Narrativa straniera Romanzi La chimica segreta degli incontri
 

La chimica segreta degli incontri La chimica segreta degli incontri

La chimica segreta degli incontri

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Inghilterra anni Cinquanta. Alice ha trent’anni, amici e sogni in abbondanza e un angolo di cielo tutto per sé: quello che la sveglia ogni mattina inondando di luce il lucernario del suo appartamento londinese. Il suo lavoro è creare profumi. È un gelido pomeriggio d’inverno quando, al luna park di Brighton, resta turbata dalle parole di una vecchia zingara. L’uomo della sua vita, le rivela la donna, ha appena sfiorato il suo cammino. Per ritrovarlo, Alice dovrà intraprendere un lungo viaggio, incontrare sei persone ancora sconosciute, e apprendere chi è davvero. Solo così potrà conoscere l’amore. Alice si sorprende pronta a partire, insieme al burbero vicino di casa signor Daldry, alla volta di Istanbul, la città dove Oriente e Occidente si confondono e dove le due vite di Alice forse potranno finalmente incontrarsi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La chimica segreta degli incontri 2017-02-13 09:33:49 Nai_ve
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nai_ve Opinione inserita da Nai_ve    13 Febbraio, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una buona lettura

Avevo già letto un altro romanzo di Marc Levy – “Sette giorni per l’eternità”, mille anni orsono – e ne ero rimasta felicemente sorpresa. A distanza di molto tempo, mi è capitato tra le mani questo suo nuovo libro, che a giudicare della citazioni di copertina – «il miglior libro che Levy abbia mai scritto» – sembrava promettere piuttosto bene.

Mi rallegra concludere che per una volta quei giudizi non erano messi lì soltanto a caso o per gonfiare le vendite. Non so se sia davvero il «miglior» libro dell’autore, ma certamente si tratta di un buon libro.

La storia è a sfondo prevalentemente amoroso, benché l’amore rappresenti perlopiù il compimento finale di ogni peripezia e, pur configurandosi come il principale filo conduttore della vicenda, non appare in ogni caso troppo ingombrante: è bandito qualsiasi tipo di smanceria, ma anche qualsiasi tentativo di erotismo palese e non ci sono grandi intrecci di coppie e amanti disperati. È il semplice e puro racconto dell’evolversi dei rapporti umani tra i protagonisti che si affollano – si fa per dire, perché non sono poi così numerosi – sulla pagina.

Alto tema portante è quello del viaggio: da Londra ad Istanbul, nel sorgere dell’anno 1951, Alice si allontana dalla sua città alla ricerca dell’uomo «più importante» della sua vita, seguendo quasi per gioco la predizione di una veggente incontrata al luna-park. Il suo non è tuttavia solo un viaggio-avventura, ma anche un viaggio-ritorno, un viaggio-scoperta. Qualcosa di sorprendente la sta aspettando: una storia un po’ dolce-amara che tutti sembrano nel frattempo aver dimenticato…

Lo stile è brillante, rapido e scorrevole. Le descrizioni sono perlopiù bozzettistiche, quasi impressionistiche. Tutto passa attraverso gli odori e i sapori dei luoghi che i personaggi incontrano di volta in volta. La narrazione si svolge in quasi in forma «cinematografica»: Levy non si dilunga mai in parti inutili, e anzi taglia e seleziona, ricreando un susseguirsi di «quadri» che per molti versi ricordano proprio le scene narrativamente brevi dei film.

I dialoghi sono estremamente ben articolati: i personaggi hanno una certa distinzione vocale e i loro discorsi si leggono con gusto e in genere col sorriso sulle labbra. Infine, sono costruiti ottimamente anche i rapporti fra i vari protagonisti, che conservano sempre una buona coerenza di parole ed azioni.

Giudizio nel complesso estremamente positivo. “La chimica segreta degli incontri” è un libro che si legge d’un fiato, al tempo stesso leggero e per certi versi agrodolce. Un libro che rilassa e fa sognare, una bella storia d’amore e d’amicizia, pura ed essenziale, riservata e piacevolissima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha voglia di svagarsi, leggendo qualcosa di ben scritto.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica segreta degli incontri 2015-08-21 14:31:38 ombraluce
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    21 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

STORIA, PROFUMI E SUSPENSE

Come promette il titolo, questo libro regala molto di più delle sole parole offerte in lettura...
Questo libro avvolge in profumi, odori di infanzia, spezie e mercati, lettere non scritte e sogni oscuri, trascinando il lettore in un vortice di emozioni e suspense che lo inchioderà fino alla fine.
Molto bella la trama, al cui dipanarsi si assisterà pagina per pagina ma senza mai intuire il finale, che comunque risulterà essere superlativo e non deludente, come accade a volte con storie di questo tipo. Lo stile di Levy è impeccabile, i dialoghi sono divertenti e mai scontati, i paesaggi descritti con dolcezza e gli stati d'animo dei protagonisti mostrati con delicatezza ed empatia.
Posso dire che non è un libro da leggere un po' alla volta, perché una volta iniziato viene proprio voglia di seguire Alice nel suo percorso esistenziale e la curiosità è ben sollecitata dal rapido susseguirsi degli eventi.
Unico difetto, forse, la grande importanza che Levy riconosce, con questa storia, alla fatalità...... O forse ha ragione lui, chi lo sa?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica segreta degli incontri 2013-08-01 08:17:04 Elena
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Elena    01 Agosto, 2013

Letto in un giorno

Ho comprato questo libro per la cosiddetta "Lettura leggera" alias "Lettura da ombrellone". Da un punto di vista stilistico e lessicale non mi ero sbagliata, ma la storia mi ha attirata come una una calamita. Il lessico è fluido, senza troppe pretese, ma per quanto mi riguarda è un fattore che è passato assolutamente in secondo piano man mano che "entravo nella storia". La suspense intrecciata all' amore è la carta vincente, senza contare le descrizioni dei paesaggi che sono quasi palpabili senza però dilungarsi annoiando il lettore. Assolutamente da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage