Narrativa straniera Romanzi Ultima chiamata per Charlie Barnes
 

Ultima chiamata per Charlie Barnes Ultima chiamata per Charlie Barnes

Ultima chiamata per Charlie Barnes

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Charlie Barnes ha sessantotto anni, una relazione complicata con la verità, cinque matrimoni alle spalle, almeno tre figli ormai adulti, diverse idee per diventare ricco, una più fallimentare dell’altra, e moltissime telefonate da fare. Perché, in quell’autunno del 2008, preludio della Grande Recessione, Charlie Barnes ha anche una certezza: una diagnosi di cancro al pancreas, con il suo triste annuncio di morte in arrivo «come la posta prioritaria», così in fretta da non avere il tempo di chiedere scusa o di regolare i conti.
Come ogni essere umano, tuttavia, Charlie Barnes è un enigma senza soluzione. La speranza di una diagnosi errata convive in lui con l’inconfessabile scarica adrenalinica del sapersi al centro di una tragedia innegabile. Guardare in faccia la propria mortalità, essere guardati dagli altri nella propria mortalità, può rivelarsi una posizione privilegiata, fornire una prospettiva lunga per esaminare la strada compiuta e, magari, riportare vicino le persone che si sono allontanate. C’è forse qualcosa di meglio del momento in cui tutte le illusioni cadono, per interrogarsi sul senso della vita? Così, con l’aiuto del figlio scrittore, nelle cui parole si riflette come in uno specchio deformante, Charlie si trova a ripensarsi completamente e a chiedersi: cosa rende un uomo ciò che è? E in che modo il racconto che costruiamo di noi stessi si allinea con l’esistenza che realmente conduciamo?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ultima chiamata per Charlie Barnes 2022-12-13 07:49:07 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    13 Dicembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Realtà e fiction

Realtà e finzione raccontano la vita di un uomo il cui destino è improvvisamente mutato, catapultato verso una morte certa, possibile, probabile, forse no, non è dato saperlo.
Charley Barnes, alias Steady Boy, cinque matrimoni e quattro figli, un impostore bello e buono probabilmente destinato all’ eternità, una vita senza compromessi, figlio di quel sogno americano che ne è stato motore e fallimento, mille attività imprenditoriali collassate, truffe, raggiri, debiti, ipoteche, ripartenze, fallimenti, un self made man tramontato nella crisi finanziaria del 2008.
Il presente un’ improvvisa e inaspettata diagnosi di cancro, il peggiore, vita breve, mortalità alta, una sentenza di morte, impossibile sfuggire all’ incubo del reale, quel che resta di una vita sgretolata e dissolta, nella quale non ha neppure preso una laurea ed è rimasto solo un dilettante,
Mogli, ex mogli, figli, figli adottivi, amici, conoscenti, colleghi, ex colleghi, nessuno lo prende sul serio, da sempre affetto da una massiccia dose di ipocondria, la menzogna unica regola, ora tutto è cambiato e lui stesso pensa di esserlo.
Realtà e finzione si specchiano, si incastrano, si assentano per ritornare nel medesimo gioco ad effetto, che cosa resta di Charlie se non un passato percorso e percosso dai propri insuccessi, da un senso di fallimento imprenditoriale, da ondivaghi flussi erotici e capricci sentimentali, dalla smania di eccedere, eccellere, da un rimescolio continuo?
Quando la vita è al capolinea l’ ansia ti stritola dentro e sei trascinato dal desiderio di ricordare, accludere, chiarire, chiamare i tuoi cari, riannodare i giorni.
Charlie decide di affidare la propria biografia al figlio adottivo, Jake, uno scrittore che sappia rappresentare la realtà vera, la memoria istituzionale in una casa di smemorati, ma qualsiasi opera non è che un costrutto personale, omissioni, aggiunte, cambiamenti, un angolo distopico in cui confluiscono vero e falso e la fiction diviene verità assoluta e proposta univoca in cui gli altri stentano a riconoscersi.
È allora che si ricercano i rapporti che furono, assenti, tralasciati, distorti, ma, preceduti dalla propria efferatezza, è difficile risultare credibili e affacciarsi alla verità. Lui stesso fatica a definirsi e ignora la verità vera, esistono vite di cui non conosce lo svolgimento, i figli Jerry e Marcy gli fanno la guerra e gli sono indifferenti, le ex mogli si sono ricostruite altrove, gli amici dissolti, i colleghi non lo ricordano.
Quanti volti e spezzoni di storie hanno attraversato la vita di Charlie Barnes, la morte imminente potrebbe portarlo alla pazzia, indurlo ad abbandonare la vita, ma dentro di se’ ha ancora voglia di vivere.
Il presente è Barbara, l’ ultima moglie, ex infermiera, invisa ai figli, fredda, calcolatrice, anaffettiva, la sola pronta ad accudirlo e il figlio Jake che, nella difficoltà, riscopre l’ ingenua genuinità e la bonarietà del padre adottivo.
Charlie e il suo passato di ipocondria nascondono una verità inappellabile e una condanna, non si è mai amato abbastanza e ha avuto paura di vivere, un incubo da cui non si guarisce, colpito da due condanne, la morte fisica e la paternità.
Oggi può pensare di diventare un uomo migliore, di riallacciare i rapporti con i figli, di amare come non ha mai amato, ma l’ America è piena di bugiardi, di approfittatori, di impostori, un mondo falso in cui non vale la pena vivere, il tempo e’ passato, lui è invecchiato e morirà.
Un romanzo cinico, umoristico, paradossale, un fiume in piena di dialoghi e di accadimenti, una miriade di personaggi e di microstorie, tra vero e presunto, passato e presente, rappresentazione sociale, politica, famigliare, situazioni più o meno credibili, molteplici vite in una medesima vita, visione estremizzata del fallimento del grande sogno americano.
Un costrutto ben scritto ma piuttosto caotico, che non riesce a rappresentare un mondo come vorrebbe e a entrarne in profondità, ripetitivo nelle situazioni e nella definizione dei personaggi, impalpabile nella rappresentazione degli stessi. Durante la lettura ci si confonde, travolti e stritolati da un’onda gigante, si cercano chiarimenti e una possibile via di fuga per finire, paradossalmente, con l’ annoiarsi, mentre la rappresentazione della malattia, da cui tutto ha inizio, non è un fine ma un semplice mezzo.
Il tema di fondo rimane lo stesso e ci si chiede: chi è Charlie Barnes, il protagonista di un romanzo prima e dopo una diagnosi infausta, il simbolo di un’ epoca dove tutto è stato possibile, un uomo alla disperata ricerca di se’ e di un senso, un peccatore che cerca un ultimo colpo di coda riappropriandosi della propria umanità e dell’ amore figliale?
Il dubbio rimane, e ne accompagna l’ intero cammino, tra grandezza presunta e bassezze dimostrate, un dubbio poco credibile che possiede tutti i requisiti della fiction.

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage