Narrativa straniera Romanzi L'ultimo figlio
 

L'ultimo figlio L'ultimo figlio

L'ultimo figlio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Oggi per Anne-Marie è l'ultimo giorno della sua vita come l'ha conosciuta finora. Théo, il suo terzo figlio ormai diciottenne, se ne va di casa. In questa giornata in cui apparentemente non succede nulla di speciale – l'ultima colazione insieme, il trasloco, il pranzo al ristorante – Anne-Marie osserva con sensibilità estrema e dolore crescente ogni azione del figlio, ogni passo che lo allontana da lei. Di ritorno con il marito Patrick, un uomo di poche parole, in quella casa così grande e ora così vuota, si lascia andare ai ricordi. L'incidente che l'ha resa orfana appena ventenne, obbligandola ad abbandonare gli studi, il matrimonio, solido ma poco romantico, il lavoro, sicuro ma ripetitivo, e Théo bambino, cresciuto tanto in fretta e ora lontano. Di fronte a questo evento ordinario, che porta con sé la coscienza che nulla sarà più come prima, la pervade un senso di vertigine. Come può una madre reinventare il proprio futuro? Come imparare a vivere di nuovo sola con il marito? Philippe Besson racconta le ventiquattro ore di una donna, una madre, la cui esistenza vacilla davanti alla separazione ineluttabile dall'ultimo dei suoi figli, e ne scandaglia i sentimenti più nascosti e contraddittori, le paure, la fragilità, in una disamina profonda sul senso della vita, della famiglia e della coppia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
L'ultimo figlio 2022-07-04 04:24:41 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    04 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cuore infranto

Una madre e l’urgenza di leggersi dentro tra realtà, sogno, ricordi, rimpianti, un tuffo nel passato, un presente a termine, il futuro inarrivabile, almeno per lei, ventiquattr’ore per ridefinirsi e cambiare i colori della propria esistenza.
Philippe Besson inscena il diario psicologico e intimo di una donna tradita che ricostruisce la propria storia nel momento in cui il proprio figlio più piccolo, Theo, decide di abbandonare il focolaio domestico per aprirsi alla vita, cercare gente diversa, nuovi amici, in una città rumorosa dai contorni indefiniti. Se ne va mentre tutto resta, casa, parenti, genitori, niente sarà più come prima, per Anne-Marie devastazione e annientamento affettivo. Che cosa fare per salvare il salvabile, rinviare l’ agonia, indirizzare altrove una mente sopraffatta dall’ ansia e dalla paura ?
Preparativi, trasloco, nuova sistemazione, una cena a tre, ricordi condivisi, emozioni inarginabili, poi la partenza e il distacco definitivo.
Tutto cambia in un attimo non preventivato, per Anne-Marie il dolore è eccessivo, dentro di se’ vuoto e smarrimento, la ricerca di uno sguardo amico, ma il marito Patrick, un tipo tranquillo, con tratti caratteriali diversi, dotato di senso pratico, che ha sempre espletato il proprio ruolo di pater familias, a sua volta è assente, svuotato, ingrigito, impegnato in altro, e non sembra capirci nulla. Inutile affidarsi ai consigli superficiali di una vicina, ne’ cercare un antidoto appellandosi al figlio maggiore, nessuno è in grado di partecipare, di condividere, di consolare una madre.
E’ un lutto che la porta a fare i conti con se stessa, un cambiamento radicale e l’accettazione di un dato di fatto, il fluire necessario della vita. Ma perché cambiare quando si vorrebbe continuare ad accudire, proteggere, assecondare il proprio “ bambino “?
Ci si guarda dentro, si scruta l’ orizzonte, ci si affida agli altri, ma a chi realmente e sara’ possibile una vita diversa, una ridefinizione di se’?
La psicologia di una madre è semplicemente complessa, paura ancestrale, conflitto interiore per “ salvare “ i propri figli, preservarli e conservarli, ma quanto vi è di reale e di immaginario in uno scenario che prevede un vincitore e un vinto, nel quale prevale una visione egoisticamente altra?
Defilarsi, rinunciare, lasciare andare, sarebbe un lutto talmente potente da inscenare un’ idea di auto annientamento, legata al senso di esclusione, di mortificazione, ricordando il passato, quando si era vissuto nel terrore di perdere il proprio figlio.
E allora come guardare al futuro quando ancora si vive rinchiusi nella bolla dei ricordi?
Per Anne-Marie un tempo che ha amato e che sta per sfuggirle per sempre, la rielaborazione di una vita trascorsa velocemente, la felicità delle piccole cose, grata per tutto quello che ha avuto.
Il cambiamento genera paura, lotta interiore, l’ incubo di una casa vuota, di un amore sfuggito per sempre, la fine della famiglia e dei giorni felici, la perdita di un figlio, una nuova vita a due, sicuramente diversa, solitudine, inutilità, invecchiamento, noia, silenzio. Come invertire questa parabola di solitudine implosa?
Una definizione di se’ in una nuova dimensione di tenerezza, il riappropriarsi del presente, poche parole consolatorie … “ dai, vieni, torniamo a casa “….
Un lungo soliloquio di una madre, trattato con dolcezza, garbo, passione, indulgenza nel momento in cui la vita non concede sconti e il futuro è adesso. Tutto cambia per restare uguale dentro di se’, parole che si autoalimentano all’ inseguimento di risposte inevase. Che cosa rimane? Il dolore della perdita, definitiva, e la difficoltà di sentirsi sola, per sempre, orfana di una parte di se’, semplicemente una madre dal cuore infranto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Quel tipo di ragazza
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso