddy. Per buona parte del libro Tod si presenta come un cinico, e la narrazione è piacevole e divertente. Del resto è anche un avvocato, il mestiere ideale per un cinico. La metafora della barca (che dà il titolo al libro) cara all'autore è nella storia la metafora di mille cose diverse. E' l'oggetto materiale che a un certo punto il protagonista decide di costruire con le sue mani rimediando a errore su errore fino ad arrivare a un esemplare che sta a galla sì e no e di cui ci fa una minuziosa descrizione. E' anche il contenitore dello spettacolo "l'opera galleggiante" che chiude il libro, contenitore fatto a mano dal suo proprietario in perfetta analogia con la barca costruita da Tod. Anche questo improvvisato artigiano di tutto si intendeva meno che di navi quando si è cimentato nella costruzione e anche questa barca suggerisce l'idea di precarietà e di incertezza. La barca malriuscita ma galleggiante è infatti importante: simboleggia per l'autore il romanzo stesso, inizialmente rifiutato da mille editori, e dentro il romanzo, relativamente al protagonista, simboleggia in primis i rapporti umani e poi la sua intera vita. Generalizzando, la vita di qualsiasi uomo.
Tutti i rapporti imbastiti dal protagonista hanno qualcosa in sé di sbagliato: con il padre il dialogo è insufficiente e la comprensione reciproca scarsa, con la sua prima ragazza Betty si generano equivoci spiacevoli soprattutto quando Toddy in occasione del loro primo rapporto si abbandona a una ilarità incontenibile, e con il migliore amico e sua moglie June c'è una spiacevole falsità dovuta al famoso rapporto triangolare. Tale rapporto è accettato, anzi deciso e voluto da tutti i vertici del triangolo di comune accordo (forse più passivamente da Tod) e porta in sé i germi per la sua rovina , come Toddy stesso riesce a prevedere con grande chiarezza e lungimiranza.
Ma allora perché Tod, se tiene alle persone, accetta che le cose prendano sempre una certa piega che porterà alla distruzione di affetti e relazioni? Sostanzialmente perché è un cinico e coglie il meglio per sé di ogni situazione. Una persona che arriva a capire che nella vita tutto è indifferente, che non ci sono valori assoluti, che niente vale la pena, ha infatti due strade davanti o il cinismo o la santità. Beh, ci sarebbe la terza strada, il suicidio, presa anch'essa in considerazione per buona parte del romanzo. Ma alla fine se niente vale la pena, non vale la pena nemmeno lo sforzo del suicidio (strada percorsa dal padre di Toddy, dal "giovane" amico di Toddy, e presa in considerazione da Toddy stesso). Perciò meglio lasciare che la vita proceda come una barca più o meno galleggiante trascinata dalla corrente lungo il fiume della vita. Verso la fine del libro Tod mostrerà per un attimo un'altra faccia, più sensibile. Nella vita ognuno è un attore e recita diversi ruoli. Certo, per un attimo Tod ci sembrerà una persona diversa, attaccato per lo meno a June e preoccupato per gli amici, che rincorre il padre morto suicida nel tentativo di capire il suo gesto, affezionato a Jeanette, la figlia del triangolo, la "loro" figlia, un plurale che comprende due padri. Probabilmente è solo l'ulteriore metamorfosi da cinico a santo, un passaggio di stato che implica un cambiamento energetico minimo visto che i presupposti per i due stati dell'essere sono identici: l'assoluta indifferenza a tutto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sartre, il giovane Holden, J. Fante
Non stupitevi dell'accostamento, questo libro unisce riflessioni filosofiche (soprattutto nella parte finale) e uno spirito goliardico (parte iniziale) apparentemente inconciliabili.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna