Narrativa straniera Romanzi La cerimonia del massaggio
 

La cerimonia del massaggio La cerimonia del massaggio

La cerimonia del massaggio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Si sa che non c'è nulla di più mondano di un buon funerale. E ancor più se si tratta di commemorare un estinto che, letteralmente, ha avuto per le mani la crème de la crème – ambosessi – di Londra. Allora l'evento può diventare, oltreché mondano, atrocemente intimo. E rischiare da un momento all'altro di sgangherarsi, se il programma prevede un preoccupante assolo di sax. Se uno dei convenuti si alza in piedi per tessere un panegirico dell'anatomia del trapassato. E se il fedele, puntiglioso cronista è Alan Bennett, forse l'unico grande scrittore di oggi capace di far sobbalzare di risa dalla prima all'ultima riga – come è già accaduto ai numerosissimi lettori di Nudi e crudi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La cerimonia del massaggio 2014-01-29 12:56:57 Lea
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lea Opinione inserita da Lea    29 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ma chi era veramente Clive?

“Ma chi era veramente Clive?”

Una commemorazione funebre per Clive, trentacinquenne massaggiatore del mondo dello spettacolo inglese, morto misteriosamente in Sud America.
Il fior fiore del bel mondo, riunito lì per ricordare ognuno a modo suo una persona che li collega tutti per essere stato amante della maggior parte di loro, uomini e donne.
E infine, il maestro delle cerimonie, il prete Jolliffe, anche lui legato a Clive nella maniera meno consona al suo voto da sacerdote, gioviale e credente a modo suo.
Di Clive si sa ben poco e Alan Bennett non ci pensa nemmeno a dire tutto subito, lascia che ci perdiamo in un vortice di starlette della televisione, presentatori e giornalisti, venuti lì più per dire “Guarda chi c’è seduto lì!” che per compiangere le mani d’oro dell’amato Clive.
La scrittura è fresca, sobria e solo apparentemente salottiera, in pieno humor inglese che non risparmia stoccate ai vari personaggi, neppure a padre Jolliffe, forse più protagonista dello stesso massaggiatore: Bennett fa da cronista, ma ad accompagnarci durante la lettura sono le impressioni e i pensieri del prete, che tenta di barcamenarsi tra la religiosità dell’evento e i ricordi ben più intimi che lui, come tutti quanti, condivide sul defunto.
Unico che vorrebbe distinguersi dalla folla è l’arcidiacono Treacher, lì per giudicare l’operato di padre Jolliffe, ma viene irrimediabilmente trascinato dall’autore nel vortice di ironia pungente che agisce impietosa fino al finale, l’ennesima riprova che Bennet non si fa scrupoli a bistrattare un po’ le autorità religiose, trattando tematiche che tuttora fanno storcere il naso, come l’omosessualità e l’AIDS.
Alla fine “tutti i nodi vengono al pettine”, i dettagli più scabrosi degli incontri intimi di Clive con i presenti riemergono, ma il massaggiatore delle celebrità, anche da morto, continua a creare tanti problemi quanta attrazione nei presenti.
Lo consiglio molto, è breve, senza una sbavatura e assolutamente divertente: Bennett è il maestro della risata senza esagerare e imparziale nel maltrattare con un sorriso tutti i suoi personagg

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La cerimonia del massaggio 2013-06-29 16:36:52 luvina
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    29 Giugno, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La cerimonia del massaggio

Conoscevo già Alan Bennet per aver letto anni fa "Nudi e crudi", per cui sono stata subito attratta da questo libro e non ne sono rimasta delusa. Questo piccolo "tesoro", pur nella sua brevità, ha mille sfaccettature a cominciare dal titolo originale - The Laying on of Hands - che risulta essere un gioco di parole (non reso dal titolo italiano) tra consacrazione, cerimonia in senso ecclesiastico e l'imposizione delle mani in senso taumaturgico. Infatti, il defunto Clive è il protagonista di un funerale-celebrazione postumo a sei mesi dalla morte (avvenuta in circostanze poco chiare in Perù come scopriremo) al quale partecipano tutti i suoi numerosi clienti-amanti essendo lui un massaggiatore-gigolò.
Bennet fa sue le tre unità aristoteliche (questo testo renderebbe benissimo in teatro) poiché la scena si svolge tutta in una chiesa anglicana nell'arco di circa quattro ore, tanto dura la funzione, durante le quali le sorprese non mancano. L'autore, facendoci ridere col suo humour per tutto il libro, ci offre comunque delle tematiche importanti e d'attualità su cui riflettere: l'AIDS, l'omosessualità nella Chiesa ma soprattutto la quasi negazione della morte, vista come un qualcosa "altro" a noi da esorcizzare, propria dei nostri tempi.
A baluardo dell'ortodossia religiosa Bennet mette l'arcidiacono Treacher in contrapposizione con l'officiante padre Jolliffe (notare i cognomi!) che comunque, nel finale, verrà anche lui "contaminato" dalla vita segreta e dissoluta di Clive.
Questo libro è praticamente perfetto soprattutto perché, nel mare delle nostre risate, non si salva nessuno!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Muriel Spark (anche se non fa ridere così tanto)
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La cerimonia del massaggio 2013-06-08 07:54:48 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    08 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN FUNERALE MOLTO CONDIVISO.

Piangere o ridere? E' stato questo il mio problema durante la lettura di questo breve e intensa narrazione.
Il racconto si svolge in una chiesa anglosassone durante un funerale che sa più di cerimonia e che ha una parvenza di teatralità.
L'arcidiacono Treacher è lì, in incognita, per osservare e registrare l'evento e lui rappresenta la norma, la dignità e l'autocontrollo ( nei confronti di una chiesa che va cambiando?) e io per lui provo una particolare comprensione, perchè vive alcuni dissidi , che sono anche i miei...Fatto sta che è certo che quando lui morirà, qualcuno tirerà un sospiro di sollievo...
Tutti i presenti (ognuno dei quali credeva di far parte di un gruppo ristretto) scoprono di essere in compagnia di una variegata moltitudine di persone, tra le quali molte quelle di spicco nello spettacolo e di un certo rilievo sociale.
E tutti , compreso padre Jolliffe...o meglio forse Geoffre, avevano avuto un legame molto prodondo col defunto...ma che legame!
Ad un certo punto la situazione scappa di mano al predicatore e inizia il bello!
Molte persone intervengono per rivelare dettagli intimi e piccanti relativi al defunto Cleave...al suo corpo...
La situazione oltre che creare vari imbarazzi, suscita dapprima un gran timore per poi passare ad un sospirato sollievo...leggere per credere!
E' un libro che mi ha stupito per come viene presentato l'omosessualità, della quale non fa scampo l'ambiente ecclesiastico.
Ci sono momenti di pura comicità, in primis per me quello che riguarda la vecchietta che presenzia ad ogni funerale per ottenerne qualcosa di vantaggioso; in questa situazione, assume un ruolo da celebrità.
Simpaticissimi i dettagli relativi alle associazioni mentali fatte dalle persone poco avezze alla chiesa ( scambiare un'acquasantiera per un posacenere??? )
Leggendo ho rammentato l'ultima messa in occasione della festa delle palme a cui ho partecipato, durante la quale una mamma per prendere un rametto d'olivo per il suo bambino gli ha detto: "guarda che ti prendo l'alberello". E mi son ritrovata a pensare a quanto ormai certe persone siano lontane da certe conoscenze religiose.
Un altro aneddoto a cui il libro mi ha portato a pensare è una "storiella barzelletta" che mia sorella mi raccontava da piccola e che riguardava appunto una chiesa anglosassone e che mi faceva ridere da matti.
Concludo questa mio scritto , con un pensiero per quest'autore che mi ha incuriosita per la sua capacità comica, per la sua serenità e normalità nel presentarci certe realtà...tanto che sono stata indotta a pensare che ne fosse ben a conoscenza , quasi intima, tanta è stata la sua magnaminità e benevolenza...
Quanto mi piacerebbe aver un confronto d'opinioni...spero vivamente che qualcuno prenda in considerazione la lettura di questo libricino, che si legge in un batter d'occhio...ma che è davvero unico...Mai mi sarei immaginata di leggere una cosa simile.
Un libro che mi ha risvegliata magistralmente su una realtà, sulla quale io non ho posto mai più di tanto interesse e attenzione.
Credo proprio che continuerò la mia conoscenza di questo autore, che mi ha letteralmente affascinato per la sua creatività e capacità d'ironia.
Buona lettura e ...ma si, dai...buon divertimento!...Lo so, si tratta di un funerale....ma che funerale ragazzi!!!
Pia

"In piedi"-disse il sacerdote...Eh si, ormai nessuno conosce più i vari momenti del rito di una messa...e se lui non lo avesse detto, tutti se ne starebbero stati seduti...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi vuol ridere...anche se il contenuto, sarebbe mooolto serio!
A chi interessano i cambiamenti sociali.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri