Poesia Poesia italiana L'ultimo turno di guardia
 

L'ultimo turno di guardia L'ultimo turno di guardia

L'ultimo turno di guardia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La scena è l'interno di una torre, forse cella di isolamento, forse appendice di un nosocomio, forse rifugio metropolitano: comunque un luogo di segregazione e contemplazione. Chi parla è un malato di tempo, una figura a metà strada fra l'avo vaticinante, il lungodegente, il disabile. Il suo interlocutore è una sorta di liquido testimone, di infermiere-carceriere. Una spia neghittosa. L'allettato parla, immagina, comanda, si commuove, mette in disordine i ricordi, e l'altro ascolta, più distratto che ammaliato, più sordo che sedotto. Entrambi confitti nello spettacolo di una inevitabile continuità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
L'ultimo turno di guardia 2022-02-02 21:42:37 Laura V.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    02 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che meriggio lungo,/ immobile, feroce ci corteggia

Pubblicata nel 2020 dalla casa editrice pugliese Manni, questa raccolta poetica di Alberto Rollo offre certamente una lettura affascinante, ma anche non semplice e, pertanto, di comprensione non immediata. Una scrittura senza dubbio di grande profondità e ricca di vivace musicalita dà voce a una figura imprecisata - difficile dire se si tratti solo di un anziano o di un malato - confinata all'interno di una torre anch'essa non bene identificata (carcere, nosocomio?), mentre il muto interlocutore dell' "io narrante" poetico si identifica, pur in tutta questa vaghezza, con quella di un probabile infermiere-carceriere.

"[...] Più dura
questa lunga malattia più vi sottrae,
meravigliose fantasie, futuro.
Vi cercherete ciechi sopra il muro,
come timidi gechi pattugliando
il giorno e i suoi improvvisi
nidi di ombre."

Recentemente nella terzina finalista (per la sezione Poesia) dell'edizione 2021 del prestigioso Premio Napoli, "L'ultimo turno di guardia" ha ricevuto anche altri importanti riconoscimenti letterari; i suoi versi danno vita a una sorta di poemetto in cui la segregazione diviene occasione per ricordare e liberare emozioni. Nel complesso, un'opera di grande qualità che ho avuto occasione di leggere poiché l'autunno scorso ho preso parte al lavoro dei giudici lettori del Premio Napoli.

L'autore, classe 1951, vanta una lunga carriera nel mondo editoriale; ha tradotto romanzi inglesi e americani, tra cui "A sangue freddo" di Truman Capote, e scritto anche per la narrativa, il teatro e la televisione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Vita d'un uomo
Adelchi
L'ultimo turno di guardia
Uno più uno fa uno
Aforismi e magie
Poesie dell'indaco
Diavolo di sabbia
L'ennesimo angolo
Haikugrafia
La strada dei colori
Se non mi confonde il vento
Forza e libertà attraverso Alda Merini
I passeri di fango
Cento poesie d'amore a Ladyhawke
Haiku della buona terra
Ultimo viandante