Narrativa straniera Romanzi La seconda casa
 

La seconda casa La seconda casa

La seconda casa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Pareva l'occasione ideale per discutere di arte, letteratura e umani destini. Invece una calda estate sull'oceano diventa subito impetuosa e incandescente. Il nuovo romanzo dell'autrice di Resoconto, Transiti, Onori. Da qualche tempo M – una sorta di signora Dalloway dei tempi moderni – si è isolata dal mondo ritirandosi sulla spettacolare costa oceanica. Nella sua splendida proprietà immersa nella natura, ha sistemato con l'aiuto del secondo marito un cottage, trasformandolo in residenza per artisti. Il suo sogno è che L, pittore verso il quale sente un legame profondo, accetti l'invito a trascorrere lí qualche tempo. Ma quando questi si presenta accompagnato da una giovane donna, M capisce che l'estate tanto attesa sarà ben diversa da quella immaginata. Nel frattempo sono arrivati anche la figlia di M e il suo compagno. Dunque le tre coppie, nell'acredine crescente, dovranno convivere in un luogo affascinante ma anche di grande isolamento.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La seconda casa 2023-06-25 04:22:35 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    25 Giugno, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arte e vita

….” mi inducevano a pensare che non ci fosse nulla di stabile, nessuna verità nell’ intero universo, eccetto un’ unica, immutabile verità: esiste solo ciò che ci creiamo noi “…

… “ la verità non risiede nella rivendicazione di realtà, ma nel luogo in cui ciò che è reale trascende l’ interpretazione che ne diamo. Vera arte significa cercare di catturare l’ irrealtà”…

Arte e vita, un senso di vuoto e il tentativo di cogliere l’ impercettibile oltre l’ oggettività, quella quotidianità che si nutre di consistenza.
M è una donna irrisolta, combattuta tra passato e presente, un secondo matrimonio con Tony, silenzioso e pratico, una figlia, Justine, cresciuta e volata lontano, un rifugio in un luogo naturale e selvaggio in cui trascorrere i propri giorni, la costruzione di una seconda casa all’ interno della proprietà, circondata da una palude, oscura, inafferrabile, mistero irrisolto, specchio della propria esistenza.
Che cosa le manca, cosa ricerca, cosa scatena in lei un rimuginio e un desiderio di libertà sottomessi all’ abitudine della paura? È riuscita a rimuovere le cose e le persone che non le piacciono, ma saranno alcuni quadri del famoso Pittore L a svelarle una parte oscura di se’, avvicinandola al proprio lato mancante, una neo dimensione dell’ io e una nuova presenza, pur lontana.
Dopo una lunga corrispondenza epistolare M accoglierà L nella propria proprietà ma non sarà solo, in compagnia della giovane Brett, una giramondo affascinante quanto invadente, a loro si uniranno Justine e il fidanzato Kurt, reduci dal disastro pandemico.
Inizierà una breve convivenza, un teatrino relazionale tra arte e vita, sogni e rimpianti, conoscenza e certezze smarrite, ciascuno alle prese con una propria idea esistenziale, difficile trovare un punto di incontro.
M si dibatte tra bisogno di dialogo e lunghi silenzi, senso pratic quanto è legata a Tony, quanto si è invaghita di L e della sua arte, quanto ama Justine e non vorrebbe lasciarla, e chi sono per lei Brett e Kurt ?
Il proprio incalzante rimuginio è popolato da solitudine e convivenza con un senso di inutilità e di bruttezza, nascosta a una parte di se’, quel lato artistico afferrato nell’ opera di L, l’ unico con cui condividere un senso di vicinanza e in grado di liberarla dalla propria inutilità.
Un percorso parallelo si mostra, la praticità, l’ abitudine, la stabilità di Tony, l’ irrequietezza, l’ egocentrismo, l’ indifferenza, il desiderio di L, nel mezzo il proprio incondizionato amore di madre divisa tra quotidianità e arte.
M vive un crescente senso di smarrimento, un desiderio di fuga da una realtà che disconosce per addentrarsi in un universo superiore, ma da sola non può farcela, questo spetterebbe a L e alla sua capacità

…” di insinuare nelle persone il tremendo sospetto che nella vita non ci sia alcuna storia, che nessun significato personale trascende il momento presente”….

Rivede se stessa e i pochi affetti che la circondano, L è egoista e inafferrabile, Tony a suo modo la ama intensamente, Justine le appare per quello che realmente e’, il vero amore è frutto della libertà.
Come rendersi visibile, aspirare all’ arte, amare e sentirsi amata, specchiarsi negli occhi altrui, vivere il presente, temi complessi e inafferrabili, fino a che la vita improvvisamente azzera speranze e desideri precipitandoci nella propria cruda e inafferrabile essenza.
Il romanzo di Rachel Cusk risponde ai tratti essenziali della sua produzione letteraria conosciuta e apprezzata nella precedente trilogia, ( “ Transiti “, “ Resoconto”, “ Onori “ ) un linguaggio ricercato, dosato, colto, frammentato, introspettivo, che a tratti soggiace a un’ inconsistenza puramente estetica. La protagonista intesse una trama sentimentale e intellettiva, complessa e irrisolta, un monologo protratto tra levita’ e profondità, percossa da arte e vita, ricercando ciò che che stenta a trovare dentro di se’.
Ne risulta un componimento piuttosto nebuloso e di difficile collocazione, forse i tratti più veri sono gli scarni scambi relazionali tra M e Tony, in prevalenza i personaggi mostrano una semplice rappresentazione di se’ e soggiaciono a simbolismi evidenti, la trama è statica, evanescente, monocorde nel proprio rimuginio incessante, piuttosto pomposa in una inconsistenza che alla fine genera e lascia un senso di vuoto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232