Dettagli Recensione

 
Uno studio in rosso
 
Uno studio in rosso 2013-12-10 11:01:28 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    10 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Holmes è sinonimo di Genio

Personalmente ritengo che Arthur Conan Doyle e il suo Sherlock Holmes siano l'ingresso perfetto per un giovanissimo lettore che vuole entrare nel mondo della lettura vera, quella davvero bella e matura anche se non eccessivamente impegnativa. Almeno così è successo a me ed è stato un fantastico trampolino di lancio. Il motivo? Il modo di scrivere di Doyle è semplice ma accurato, ambientazioni intriganti e variegate (L'Inghilterra di fine '800 è già suggestiva di per sé), situazioni coinvolgenti e mai scontate, personaggi carismatici, a partire dal dottor Watson, arrivando a quel genio fantastico che è Sherlock Holmes, che ritengo uno dei personaggi letterari meglio riusciti della storia.
"Uno Studio In Rosso" è probabilmente, dei quattro romanzi dedicati al detective di Baker Street(oltre ai racconti), il migliore. E' riuscito a emozionarmi, stupirmi, appassionarmi oltremodo. Inoltre il genio di Holmes è magnetico, vuoi andare avanti, scoprire cosa frulla nella sua testa, perchè a lui sembra bastare una semplice occhiata alla scena del delitto per sapere nei minimi particolari come siano andate le cose. E una volta completata la sua spiegazione, la fa sembrare talmente semplice (anche se spesso è decisamente complicata), che ti chiedi: "Come ho fatto a non arrivarci?". Ma non siamo i soli, se lo chiede spesso anche lo storico compagno di avventure di Holmes, il dottor Watson, che in questo romanzo conoscerà per la prima volta il suo controverso amico. Questo romanzo si può infatti considerare come la prima avventura di questo duo letterario (e non solo) eccezionale.
"Uno studio in rosso" è fondamentalmente diviso in due parti principali, la prima, in cui si racconta del fatidico primo incontro tra il dottor Watson e Sherlock Holmes. Dopo essersi conosciuti vengono subito catapultati sulla scena del delitto, la vittima è Enoch j. Drebber. Nonostante sul corpo non vi siano segni di violenza, la stanza dove viene rinvenuto il cadavere è piena di sangue, e nelle vicinanze della vittima viene trovata una fede da donna. La situazione sembra controversa ma Holmes appare già sicuro di sè e di cosa possa essere accaduto in quella stanza macchiata rosso sangue.
Nella seconda parte viene invece raccontata la storia che ha portato all'omicidio, il cui colpevole è probabilmente il personaggio più interessante del libro dopo Sherlock Holmes.
Per certi versi sembra di leggere due libri diversi, collegati tra loro da un sottile filo conduttore.
La prima parte colpisce per la caratterizzazione eccezionale che viene fatta dei personaggi di Watson e soprattutto di Holmes, di come inizia la loro immensa amicizia. Colpiscono i geniali ragionamenti fatti da Holmes per venire a capo della faccenda, cosa che lo caratterizzerà dalla prima fino alla sua ultima avventura, e vero punto di forza delle storie scritte da Doyle dedicate al detective. Non posso infatti negare che ogni volta mi cimentassi nella lettura di una storia di Holmes, non vedessi l'ora di leggere la sua logica spiegazione alle vicende.
La seconda parte è invece quella che ci fa emozionare, che ci fa capire i sentimenti dell'assassino, che ci fa odiare o amare dei personaggi rispetto ad altri, che ci coinvolge del tutto nei fatti narrati. Mentre leggevo quelle righe mi sembrava di essere lì, immerso nella storia che mi veniva raccontata, spettatore di ciò che accadeva e condividendo le sensazioni e i sentimenti dei personaggi.

Doyle è riuscito in quello che è uno degli scopi principali della lettura. Un libro deve suscitare in noi delle emozioni, coinvolgerci e lasciarci qualcosa dentro una volta chiuso definitivamente il libro. E Doyle con il suo primo Holmes, ci riesce in modo meraviglioso.

"È un errore confondere ciò che è strano con ciò che è misterioso. Spesso, il delitto più banale è il più incomprensibile proprio perché non presenta aspetti insoliti o particolari, da cui si possono trarre delle deduzioni."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli in generale. Questo è il giallo per eccellenza.
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Valerio, molto bella la tua recensione!
Pia
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
10 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Pia, gentilissima!
gracy
11 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Mhmmm...per eccellenza dici? Doyle deve dividerla con altri mi sa...Agatha è una di questi :D
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
11 Dicembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
11 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho letto Dieci Piccoli Indiani... è bellissimo... ma Sherlock è Sherlock! Forse è che Conan Doyle è un mito per me e sono cresciuto con i suoi racconti, quindi nessuno regge il confronto. Poi sono gusti! :)
Nikly
11 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Anch'io adoro Sherlock Holmes... proprio in questo periodo il geniale investigatore mi sta accompagnando nei miei primi tentativi di letture in inglese! Complimenti per la recensione!
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
11 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Nikly :) Leggerlo in lingua originale deve essere bellissimo, tante cose lette in inglese sono ancor meglio che in italiano. Buona lettura!
Bella opinione :) L'ho letto qualche tempo fa,scegliendolo a caso tra quelli dell'autore e fui molto contenta di scoprire che raccontava il primo incontro della coppia!
Però devo dire che quoto Gracy,anche io preferisco la Christie,ma è una guerra tra giganti del giallo!! :)
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
12 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Thanks :) ripeto... Sono gusti, hanno stili parecchio diversi Doyle e la Christie... Personalmente, sarà perchè Doyle è, insieme a Crichton e Asimov, il mio scrittore preferito, sarà che Sherlock Holmes è il personaggio letterario che preferisco in assoluto, sarà che leggo queste storie fin da piccolo... ma le emozioni che mi regalano le avventure di Holmes... Impareggiabili. Devo dire però, tanto di cappello alla Christie, Dieci piccoli indiani il suo capolavoro :)
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri