Narrativa straniera Romanzi Una buona madre
 

Una buona madre Una buona madre

Una buona madre

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un appuntamento tra due donne in un caffè di Dublino, che segnerà per sempre il loro futuro. Tess non ha idea di chi sia Maeve, questa donna che l'ha cercata dicendole di avere informazioni importanti su uno dei suoi figli, Luke, quello scapestrato, quello che a tutti i costi deve distruggere la serenità dei genitori e del fratello Aengus, spesso costretto suo malgrado a coprirlo. Che cosa avrà fatto questa volta Luke? Ma se veramente Maeve è una sconosciuta, perché Tess ha la vaga impressione di averla già vista? Dall'incontro tra Tess e Maeve si dipanano le storie delle loro famiglie, che si scopriranno legate in un intreccio indissolubile. Tess è cresciuta in una famiglia numerosa nell'Irlanda degli anni Settanta, troppe responsabilità hanno gravato precocemente sulle sue spalle perché avesse voglia di diventare madre a sua volta, e ha faticato a calarsi in quel ruolo. Invece Maeve è rimasta incinta troppo presto, ha rischiato di vedersi sottrarre sua figlia, e solo il coraggio di una zia che aveva subito quel feroce destino è riuscito a salvarla da un istituto per ragazze madri molto simile a una prigione. Tess e Maeve sono due facce della maternità in un'Irlanda che, attraverso le generazioni, sembra negare alle donne la possibilità di scegliere. Un filo sottile lega le protagoniste di questo romanzo corale – e le loro madri, e i loro figli –, un filo simile a quello delle coperte patchwork che una di loro realizza, metafora dell'inesauribile capacità femminile di tessere, creare, rammendare e rinnovare sentimenti e relazioni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una buona madre 2022-11-26 06:04:33 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    26 Novembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scelta e destino

Catherine Dunne ambienta una trama al femminile nel cuore della cattolica Irlanda, ragazze madri abbandonate, condannate all’ isolamento, ripudiate dalle proprie famiglie, trasferite in istituti di correzione, figli strappati a una inadeguatezza presunta, adottati e cresciuti altrove. Vite che attraversano cinquant’anni, un capitolo amaro e deprimente della storia del paese.
Betty, Tess, Maeve, Belle, Eileen, Joanie, donne diversamente uguali, un legame circolare inconsapevole in un tempo sentimentalmente condiviso, hanno vissuto l’ impossibilità di essere madri, ricercato un figlio sottratto, cambiato nome, ricostruito una vita, inseguito gli affetti perduti, sofferto per gli errori dei figli.
La poetica della Dunne, da sempre costruita su relazioni famigliari ristrette e intensi rapporti personali, scandita da una prosa omogenea, lineare, diretta, in questo romanzo riflette il coro di voci di migliaia di madri non madri sconfitte in un esilio forzato, costrette a espatriare nella vicina Inghilterra per ricostruirsi una vita e aggiunge un’ altra voce, la propria, che rivela il dolore della perdita ( personale ) e denuncia le storture e le torture di un periodo storico siffatto.
Ciascuna di loro ha una storia da raccontare, un tempo interiore scandito da una propria trama sentimentale, il flusso di una dolorosa presenza condivisa, quel soffio materno che le spinge a sperare.
Passato, presente e futuro, le situazioni cambiano, non l’ amore e gli occhi imploranti di una madre, la relazione elettiva con i figli, un tempo perduti, oggi lontani, mentre la memoria rivive le violenze subite e il trauma della separazione e della lontananza non può sottrarsi al desiderio.
Alcuni legami rimangono, fili intrecciati di un amore, altri si vorrebbero preservare e cambiare, sperando in un vita diversa.
Una madre che non voleva esserlo (Tess), un’ altra in crisi di coscienza ( Betty), il terrore di perdere una figlia ( Maeve ), la ricerca di un figlio ( Joanie ), una donna in difficoltà ( Belle ), il dolore dell’ affidamento e il desiderio di rimediare ai torti subiti ( Eileen), una giovane violata ( Amy ).
Le spirali della memoria le avvolgono e si intersecano, nessuna separazione tra passato e presente, un tempo che ha messo radici dentro di se’. I torti subiti possiedono precise radici storiche, religiose, famigliari, di stato, rivivono nel presente in una nuova dimensione ristretta, una violenza privata taciuta ma altrettanto grave, che riguarda come allora la violazione della sensibilità femminile.
Un esercito di donne perdute intimamente connesso, una comunione sentimentale, vite vissute, agognate, rincorse, perdute, accomunate dal desiderio di conservare e preservare il proprio nucleo famigliare.
Oggi vi è un incontro inatteso tra due donne invecchiate che non si vedono da tempo, le circostanze sono cambiate ma la violenza è rimasta. Se Tess rimugina sul quello che non ha mai avuto, una vita con obiettivi precisi diversa da quella sembianza di brava figlia che è stata, Maeve ha cambiato nome per sopravvivere. Eileen, Maeve e Belle sono chiamate a condividere la stessa sorte, madri adolescenti con un futuro da scrivere, tre donne e un destino, una sola famiglia.
Ritornando alla propria storia, a tutte quelle che non conosciamo o non vogliamo conoscere, che fingiamo di non sentire, che ci piace credere non abbiano a che fare con noi, si può provare una folle sete di vendetta, così come quarant’anni di dolore improvvisamente scompaiono in un abbraccio e in un ritorno che tutto finalmente placa.
Voci parlanti, che continuano a farlo in un paese affetto da un silenzio inutile, che non ha mai perdonato figli illegittimi e donne perdute. E allora come ricominciare, dopo un periodo di isolamento da Coronavirus che ha acuito silenzio, paura, diversità, lontananza, la condivisione parte dall’ ascolto, l’ idea di futuro dal perdono, il vero amore insegue la verità, non dimentica, protegge i deboli, concede e si concede un’ altra possibilità.




Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage