Narrativa straniera Romanzi Quello che manca
 

Quello che manca Quello che manca

Quello che manca

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Una delle esperienze più strazianti che una donna possa provare sulla soglia dei quarant’anni è scoprire che non può diventare madre. Rassegnatasi all’idea, Costanza Ansaldo, traduttrice italoamericana, decide di prendere una pausa dalla sua vita newyorkese per una vacanza a Firenze, città in cui ha trascorso i giorni più felici della sua infanzia. Alla Pensione Ricci Costanza incontra Andrew Weissman, fotografo diciassettenne sensibile e brillante. Il ragazzo soffre per la fine della sua prima storia d’amore e per l’atteggiamento del fratello maggiore, da tempo assente e distaccato. Con Costanza condivide passeggiate, pranzi in trattoria e confidenze; nonostante la differenza d’età, in quei giorni fiorentini tra i due si crea un’intesa speciale. Ma l’armonia di questa amicizia si rompe quando Henry, il padre di Andrew, incontra Costanza. Avvenente e carismatico, Henry è un’istituzione della fecondazione assistita a New York ed è in Italia per una serie di conferenze. Henry è subito affascinato da Costanza; l’attrazione è reciproca e la gelosia di Andrew inevitabile. In autunno i tre si ritrovano a New York, e quella che sembrava un’effimera avventura estiva si trasforma in un travolgente turbinio di eventi inaspettati e desideri riaccesi, mentre Costanza, Henry e Andrew cercano di comprendere – e colmare – quello che manca nelle loro vite, che sia un figlio, la verità sulle proprie origini o l’amore. Dalle strade luminose di Firenze, agli eleganti edifici di Manhattan, fino alle magnifiche coste della Liguria, Michael Frank accompagna i suoi personaggi in un accidentato percorso sentimentale fatto di segreti, passioni, ossessioni alla scoperta di cosa significa essere genitori ed essere figli, e di quel bisogno naturale e imprescindibile di amare ed essere amati.



Recensione della Redazione QLibri

 
Quello che manca 2020-09-14 14:25:19 Chiara77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    14 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Famiglia genetica, legale, economica, filosofica,

“Costanza decise di tuffarsi. Come aveva fatto con la proposta di Henry. Avrebbe cavalcato l’onda fin dove l’onda l’avrebbe portata prima di infrangersi, o prima che lei stessa finisse contro uno scoglio.”

Dopo “I formidabili Frank” è ancora una volta la famiglia il fulcro della narrazione del nuovo libro di Michael Frank. Stavolta non siamo di fronte ad un memoir ma ad un classico romanzo.
Tutto inizia in Italia, a Firenze, dove Costanza, una donna di circa quarant’anni che fa la traduttrice, incontra Henry e suo figlio Andrew in una piccola pensione dove tutti e tre stanno trascorrendo un periodo di vacanza. Costanza ha per metà origini italiane, sua madre è ligure, mentre il padre, morto quando lei era adolescente, era statunitense. Sia Costanza che Henry ed Andrew vivono a New York, ma è nella pensioncina di Firenze che scatta l’inaspettata ed intensa attrazione fra i tre. Prima si conoscono Costanza ed Andrew. Lui è un ragazzo che deve frequentare l’ultimo anno delle superiori, è introverso e tormentato. Si è appena lasciato dalla sua ragazza, non ha un buon rapporto con il padre che considera troppo egocentrico e narcisista e dal quale non si sente amato fino in fondo. Poco dopo si conoscono anche Costanza e il padre di Andrew, Henry. Lui è un famoso medico specializzato nella fecondazione assistita, sicuro di sé, volitivo ed intraprendente in apparenza, in realtà ancora sofferente ed insoddisfatto dopo la separazione dalla moglie avvenuta ormai sei anni prima. Anche Costanza è un personaggio particolare, una donna molto bella ma non più giovane, è rimasta vedova da circa un anno di un famoso scrittore di cui stanno per essere pubblicati i diari postumi. Costanza ed Andrew diventano amici, anche se uno dei due è coinvolto sentimentalmente. Poco dopo Henry e Costanza iniziano una relazione molto intensa e promettente. Entrambi hanno un fortissimo desiderio di superare le loro solitudini e ritrovare la felicità che solo l’amore condiviso può offrire. Così, quando pochi mesi dopo si rivedono a New York, decidono immediatamente di andare a vivere insieme. Costanza vorrebbe avere un figlio e stranamente Henry subito la appoggia e anzi, quasi la spinge a perseguire questo obiettivo, nonostante si conoscano da pochissimo tempo. Quali motivazioni spingono veramente Henry a comportarsi così? Perché è quasi più ossessionato di Costanza nella ricerca di quel futuro figlio? Forse soltanto a causa della sua professione? Oppure c’è qualcosa che viene tenuto nascosto?

Michael Frank scrive un romanzo apparentemente molto lineare e leggero, in realtà abbastanza sofisticato e complesso. I temi trattati, la famiglia, la genitorialità intesa come fatto biologico, sociale o culturale, le relazioni fra le persone, che si portano dietro quasi sempre degli spazi misteriosi, sicuramente sono stati trattati e dibattuti in molti luoghi culturali diversi e vari. Tuttavia questo romanzo ha il pregio di riproporli con originalità e freschezza. In particolare, sono i personaggi ad essere tratteggiati in modo inedito perché, pur non suscitando grande simpatia e di conseguenza nemmeno molta empatia nel lettore (eccetto il tormentato, giovane e puro Andrew), riescono lo stesso a catturare l’attenzione e a suscitare l’interesse verso la storia narrata, anche e malgrado, la loro antipatia, la loro insincerità, la loro codardia.
Un buon romanzo, in grado di portare il lettore in luoghi conosciuti ma anche inaspettati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quello che manca 2020-11-02 21:32:23 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    02 Novembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Volontà e destino

L’ incrocio casuale nella romantica Firenze di tre anime diverse accomunate da un’attesa mascherata di altro, figlie della complessità, tra devianze e percezioni distorte, rapite dall’ attrazione reciproca e proiettate in un futuro condiviso ( a New York ) che ne condizionerà l’essenza.
Costanza è una fascinosa Italo-americana, traduttrice di professione, una vita di affetti svaniti, tradita dal proprio grande amore giovanile, il suicidio del padre tuttora avvolto nel mistero, sposata con uno scrittore divorato dalla malattia e con una madre terribilmente egocentrica.
Henry è un medico esperto di fecondazione assistita, figlio del proprio successo professionale, divorziato, con due figli maschi affettivamente lontani che, a modo suo, ama profondamente.
Andrew, figlio minore di Henry, e’ un giovane ancora innamorato e non più corrisposto con un padre che ignora, geloso delle attenzioni rivolte al fratello maggiore, affezionato alla saggezza e simpatia del nonno paterno, talmente rapito da Costanza da sembrarne innamorato.
Le vite dei tre si attraggono e si intrecciano, si cercano e si rigettano, costruendo e annullando un’idea di famiglia allargata che prevederà un nascituro, tra l’eco del passato e le gelosie di un presente assai ondivago.
Esistono segreti ovattati nella sofferenza e verità calate nella paura, un senso di inadeguatezza, seduti scomodamente in un presente apparecchiato da altri, misteri irrisolti e un’ anestetica routine che distoglie da un pressante senso di lontananza e da un vuoto famigliare onnipresente.
Assenza e menomazione accomunano i personaggi e svelano la trama, una logica comunicativa monca e distorta, assorti in una dialogica con sprazzi di soliloquio.
L’ impossibilità di essere genitori per cause fisiologiche e desiderio personale scuote e percuote buona parte del romanzo, una trama che vira in una serie di colpi di scena che riportano alle radici del male.
A un certo punto parrebbe una narrazione votata ai buoni sentimenti, ma così non è, trattasi di una riflessione dialogata e silente con un finale a sorpresa dove tutto si capovolge, introducendo una dimensione poco ortodossa ma necessaria alla contestualizzazione e alla riconversione del proprio microcosmo sentimentale, ridiscutendo i termini di un’ idea di vita e genitorialita’.
La famiglia e le proprie radici riportano come sempre al cuore dell’esistenza, che sia programmata, finta, smembrata, dissolta, di sangue o di relazione, quesiti irrisolti e irrisolvibili, maturati all’ interno del proprio io e delle esperienze, oltre la realtà tangibile.
Ecco l’ intreccio relazionale, sempre più complicato e determinante, che supera gli sconfinati orizzonti della medicina e della scienza, in grado di donare la vita a chi non può concepirla per recuperare la dimensione umana necessaria ad accettare l’ inaccettabile.
Un romanzo non banale anche se con una prima parte poco coinvolgente, una costruzione all’ eccesso in grado di riscattarsi in una seconda parte più credibile, un universo di relazione e sentimenti ben descritto e rappresentato.
Fecondazione assistita, genitorialita’, ebraismo, la complessità famigliare, generazioni a confronto, la ridefinizione di se’ tra pubblico e privato, tradizione e sentimenti, non sempre paiono convincenti nell’esposizione di fatti e luoghi ( tra Stati Uniti e Italia ) piuttosto romanzati, quello che resta è una crescente vivacità narrativa che induce a una riflessione sui temi fondanti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri