Dettagli Recensione

 
Anime morte
 
Anime morte 2013-05-30 18:27:48 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    30 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una barca tra le onde

L’acqua bolle nel samovar, un succulento storione allieta il palato, un bicchiere di vodka riscalda il corpo e lo spirito. Siamo nella Russia del diciannovesimo secolo e seguiamo le avventure del protagonista del romanzo, Pavel Ivanovic Cicikov, la cui vita è da lui stesso definita "una barca tra le onde". Accompagnato dai suoi due servi, il burbero Selifan e il pigro Petruska, a bordo di una carrozza da scapolo trainata da tre cavalli, un baio, un pomellato e un sauro, il nostro eroe si sposta per tutto il paese, frequentando l'alta società, affascinando tutti con il suo spiccato savoir-faire e conducendo con discrezione i suoi affari. In cosa consistano questi affari però non è facile spiegare. Ufficialmente compra anime, cioè servi della gleba da trasferire nei suoi fantomatici possedimenti agricoli. Fin qui niente di strano, ma c'è un piccolo particolare: quelli che interessano a lui sono i contadini deceduti dopo l'ultimo censimento e che quindi per lo stato risultano ancora vivi. In pratica compra anime morte. Per farne cosa? Come reagiscono i potenziali venditori davanti ad una simile richiesta? Cosa penserà la gente quando verrà a sapere di queste strane compravendite? Infine, chi è questo Cicikov? Per avere una risposta a queste legittime domande non c'è altra soluzione che lasciarci guidare dall'ironica penna dell'immenso Gogol’ in questo grottesco viaggio nella terra degli zar. Con eleganza ed umorismo l'autore disegna un bellissimo ritratto di una nazione affascinante e del suo popolo dal carattere tanto particolare, regalando momenti simpatici e a tratti esilaranti alternati a profonde riflessioni sui mali della società: corruzione, indolenza, pettegolezzi, vizi, sete di denaro, sono solo alcuni dei difetti che uccidono moralmente gli uomini, e coloro che ne sono affetti sono forse le vere anime morte cui si riferisce il titolo. Concepito come opera in tre volumi, questo libro avrebbe dovuto seguire la falsariga della Divina commedia ma Gogol è riuscito a completare solo la prima parte, mentre la seconda è giunta a noi lettori con diversi pezzi mancanti che non impediscono comunque di intravedere una sorta di rinascita morale dell'uomo che probabilmente sarebbe divenuta un vero e proprio riscatto nella terza parte. Tuttavia il fatto che si tratti di un romanzo incompleto non diminuisce il suo fascino né ne pregiudica il grande valore sociale. Che aspettate dunque? Salite in carrozza con Pavel Ivanovic, ordinate a Selifan di sferzare i cavalli, soprattutto quel lavativo di un pomellato, armatevi di pazienza con Petruska e via in marcia per la grande Russia tra villaggi, boschi e campi sterminati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
petra
30 Mag, 2013
Ultimo aggiornamento:
30 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima e affascinante recensione, mi hai convinta!:)
Bella recensione! Ma il fatto che sia incompleto mi spaventa un po' , però lo segno magari se mi sento ispirato....
Un libro meraviglioso che se fosse stato completo credo non avrebbe avuto eguali!
L'ironia intrinseca allo stile di Gogol, le sottile metafore, i personaggi divertenti e tristi.
Una lettura davvero bella e quasi non si sente l'incompletezza se non in alcuni capitoli che sono come una pietra grezza, ma come dice Enrico si riesce comunque ad assaporare pagina dopo pagina la sublime atmosfera Russa e il pensiero di Gogol non è scalfito.
Secondo me va letto senza se e senza ma :-)
grazie ragazzi :-)
@Federica: allora hai già un titolo per il prossimo scambio :-)
@Mirko: spaventava anche me, infatti ne ho rimandato la lettura per un bel po' di tempo...ma poi mi sono deciso e non me ne sono pentito...certo resta sempre il rammarico di non poter leggere il seguito...
Bravissimo Enrico. Ho paura di non essere all'altezza di questo libro, più lo guardo, più rimando il momento.
@ Silvia t: sono d'accordo con te, se Gogol fosse riuscito a scriverlo tutto sarebbe stata una delle migliori opere della storia della letteratura!
@ Sary: non spaventarti, leggilo e non te ne pentirai!
In risposta ad un precedente commento
gracy
31 Mag, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Wow!! Anch'io rimando sempre...ma prima o poi lo metto in una sfida XD
Tu Enrico sei un gran tentatore con le tue recensioni di classici!!!
Ho acquistato da poco una quantità industriale di titoli di Dosto e Tolstoj; volevo aggiungere anche questo titolo ma alla fine ho desistito.....ora lo acquisterò di sicuro!
Ma che scenografico sei !!!
Mi hai fatto venir voglia di leggerlo, benchè io tema sempre i russi un po' troppo...
Ma...mettiamo in ld, se dovra' essere, sara' !
Come l'hai capito bene il fascino della letteratura russa! Questo l'avevo visto in un mercatino e non l'ho preso perché incompiuto. Sarà per la prossima volta!
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri