Dettagli Recensione

 
Il rosso e il nero
 
Il rosso e il nero 2013-03-25 10:32:55 AndCor
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    25 Marzo, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello, ma non balla

E' sufficiente leggere il titolo per suscitare numerose aspettative positive riguardo al romanzo, il quale purtroppo si rivelerà poi non essere così straordinario come la critica ha voluto dipingerlo.

Ma procediamo con ordine:
Partendo appunto dal titolo, è possibile notare una forte componente simbolista che lo caratterizza; il rosso ed il nero si presentano come due tonalità cromatiche legate al crimine, all'efferatezza, al cinismo, al sangue, al rancore, all'astio, all'omicidio ed, in generale, alle tematiche concernenti il dolore e la morte.

Si tratta di un libro in cui Stendhal si (pre)occupa maggiormente delle descrizioni che della trama vera e propria;
Sublimi e puntigliose sono le caratterizzazione psicologiche dei protagonisti: un Julien Sorel avido di potere, impulsivo, ambizioso, a tratti supponente ed estremamente orgoglioso; la Signora de Renal alquanto priva di potenza volitiva, con un carattere sincero, ingenuo e con un atteggiamento caratteriale quasi di sfiducia e di rassegnazione verso il sentimento che prova per Julien; la Signorina Mathilde de la Mole arguta e spiritosa, oltremodo intelligente, che dovrà 'sopportare' una travagliata storia d'amore con Julien.

Se i meriti di Stendhal sono inequivocabili per quanto riguarda i personaggi, gli ambienti ed il contesto storico in cui è dislocata la vicenda, non si può affermare lo stesso per la piacevolezza e la scorrevolezza della trama: si può definirla un 'mattone', in quanto è presente un numero eccessivo di digressioni che rallentano e rendono pedissequa la lettura, soprattutto nella parte centrale del romanzo. A tutto ciò va associata la scelta poco felice dell'utilizzo di un linguaggio tecnico e poco lineare e di perifrasi pleonastiche, che, a mano a mano, fanno scemare sempre più la voglia di andare avanti nella lettura.

Rimane tuttavia un romanzo interessante, del quale ne consiglio la lettura soprattutto per la fedele rappresentazione dei contesti storico e sociale del periodo della Restaurazione post-napoleonica, anche se - e questo è un parere puramente soggettivo - non è ai livelli dei romanzi di formazione propostici da Flaubert, Charlotte Bronte e Joyce.

Uno Stendhal bravo, ma sopravvalutato. Che è bello, ma che non balla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Non ho mai letto il libro quindi accetto la tua recensione senza obiettare! E' comunque un punto di vista!

25 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
è molto soggettivo dire "...che è bello, ma che non balla.". Soprattutto se mi parli di Joyce. ma giustamente ognuno ha i suoi gusti.
“Bello ma non balla” sembra un classico “bariccoso” gioco di parole :-) Stendhal può non arrivare a tutti (lui stesso dedicava i suoi libri “To the Happy Few”, cioè a pochi fortunati), ma il romanzo è ricco di spirito, ha una trama ben definita ed è molto ben scritto.
Anche io non l'ho mai letto, comunque sia bella rece.
E titolo -e finale- eccellente :-)
ottima recensione , non lo leggerò mai!
In risposta ad un precedente commento
AndCor
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Beh, è ovvio che ogni recensione deve possedere una sua soggettività, altrimenti risulterebbe un giudizio freddo ed austero.
Ed un libro, qualsiasi libro, nel bene o nel male, tanto o poco, tocca le corde del nostro animo. Ecco perchè è impossibile giudicare in maniera indifferente e spassionata :)
In risposta ad un precedente commento
AndCor
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Infatti le recensioni devono essere soggettive e stimolare una critica - non importa se positiva o negativa; l'importante è che sia costruttiva -, sennò la lettura diventa puro formalismo e non più passione.

Per quanto riguarda Joyce, lungi da me fare alcun paragone su chi è 'migliore', perchè non esiste un metro di giudizio oggettivo per stabilire una gerarchia di 'bravura'.
Dico semplicemente che, per quanto concerne i romanzi di formazione, Joyce mi ha impressionato più di Stendhal. Niente di più.
E, come dici - giustamente - tu, 'ognuno ha i suoi gusti' :)

Saluti, Andrea.
In risposta ad un precedente commento
AndCor
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Eh, Cristina, Baricco ormai è entrato dentro di me :D Tra giochi di parole e uso sconsiderato della paratassi non ne esco più :)

Presto vedrò di leggere qualcos'altro di Stendhal per avere la conferma definitiva o meno se io sono presente fra quei 'pochi fortunati' :D Comunque non concordo sul fatto che sia un romanzo 'molto ben scritto', perchè ritengo che lo stile sia troppo farraginoso e tutt'altro che scorrevole.
In risposta ad un precedente commento
AndCor
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie C.U.B., sempre troppo gentile :)
In risposta ad un precedente commento
AndCor
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Brava Laura, hai trovato la via più breve per evitare di doverti schierare a favore o contro la mia recensione :D

Comunque grazie mille anche a te :)
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri