Snob Snob

Snob

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ad Ascot, nella tribuna della Royal Enclosure, tra le matrone coi loro fronzoli di organza, Edith Lavery, figlia di un revisore di conti, spicca davvero. Col suo elegante tailleur di lino celeste, la sua grazia giovanile, il cappellino che le dà un'aria frivola e così sobria e chic, è davvero irresistibile. Agli occhi soprattutto di Charles, conte di Broughton, aristocratico purissimo e... suo prossimo consorte, erede del marchese di Uckfield, figlio di Lady Uckfield, la celebre e terribile Googie, ancien riche che ha accresciuto la sua ricchezza con la Thatcher e l'ha raddoppiata con l'accomodante New Labour. Con la sua scrittura elegante, misurata e ironica, che "ricorda Jane Austen e Evelyn Waugh" (Tim Lott), Julian Fellowes ci offre, con "Snob", un romanzo esilarante che ci svela i codici, i rituali, le abitudini di un mondo ostinatamente chiuso in se stesso e ossessionato dal pericolo di nouveaux riches e parvenus d'ogni specie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Snob 2023-09-16 09:30:02 lapis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
lapis Opinione inserita da lapis    16 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Classismo british

Questo romanzo del 2004 rappresenta l’esordio alla scrittura per Julian Fellowes, già attore e sceneggiatore di successo, il quale propone in questo lavoro le stesse tematiche che hanno reso celebri le sue produzioni televisive: curate ed eleganti rappresentazioni dell'aristocrazia britannica di cui mettere in luce vizi e virtù. A sorprendere tutti coloro che, come me, hanno sempre associato titoli nobiliari, stagioni londinesi e battute di caccia a un passato ormai lontano, è invece l'ambientazione. Siamo infatti a fine Novecento, solo pochi decenni fa, ma al centro della storia c’è ancora una volta, come nel più classico romanzo ottocentesco, la caccia a un buon matrimonio.

Edith, giovane alto-borghese di bell’aspetto e buone maniere, è convinta che per assicurarsi una vita facile e soddisfacente l’unico modo sia ricercare un marito adatto, possibilmente nobile. Edith trova così il suo conte da sposare e la voce narrante, un attento amico di famiglia, la seguirà negli alti e bassi della sua vita di coppia punteggiando gli accadimenti con argute e ironiche osservazioni sulla società, commentando vezzi, stravaganze e comportamenti dell’antica aristocrazia inglese.

Per quanto siano proprio queste sagaci e incisive digressioni a caratterizzare il romanzo, i conseguenti cali di ritmo finiscono per rendere la narrazione un po’ farraginosa e poco avvincente. La trama ci appare fin da subito come un pretesto per addentrarsi nelle alte sfere del sistema di classe tutto british. Punto di forza del romanzo è invece la profondità di sguardo degna di un sociologo, capace di tratteggiare considerazioni universali e di donare umanità ai personaggi, eludendo il rischio di trasformarli in meri stereotipi.
Una lettura interessante, che si fa però fatica a classificare; forse più uno studio romanzato che un vero e proprio romanzo, che difficilmente potrà soddisfare chi cerca azione o romanticismo. Da leggere con le giuste aspettative.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232