Narrativa straniera Romanzi La vita sognata di Ernesto G.
 

La vita sognata di Ernesto G. La vita sognata di Ernesto G.

La vita sognata di Ernesto G.

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Dal 1910 al 2010, dalla Cecoslovacchia al Nordafrica passando per la Francia: cento anni cruciali raccolti nella vita di Joseph Kaplan, medico ebreo praghese. Kaplan lavora a Praga e a Parigi, viene mandato in esilio ad Algeri, è testimone di persecuzioni ed epidemie, cambi di regime e rivoluzioni; li affronta con un’integrità commovente a cui tutti si affezionano – i suoi amici Pavel e Tereza, sua moglie Christine, sua figlia Helena – perché, nei tormenti della Storia, quell’integrità è ciò a cui aggrapparsi. È anche l’unica cosa contro cui scagliarsi – come fa Christine, donna titanica e contraddittoria, che si ribella a lui come a tutta un’epoca. Joseph si ritrova ad affrontare dolori e tragedie, eroico suo malgado, determinato anche nelle prove più atroci. Un incontro sarà fondamentale per lui e per Helena: quello con Ernesto G., combattente ferito, al crepuscolo della sua epopea rivoluzionaria.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vita sognata di Ernesto G. 2019-08-02 10:33:31 CRISTIANO RIBICHESU
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
CRISTIANO RIBICHESU Opinione inserita da CRISTIANO RIBICHESU    02 Agosto, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cent'anni di rettitidine


Questo è per me il terzo romanzo di questo autore francese che apprezzo sempre più. Sono convinto come molti che il suo lavoro più riuscito rimanga per ora “Il club degli incorreggibili ottimisti", ma non sono rimasto deluso dalle letture successive.
Guenassia è un profondo conoscitore della storia europea del ventesimo secolo e sa tessere le trame dei suoi romanzi con padronanza e stile.
La vita centenaria di Joseph Kaplan, un ebreo cecoslovacco nato a Praga nel 1910, è narrata con ricchezza di particolari storici. Gli amori, la guerra, il suo lavoro che lo porterà a esercitare la professione medica ad Algeri, fino al giorno del suo rientro in patria, sono strumento di analisi di un periodo in cui le popolazioni europee hanno scritto la storia inseguendo i loro ideali, giusti o sbagliati che fossero.
Mentre nel suo romanzo d'esordio si descrive la vita di coloro che, fuggiti dal regime comunista, vivono le loro esistenze nostalgiche riunendosi in un bar di Parigi, in questo racconto si affronta il paradosso di una speranza infranta, quella di coloro che sono rimasti al di là della cortina alla fine della seconda guerra mondiale. Un popolo ingannato che aveva creduto ciecamente nel progressismo.
Il divenire degli eventi mostra ampie pagine di storia. Non manca un omaggio ad Albert Camus, inserito nel periodo nord africano della vita di Kaplan, mentre ci si domanda chi sia l’Ernesto G. citato nel titolo. La risposta la si avrà nella parte finale del romanzo e sarà sorprendente. Non avrebbe senso un'anticipazione in queste righe. A me è piaciuto approcciare il libro evitando rivelazioni che avrebbero condizionato la mia lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vita sognata di Ernesto G. 2014-01-03 16:32:50 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    03 Gennaio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ultima saga di Guenassia

Anni '30 del '900.
Joseph Kaplan, giovane praghese di buona famiglia, ha una professione – quella medica, che padroneggia con abilità nel campo della biologia – e una passione – il ballo, che domina con altrettanta maestria, tanto da riscattare la sua innata timidezza agli occhi delle donne che ambiscono ad essergli compagne almeno per il tempo di un tango o di una giava.
All'indomani della laurea, Joseph lascia la Francia, dove ha studiato, per accettare un'offerta di primo impiego ad Algeri, presso l'istituto del dottor Sergent. Nel tempo che gli rimane, frequenta Maurice, uno spiantato francese in attesa di sfondare in qualche modo, e due attrici di una compagnia teatrale, Nelly e Christine.
Joseph resterà in Algeria per un tempo superiore alle sue aspettative e in circostanze difficilissime. Solo verso la fine del secondo conflitto mondiale riuscirà a ritornare nella sua Cecoslovacchia, con la consapevolezza, tuttavia, di aver gettato le basi della propria vita futura.
Due, da quel momento, le donne della sua vita: Christine ed Helena, rispettivamente moglie e figlia; con loro Joseph percorrerà l'altalenante cammino della maturità e vecchiaia, legato all'alternarsi delle condizioni politiche nell'Europa dell'est. In qualche modo la politica entrerà anche al sanatorio di Kamenice, che Joseph dirige e dove avverrà l'inaspettato incontro con un sorprendente paziente, destinato a cambiare la sua vita e quella di Helena.
L'arrivo del nuovo secolo troverà il centenario Joseph ancora in vita, e in grado di trarre un lucido bilancio della sua esistenza.
È difficile commentare il secondo libro di Guenassia senza usare come termine di paragone quello precedente, “Il club degli incorreggibili ottimisti”, uno dei casi letterari del 2009. I due volumi abbracciano lo stesso periodo storico e l'identico tema di fondo (il comunismo, tra idealismo dei singoli e angosciante oppressione dei regimi). Uno dei personaggi secondari, Pavel, fa addirittura da trait d'union delle due opere, che insieme ne ricostruiscono l'intera vicenda (prima, e dopo l'esilio dalla Cecoslovacchia).
Di certo a Guenassia va riconosciuto il merito di non avere timori riverenziali verso la Storia, fino a far pensare – ad un certo punto del libro – che l'amore tra due persone possa mutare gli eventi che conosciamo. Ciò perché possiede l'indubbia capacità di costruire una coinvolgente saga corale (che in questo romanzo si estende praticamente ai giorni nostri, ulteriore segno di coraggio dello scrittore).
Tuttavia, ne “La vita sognata di Ernesto G.” è proprio quando la Storia prende una fisionomia precisa – cioè nella parte in cui il personaggio di Helena toglie a Joseph il ruolo di protagonista unico della vicenda – che si registra una flessione, percepibile soprattutto da chi conosce gli eventi di cui si parla in quel frangente.
In definitiva, rispetto a “Il club degli incorreggibili ottimisti”, pare che in questo romanzo qualcosa venga meno; forse quella magia che Guenassia, nella sua opera d'esordio, otteneva dall'età del suo protagonista: la vicenda degli esuli dell'est europeo veniva infatti narrata, per buona parte del libro, attraverso gli occhi di un vispo ragazzo parigino.
“La vita sognata di Ernesto G.” risulterà in ogni caso piacevole al lettore che predilige affreschi familiari di ampio respiro, ed è ad esso, in particolare, che se ne consiglia la lettura. A tratti, specie nella parte finale, sembra riecheggiare l'atmosfera opprimente di un recente film di successo, “Le vite degli altri”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Milan Kundera, e apprezza il modo in cui tale scrittore dà vita ai suoi personaggi.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232