Narrativa straniera Romanzi La casa dipinta
 

La casa dipinta La casa dipinta

La casa dipinta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Luke Chandler, un bambino di sette anni, ci racconta l'epopea di un'America contadina fatta di sofferenze e di incanti: le piantagioni, i braccianti, i tramonti dell'Arkansas nel 1952. Ma quella che da lontano appare come un'idillica scena agreste si rivela essere, da vicino, un luogo di mille tensioni: la violenza dei braccianti, la dura lotta per la sopravvivenza, la cupa paura di perdere il raccolto, e un bimbo che affannosamente si aggrappa alla propria innocenza. Sarà tuttavia costretto a crescere in fretta, travolto dai misteriosi avvenimenti che cambieranno per sempre il destino della sua famiglia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (4)
Contenuto 
 
4.0  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa dipinta 2020-04-13 11:02:07 Little cozy world
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Little cozy world Opinione inserita da Little cozy world    13 Aprile, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN LIBRO CHE TI PERMETTE DI EVADERE !

Questo è il mio primo romanzo di Grisham. So che l'autore non è solito scrivere questo genere di romanzi, ma è dedito ai romanzi cosiddetti “gialli giudiziari”, ma devo dire che il suo esordio nella mia personale libreria è stato più che positivo, quindi sicuramente leggerò qualcos'altro suo. Se avete consigli, sono più che ben accetti!

Tornando a "La casa dipinta", devo dire che l’inizio, è un pochino lento, ma poi ti tele trasporta nell’Arkansas degli anni 50, nella vita quotidiana di una casa in campagna nella quale convivono ben tre generazioni, dai nonni a Luke, il nipotino di 7 anni nonché voce narrante di tutta la storia.

Vieni introdotto in un universo che personalmente non conoscevo, una vita, i cui ritmi sono dettati dalle stagioni, dal meteo, dalla chiesa il sabato ed il riposo la domenica.

Famiglia battista che deve assumere della forza lavoro per la stagione del raccolto del cotone, montanari e messicani, che intersecheranno le loro vite con quelle dei protagonisti: la famiglia Chandler.

Ed è cosi che il nostro protagonista di 7 anni, con la sua ingenuità, scopre i primi grandi segreti della vita, come la nascita quando la vicina di casa partoriente chiede aiuto alle sapienti mani della nonna che di figli ne ha fatti nascere più di uno e la morte, durante una rissa che vede protagonista uno dei montanari da sempre ostile al nostro piccolo Luke.

Si intrufola per ascoltare i pettegolezzi del paesino che movimentano le vite, altrimenti prevedibili di tutti i contadini.

In questo modo, durante la lettura, diventi spettatore della rinascita di una famiglia o per lo meno della possibilità che una famiglia si dà, per cercare di modificare il proprio status quo.

E’ un romanzo che si legge velocemente, che risponde pienamente all’esigenza più che mai attuale di evasione in questi giorni di quarantena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa dipinta 2015-05-20 13:35:43 sonia fascendini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    20 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa si nasconde dietro il cotone?

Inizi un libro di Grisham e ti aspetti di incotrare giurie, avvocati e giudici corrotti. Qui invece giri le pagine e ti trovi davanti tutt'altro. Un mondo lontano dai tribunali, ma tratteggiato con la consueta precisione e cura per la descrizione dei personaggi a cui sono abituati i lettori dello scrittore americano.
Luke ha solo sette anni, ma è figlio e nipote di coltivatori di cotone e quindi la sua età conta poco, così come conta poco l'essere proprietario dei terreni. Anche lui coi genitori deve alzarsi all'alba e raccogliere cotone fino a quando le mani gli sanguinano. Deve lottare con loro cotro il caldo, gli insetti, e correre più veloce dei temporali che si stanno avvicinando e rischiano di vanificare tutto il lavoro dell'anno. Oltre a tutto questo suo malgrado viene a conoscenza di segreti terribili che non è in grado di gestire.
Nell'Arkansas del 1952 la vita è dura sia per i piccoli proprietari che per i braccianti arrivati dalla montagna. In questa estate particolare si intrecciano le vicende di tre famiglie, tra fatica, amori clandestini, fatti di sangue, ma anche solidarietà che arriva inaspettata dal più debole del gruppo e poi per un breve attimo fa da collante per tutti coloro che loro malgrado si trovano a dividere l'aia di una fattoria sperduta. Finita la stagione dei raccolti tutti tornano alle loro miswere vita, chi con un peso sulla coscienza, chi con uno spiraglio verso un futuro meno duro.
Veramente un bel libro. Sono trattati argomenti piuttosto pesanti, come le difficili condizioni nell'America rurale del dopoguerra, dove non solo la povertà ma anche il razzismo la facevano da padrone. Non tutto però è fatto di brutture, c'è anche la solidarietà tra poveri, i legami familiari e l'amicizia. Insomma un mix riuscito tra realizmo e buoni sentimenti senza eccedere nè da un lato nè dall'altro

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa dipinta 2013-09-12 12:59:51 SARY
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    12 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TEMPI DURI

In questo romanzo Grisham, stupendoci, mostra com’era la vita nell’Arkansas negli anni del dopoguerra.
La voce narrante è Luke, bambino di sette anni, che consuma le proprie giornate tra i campi di cotone ed i lavori domestici. L’unico svago, oltre alla scuola, è il baseball. Oh che gioia poter sentire alla radio la partita dei Cardinals seduti sul dondolo della veranda insieme alla famiglia, nonni compresi, a far riposare le stanche membra. Che delizia la domenica svegliarsi col sole già alto, a differenza della consuetudine feriale fatta di levatacce mattutine.
Oggigiorno può sembrare poca cosa, ma fino a non molto tempo fa, prima dell’inesorabile progresso, erano momenti rari e preziosi, ai quali ricorrere col pensiero negli attimi più duri della settimana.
La spada di Damocle dei contadini è il tempo ballerino, il sole permette la raccolta e quindi il guadagno per sopravvivere dignitosamente, la pioggia (in America spesso è accompagnata dai tornado) distrugge ciò che incontra quindi regala miseria. La grande consolazione nella gioia e nel dolore è la religione, alla quale tutti i componenti della comunità attingono con senso del dovere ed intimo piacere.
La fattoria di questi agricoltori è isolata e si trova al di là del fiume, non è verniciata per mancanza di soldi, elemento importante perché distingue in paese i danarosi da quelli poveri. E qui si intrecciano storie di braccianti, di ragazzi sfortunati, di persone cattive e di bambini innocenti, che segneranno per sempre l’esistenza di Luke e di tutta la sua famiglia.
Romanzo semplice e scorrevole. Il cambio di genere dell’autore, re dei legal thriller, sorprende ma non delude. Anzi, l’ho preferito a tante altre sue creazioni. I personaggi, i luoghi e le situazioni sono descritti con precisione e direi quasi affetto, c’è proprio del tenero nel tono generale della lettura. Ci si affeziona a questa famiglia povera ma fiera, uniti nella fortuna e sventura. Stona un po’ la perspicacia di Luke, per avere sette anni capisce fin troppo bene i difficili meccanismi della mente umana e ne rimane poco impressionato. Qualche rigo l’ho saltato perché troppo a tema baseball di cui io non capisco nulla, il resto è davvero piacevole ed avvolgente. Dispiace chiudere il libro, ci vivono persone umili e generose, sarebbero degli ottimi vicini di casa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa dipinta 2012-06-03 16:44:08 VinnieTheKid
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
VinnieTheKid Opinione inserita da VinnieTheKid    03 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Grisham più umano

Si tratta di un romanzo scritto da Grisham agli inizi della sua carriera e poi pubblicato in epoca successiva. Ovviamente è un'opera diversa rispetto ai legal thriller e alle ambientazioni sfarzose delle metropoli alle quali ci ha abituato.
Tuttavia, per chi volesse fare un salto in un'America più vicina agli scenari nostrani, fatta di famiglie unite di lavoratori, di persone timorate di Dio ma al contempo di abiezioni insospettate, della voglia di difendere la propria terra ma anche di fuggire da essa, verso le fabbriche di automobili del Nord, verso la paga facile, verso un mondo in cui le case sono dipinte... beh allora questo libro è da leggere e rileggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg