Narrativa straniera Romanzi La traduttrice
 

La traduttrice La traduttrice

La traduttrice

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Aaliya Sobhi, 72 anni, di Beirut, vive nel suo grande appartamento, tra ricordi e insonnia, aspettando l'arrivo del nuovo anno. La donna vive sola. Libraia, la sua vera passione è stata per tutta la vita tradurre in arabo i grandi classici della letteratura, senza che queste traduzioni siano state mai pubblicate. Questo lungo periodo è stato segnato da una forte emozione per l'arrivo nel 1967 di Ahmed, un ragazzo pieno di entusiasmo, profugo palestinese, che aveva accettato di lavorare gratuitamente per lei. Ben presto però la passione politica aveva strappato Ahmed al suo amore per la cultura e, in breve tempo, era diventato uno dei grandi torturatori del Libano. Aaliya lo incontra anni dopo per chiedergli un'arma con cui difendersi, durante la guerra, in caso di attacco. In cambio, Ahmed le chiede una notte di sesso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La traduttrice 2015-10-27 07:13:04 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    27 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libri che salvano

Una donna non necessaria, una donna inutile, è il titolo originale del romanzo imperdibile di Rabih Alameddine, nato in Giordania nel 1959 da genitori libanesi e approdato a San Francisco in America dopo aver vissuto in Kuwait, Libano e Inghilterra.

La traduttrice è Aaliya Sobhi, che a 72 anni vive da sola nel suo grande appartamento di Beirut, tra ricordi, timori e insonnia. E’ una libraia e la sua passione è tradurre per sé, uno all’anno, in arabo, i classici della letteratura, dalla versione inglese o francese. Aaliya, la sublime, la folle (p.26), è una donna emancipata e libera dal conformismo. Decide, dinanzi alla frustrazione, di portare avanti il piano B della sua vita.

Con ironia, come solo chi guarda la realtà può permettersi, Aaliya sceglie di praticare una sottile forma di libertà: la lettura e la vita nei luoghi delle sue persone preferite. Fernando Pessoa, Tomasi di Lampedusa, Javier Marías, Roberto Bolaño, Claudio Magris, Marguerite Duras, Alice Munro, sono una diga che Aaliya erge per governare il tempo della sua esistenza. Non una vita di carta, ma di carne, mentre fuori infuria una guerra che, tra il 1975 e il 1990, sconvolge il Libano e che trasforma giovani pacifici in spie e assassini, costringendo la pacifica Aaliya a dormire con un Ak47 accanto.

“Io, come tutti, voglio spiegazioni, in altre parole, estraggo spiegazioni dove non esistono.” p.104
“Nessuno di noi sa affrontare la natura aleatoria del dolore.” p.105

“Avevo poco tempo per un dio, il quale aveva poco tempo per me. Mentre crescevo non avevo tempo da perdere con un Dio. Emmanuel Lévinas suggerì che Dio se ne era andato nel 1941. Il mio se ne andò nel 1975. E nel 1978, e nel 1982, e nel 1990.” p.215

Un brutto giorno, le vicine di casa, Joumana, Marie-Thérèse, Fadia soccorrono, dopo un temporale, le traduzioni delle traduzioni allagate e stendono e stirano e asciugano con il phon ogni foglio, tutte le vite possibili dei romanzi, riprendendosi respiri e opzioni di cambiamento. Le pagine salvate, stese a rinascere, come garanzia di un futuro possibile, come campane tibetane, come bandiere di libertà.
E’ infelice e, dunque, Aaliya si trasforma sempre più in una traduttrice: traduce e, insieme, trasferisce, conduce, interpreta, tradisce, spiega e produce trasformazioni, facendosi beffa di una esistenza limitata.

L’antidoto e la cura alla tristezza e alla paura rimane scegliere se leggere e tradurre Marguerite Yourcenar o John Maxwell Coetzee. E, così, sola e immaginata, la vita può essere assolta e può attendere.

“Una volta, Alain Robbe-Grllet scrisse che la cosa peggiore che capitò al romanzo fu l’arrivo della psicologia. Si può supporre che intendesse dire che oggi tutti noi ci aspettiamo di capire la motivazione dietro le azioni di ogni personaggio, come se fosse possibile, come se la vita funzionasse a quel modo… la perdita di mistero. Il voler tirar fuori la casualità ci rende dei lettori ottusi. Eppure capisco il desiderio, perché anch’io desidero vivere in un mondo razionale. Desidero capire perché mia madre ha gridato… Purtroppo non capisco…”p.103-104

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La traduttrice 2014-01-18 11:15:37 emalù
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da emalù    18 Gennaio, 2014

forse mi aspettavo di più...

Consigliatomi da un'amica (forte lettrice) come miglior libro letto negli ultimi mesi, mi sono addentrata nella lettura carica di aspettative che non ho pienamente soddisfatto se non nel finale.
Ho trovato il libro non scorrevole e abbastanza difficile da seguire (pieno di flash back).
Solo nelle ultime pagine ho recuperato un po' del gradimento atteso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri