Mia diletta Mia diletta

Mia diletta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Kurt, veterinario quasi cinquantenne, confessa la sua illecita passione per la figlia quattordicenne di un allevatore suo cliente in un lungo e incalzante monologo rivolto alla sua 'diletta' e ai giudici che lo hanno condannato. Nel racconto, che si snoda quasi senza pause, s'incontrano due adolescenze: quella della ragazza, compressa nella asfissiante e bigotta campagna olandese, e quella che è stata negata a Kurt dagli abusi fisici e psicologici inflittigli dalla madre. E s'incontrano anche due deliri: avvolta nel lutto per la precoce scomparsa del fratello in un incidente stradale e il conseguente abbandono da parte della madre, la ragazza assume su di sé le colpe del mondo, immagina di poter imparare a volare e vaneggia di essere stata uno degli aeroplani schiantatisi contro le Torri Gemelle l'11 settembre del 2001. Da parte sua Kurt, ossessionato da lei e dal bisogno di recuperare gli anni perduti, distrugge la fragile normalità che si era costruito nell'involucro familiare arrivando a rivaleggiare con il figlio adolescente nella conquista della ragazza. La storia si svolge in una calda estate durante la quale i due sviluppano una fascinazione ossessiva l'uno per l'altra che alla fine oltrepassa i confini. Ma i protagonisti non s'incontrano e non si comprendono davvero per quello che sono. L'invocazione a essere conosciuti del salmo 139 con cui si apre il libro sembra quindi restare inesaudita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mia diletta 2022-08-04 20:04:12 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    04 Agosto, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore molesto

…” Questa è la storia di un veterinario e della sua celestiale diletta “…

In un lunghissimo monologo per stomaci forti che sgretola ogni certezza, Kurt, la voce narrante, un veterinario cinquantenne, si apre al nudo racconto di una torrida estate trascorsa nella bigotta campagna olandese.
È qui che ha origine la propria insana e irrinunciabile passione per una strana quattordicenne che crede di potere volare, nata lo stesso giorno di Hitler, che dialoga quotidianamente con Freud, si incolpa della sciagura delle Torre Gemelle, vive di musica e di buona letteratura, che non parla molto di se’ se non in chiave poetica, di libri, di film, di canzoni ma non della propria vita vissuta con il fratello e il padre, che nasconde il dolore e il senso di colpa di una perdita incalcolabile, che soffre dell’ assenza materna e di un padre affettuoso ma rigido, che vorrebbe lasciare la fattoria in cui è cresciuta anche se vi è affezionata.
È un soliloquio lucido nella ricostruzione dei fatti, detestabile negli esiti e nei contenuti, la disgregazione di una famiglia e di un matrimonio, l’ accusa di abuso sessuale, spietato e frustrante nel mostrare i sentimenti tronchi di una vita ancorata all’ origine, soggiogata da una madre oppressiva, patologica, vendicativa, epicentro di incubi, di tutto quello che dalla propria genitrice non ci si aspetta, quell’ amore gratuito e disinteressato che indirizza alla gioia di vivere.
Il protagonista vaga in una dimensione a metà fra il sogno e l’ incubo, la consapevolezza e il senso di colpa, per quello che ha fatto e ha saputo distruggere, ossessionato da una passione irrefrenabile, schiavo di pulsioni carnali ma con l’ intento di proteggere una creatura fragile e bisognosa di cure, il desiderio nascosto di salvare se stesso e l’ unica forma di amore che conosca, quell’ urgenza emozionale ignara dei sentimenti.
Nella “ sua diletta “ Kurt immagina una giovinezza non vissuta per colpa della madre, un adulto-bambino e un bambino-adulto, in lei rivede là possibilità di tornare a quel tempo, di giocare, dimenticando i gelidi anni della propria infanzia, un giuoco sopraffatto dai propri desideri di adulto.
Di certo la ragazza e’ una creatura singolare, sfuggente, illeggibile, strana, che sembra essere altrove, vivere in un mondo di fantasia, smarrita ma amabile, con un senso interiore di perdita, senza un luogo dove sentirsi a casa, che assapora il mondo all’ interno della propria testa pur aspirando a un forte desiderio di visibilità.
È educata, gentile, a metà tra l’ essere e l’ apparire, nasconde un nitido abisso dietro il proprio io recitato, un vuoto sconfinato che si specchia nell’ altro per riempire se stessa .
Tra i due cresce un amore inderogabile, una diversità condivisa in un respiro unico e necessario, voce lontana dal coro, un senso dell’ esserci e del sentirsi vivi che sfocia in una gelosia totalizzante e in un reale impossibile.
L’ amore e il senso unico di un amore, intenso e mutevole, in attesa di un Godot che scacci solitudine e dolore, un amore senza il quale ci si potrebbe ammalare ma che per l’altro può essere l’ inizio della malattia.
Marieke Lucas Rijneveld si conferma, dopo “ Il disagio della sera” ( 2019 ), autore di grande talento accompagnato dalla propria singolare storia personale.
Durante la lettura si ha l’ impressione di varcare la soglia della semplice narrazione per avventurarsi in un universo parallelo, cosparso di luci e di stelle, ma anche di ombre e di incubi, un luogo misterioso e impervio che risponde a un’ inderogabile esigenza di interiorità, laddove sofferenza e dolore hanno forgiato forza e fragilità e una creatività mai banale mostra una notevole capacità introspettiva .
Un testo aspro e crudele che rimanda attimi di dolcezza e poesia a chi oltrepassa la semplice soglia della narrazione, quella caleidoscopica ridda di citazioni, rimandi, ricordi, sogni, incubi, un rimescolio di sensazioni forti che vale la pena assaporare fino all’ ultima goccia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day