Narrativa straniera Romanzi Lo scrittore fantasma
 

Lo scrittore fantasma Lo scrittore fantasma

Lo scrittore fantasma

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Una casa isolata sulle colline innevate del New England. Un grande scrittore, Lonoff, e il suo giovane ammiratore, Zuckerman. Tra di loro la presenza misteriosa di una ragazza che tutti credono morta nell'Olocausto. Le «pretese» della vita e le esigenze dell'arte in uno dei romanzi fondamentali di Roth.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Lo scrittore fantasma 2013-05-23 10:06:57 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    23 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mai invitare a casa Philip Roth!

Il giovane Roth (voglio immaginare che la storia sia in buona parte autobiografica) viene invitato a casa del suo scrittore preferito, un certo Lonoff (forse Malamud). La vita dello scrittore sembra noiosissima e in casa girano due donne, la moglie e una ragazza che lo scrittore Roth immagina sia Anna Frank, quella del famoso diario. Per un ebreo Anna Frank rappresenta un simbolo, è qualcosa di più di una persona, e Roth inizia a sentire una certa attrazione anche fisica per la possibile Anna Frank. Roth viene invitato dallo scrittore a restare per la notte e quindi ha modo di rendersi conto degli strani equilibri che si sono instaurati in casa tra i vertici dello strano triangolo costituito da Lonoff e dalle due donne. Naturalmente il resoconto che Roth fa al lettore della sua permanenza è divertentissimo. Roth dà il meglio di sè quando descrive e spiattella la vita degli altri. E' molto più brillante di quando si sofferma a descrivere i vizi suoi privati, perchè in questo caso diventa a volte ossessivo e ripetitivo.
Ci sono nel racconto delle scene e delle litigate veramente memorabili fino all'escalation finale in cui si ha la rottura del precario equilibrio del triangolo con mega-scenata cui Roth assiste fingendo con il lettore un certo imbarazzo... ma nessuno ci casca. Si sente in ogni riga che si è divertito un mondo.
Tra l'altro mi pare che tra le righe Roth tradisca una certa simpatia divertita per la moglie dello scrittore.
Beh, la penna di Roth non ha uguali per come è affilata, povero Lonoff!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'orgia di Praga
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna