Narrativa straniera Romanzi L'uomo che aveva visto tutto
 

L'uomo che aveva visto tutto L'uomo che aveva visto tutto

L'uomo che aveva visto tutto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

È il 1988 quando il giovane Saul Adler viene investito da un’auto a Londra sulle strisce pedonali di Abbey Road, celebri per l’album dei Beatles. Si riprende, ma il giorno dopo la sua fidanzata Jennifer Moreau, una promettente fotografa che l’ha scelto come musa, lo lascia senza motivo. Depresso, Saul si trasferisce a Berlino Est per portare avanti i suoi studi sull’Europa orientale; e da quel momento gli eventi sembrano legarsi e slegarsi in un vortice di coincidenze e discordanze. La memoria di Saul è sempre più inaffidabile, lui pare conoscere fatti non ancora accaduti ma tradisce i suoi più cari amici, Walter e Luna, che vengono arrestati dalla Stasi. Quando però, anni dopo, rimane vittima dello stesso incidente su Abbey Road, Saul intraprende un viaggio intimo alla ricerca di se stesso, per ricomporre la realtà spezzata in cui è immerso. "L’uomo che aveva visto tutto" è un romanzo sullo spazio sfocato tra verità e ricordi, un luogo mutevole in cui passato e presente convivono. Come in un’immagine a lunga esposizione, Deborah Levy fotografa squarci di tempo interiore, dove la nostra identità prende forma, e illumina il desiderio oscuro di vivere infinite vite, mille amori, mille esperienze.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo che aveva visto tutto 2022-03-30 16:20:44 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    30 Marzo, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quale vita?

“ L’ uomo che aveva visto tutto “ è un labirinto inafferrabile, un contorto giuoco mentale e di specchi, strani accadimenti che attraversano il tempo, particolari che richiamano la memoria e frammentano il reale, suoni, voci, immagini, protagonisti, tutto cambia in un viaggio dai contorni metatemporali.
Realtà e fantasia, prima, dopo, durante, una ricostruzione improbabile, impossibile e non necessaria.
Il romanzo inquadra pochi fatti. 1988, Saul Adler, il protagonista, uno storico specializzato nello studio dei paesi dell’ Europa dell’ est comunista, viene investito senza conseguenze apparenti da un’ automobile sulle strisce pedonali di Abbey Road a Londra, rese famose da una celebre copertina di un album dei Beatles. La sua vita pare riprendere forma ma viene lasciato dalla fidanzata, Jennifer Moreau, una talentuosa fotografa che vorrebbe sposare, si trasferisce per un periodo a Berlino per conoscere e scrivere sulla vita nella Germania dell’ est poco prima della caduta del Muro, frequenta due fratelli, Walter e Luna, si innamora, li tradisce, ritorna in patria e trent’anni dopo viene nuovamente investito sulle stesse strisce pedonali e si ritrova a riflettere in un letto d’ ospedale.
In questi trent’anni ha convissuto con vuoti di memoria, conosce pezzi di futuro, è attraversato e ossessionato da sensazioni famigliari, vede volti e persone che ritornano, interpreta situazioni, ricorda frammenti di vita, ignora porzioni della stessa, confonde i volti, insegue una logica all’ interno del proprio senso di fallimento.
Il lettore è rapito dall’ idea di una possibile ricostruzione consequenziale, di dare un volto a persone invecchiate e ringiovanite in un istante e nella stessa stanza, presenze che parlano dal passato e dal futuro a qualcuno che non c’è, cercando cause ed effetti.
Tutto cambia, rimosso da una nuova versione dei fatti, le poche certezze sfumano in personaggi che ne interpretano altri o che non esistono se non nella mente allucinata e fragile del protagonista.
Quante trame, parole e gesti necessari per scardinare il visibile e afferrare l’ inafferrabile nel caos di una vita indefinibile. Perché Jennifer non si fida di Saul e il suo progetto di matrimonio è fallito? Quale relazione con un padre autoritario e comunista e con un fratello sadico e violento?
E la comunione con Walter il cui sguardo gli legge dentro e la cui presenza lo fa sentire libero? E l’ affetto per l’ amico Jack, un tipo che sembra non avere sentimenti, poco amabile perché poco amorevole? Cosa dire di una madre impressa nella propria mente dall’ età’ in cui è morta? Che ne è stato di Luna, lunatica come il proprio nome, innamorata dei Beatles, che voleva costruirsi un futuro altrove?
E tutte quegli oggetti e sensazioni che hanno accompagnato il viaggio di Paul, una scatola di fiammiferi contenente delle ceneri, l’ obiettivo di una macchina fotografica sempre puntato contro, le foto di un’ altra geografia e di un altro tempo, dell’ ananas in scatola da comprare, un barboncino a cui parlare, un presunto incendio, una fidanzata che amava il suo corpo e che gli ha sempre impedito di descriverla fisicamente?
Nel 2016, in un letto di ospedale, Saul Adler si domanda cosa ne è stato di se’ e che cosa è successo in tutti questi anni, lui che non è mai riuscito ad avere una relazione libera con il proprio corpo, che non è mai stato libero, sempre distaccato e assente, che ha abbandonato ogni volta l’ intimità, che non sa come gestire la vita e quello che essa comporta, responsabilità, amore, solitudine, sesso, storia, che ha scoperto uno spettro in ogni fotografia.
“ L’ uomo che aveva visto tutto “ esce da un costrutto classico per trascinarci in un caos che ci induca a riflettere sul significato della parola libertà, vera e presunta, sul senso di prigionia e di autoritarismo, sulla finzione e il legame con il proprio corpo, sulla vita con la sua onda sentimentale, su sbarramenti reali e immaginari.
Della propria vita si è capito ben poco così come di quella degli altri, forse tutte quelle fotografie che hanno cercato di fissare un attimo, credendo di impadronirsi dell’ altro, continuano egoisticamente a parlare di se’ e della propria storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai