Narrativa straniera Romanzi La casa di luce
 

La casa di luce La casa di luce

La casa di luce

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Per alcuni esseri umani c'è un momento nella vita nel quale si deve decidere di lasciarsi alle spalle le convenzioni per ritrovare se stessi in un luogo lontano dal consumismo, vicino alla natura. Il nostro Sognatore compie questo atto di coraggio spinto dall'amore per l'oceano e proprio lì, su una costa incontaminata, costruisce la sua casa di luce, che gli permette di rimanere sempre in contatto con il mondo che lo circonda. L'uomo riscopre bellezza e sintonia, riprende un dialogo silenzioso con le creature del mare e riscopre l'amicizia: quella con una piccola volpe selvatica, Chiqui, che diventa per lui una tenera guida.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa di luce 2016-02-21 07:20:30 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il linguaggio della verità non è verbale

Sabato pomeriggio: quando la vita rallenta e le idee si dilatano, malinconie e speranze prendono il sopravvento.
Ricordo distintamente il pensiero che, come l’autore di questo libro, ho fatto al termine di un volo Milano-Roma, quando tutti riaccendono gli smartphone e un concerto di cicale meccaniche e suonerie segnala messaggi ricevuti in quarantacinque minuti di volo (“Poi un giorno un semplice dettaglio lo portò a prendere una decisione…”).

Anch’io vivo nella gabbia (“Abbandonate la vostra gabbia, se è quel che desiderate”): dei desideri irrealizzati, delle tecnologie che non rappresentano opportunità ma strumenti di schiavitù, dell’insoddisfazione per una vita che fugge via nella dispersione di attività che non corrispondono all’essenza.
E allora penso a un luogo sull’oceano (“Aveva sentito parlare di un luogo remoto sulla costa peruviana, vicino alla linea dell’Equatore”), ove costruisco un nido: non una gabbia, ma un rifugio. Una casa di luce (“Se avete bisogno di un posto dove fermarvi a riposare, costruitevi un nido e fatelo diventare la vostra casa di luce e amore, dove risanare le vostre ferite e sentirvi liberi di chiedere perdono a voi stessi o alle persone che avete ferito”).

Lì, spogliato dalle abitudini e dalle convenzioni, coltivo pochi rapporti fondamentali: con Santiago, pescatore solitario, con la volpe Chiqui (“La volpe si avvicinò ancora e gli posò una zampa sulla gamba”), che tanto mi ricorda un’altra volpe, quella del piccolo Principe, con gli uccelli Sole e Luna e i granchi rossi che, brulicanti, ricoprono la battigia.
Lì comprendo il linguaggio universale (“E finalmente libero dalle catene che lo avevano reso infelice , si scoprì capace di comunicare non solo con gli animali selvatici, ma anche con i fiori e gli alberi”), quello che consente di comunicare con la Natura.
Lì, durante la stagione delle piogge, ascolto la mia musica preferita: uno stillicidio che sa trasformarsi in tempesta.
Poi nell’incontro con “i giganti gentili”, tocco il mammifero per eccellenza, gli parlo e ritrovo la mamma che mi è stata sottratta.

Lo so, è solo un sogno, l’ho fatto leggendo La casa di luce di Sergio Bambaren. Ma anche lì, il protagonista si chiama “il sognatore”

Giudizio finale: elementare, naturalistico, indimenticabile come un sogno bello.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta