Narrativa straniera Classici Uno studio in rosso
 

Uno studio in rosso Uno studio in rosso

Uno studio in rosso

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Nel 1887 Arthur Conan Doyle, uno sconosciuto medico di periferia, dava alle stampe "Uno studio in rosso", il romanzo che vedeva l'esordio di due famosissimi personaggi letterari: il dottor Watson, sotto le cui modeste spoglie si celava l'alter ego dell'autore, ed il geniale Sherlock Holmes, il detective per antonomasia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 22

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (22)
Contenuto 
 
4.3  (22)
Piacevolezza 
 
4.5  (22)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uno studio in rosso 2016-01-06 15:00:43 lapis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
lapis Opinione inserita da lapis    06 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vede cose che noi umani non possiamo immaginare

Recentemente mi sono imbattuta nelle “Venti regole per scrivere romanzi polizieschi”, un articolo del 1928 del giallista S.S. Van Dine che esordisce così: “Il lettore deve avere le stesse possibilità del poliziotto di risolvere il mistero. Tutti gli indizi e le tracce debbono essere chiaramente elencati e descritti”.

Fermo restando che a mio parere in letteratura le regole poco valgono (e lo dimostra anche il fatto che, nella mia ignoranza, io Van Dine nemmeno lo conoscessi mentre la fama di Conan Doyle non ha certo bisogno di commenti), queste parole mi sono tornate in mente leggendo “Uno studio in rosso” perché ho chiuso il libro con la sensazione vagamente frustrante che a me lettrice Arthur Conan Doyle non abbia purtroppo dato alcuna possibilità di risolvere il mistero. Le carte infatti non vengono svelate con l’avanzare della storia ma tenute saldamente coperte nelle mani di Sherlock Holmes che, naturalmente, alla fine cala il suo poker d’assi. Secondo il mio gusto di lettrice moderna, cresciuta a pane e Poirot, è questa la caratteristica che più inficia la piacevolezza del romanzo.

Ciononostante, nessuno nega a quest’opera non soltanto il proprio valore letterario ma anche quell’aura “sentimentale” che accompagna la prima apparizione di Sherlock Holmes, il primo incontro con il dottor Watson, la prima indagine in cui fa sfoggio delle proprie eccezionali capacità deduttive.

Bellissima l’ambientazione, che ci avvolge nello spesso e grigio fumo londinese di fine Ottocento. Elegante la scrittura, di alta qualità stilistica e descrittiva. Ma è il carisma di questo personaggio inimitabile e ormai iconico che conquista davvero: presuntuoso, antipatico, un po’ cinico, Sherlock Holmes non può certo lasciare indifferenti con il suo carattere innovativo, la sua genialità acuta, le sue sentenze laconiche. Fascino assicurato.

Immancabile lettura quindi per gli appassionati sherlockiani, per gli amanti del giallo e non solo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Uno studio in rosso 2015-05-16 14:37:19 MAZZARELLA
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
MAZZARELLA Opinione inserita da MAZZARELLA    16 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non è affatto elementare amici!

“Uno studio in rosso” di Sir Arthur Conan Doyle
Nel 1887 nasce il detective più famoso di tutti i tempi: Sherlock Holmes. Per quarant'anni Sir Arthur Conan Doyle, medico di scarsa fama, scrive storie sul celebre detective e sul suo inseparabile aiutante, amico e voce narrante, il dottor Watson (probabilmente l’alter ego di Doyle), creando un modello che influenzerà tutti i romanzi polizieschi.
L’esordio del grande investigatore si ha con il romanzo “Uno studio in rosso” dove si assiste all’incontro tra Sherlock Holmes ed il Dottor Watson, un ex medico militare di ritorno dalla guerra. Il dottore in cerca di un alloggio, approda per puro caso nell’appartamento di Holmes il quale nonostante sia un tipo abbastanza eccentrico, decide di condividere la casa con il medico.
Holmes suona il violino, passa molto tempo in silenzio a pensare e riceve tante visite da coloro che lui chiama “clienti”. In effetti Holmes è un investigatore privato dotato di una certa fama, tanto è vero che un giorno riceve una lettera dalla polizia inglese che lo informa dell’omicidio di Encoh Drebber. Holmes invita anche Watson a partecipare alle indagini e così i due si recano sulla scena del crimine, dove Holmes inizia a fare domande, ad osservare ed ad appuntarsi tutto su un blocchetto di carta. Il caso per Scotland Yard sembra un rompicapo impossibile, il cadavere non ha segni di violenza e le tracce lasciate dall’assassino (una fede da donna, una scritta in rosso) mandano più che mai in confusione tutto il dipartimento di polizia. Tuttavia l’abilità di Holmes è notare ciò che gli altri si limitano a guardare, dedurre ciò che gli altri non capiscono (l’arma vincente del nostro investigatore è proprio la scienza della deduzione) ed analizzare (grazie anche alla sua abilità come chimico) tracce scientifiche.

Una volta eliminato l’impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev’essere la verità.

Una persona che si basa sulla logica deve vedere ogni cosa esattamene com’è, e la sottovalutazione di se stessi costituisce una deviazione dalla verità quanto l’esagerazione delle proprie capacità

Alla fine il nostro grande investigatore giunge brillantemente a capo della vicenda e Watson rimane sorpreso sia dal finale sia dalle incredibili capacità dell’amico. La frase “Elementare, Watson” conosciuta dal mondo intero non appartiene né ad Holmes né tantomeno a Doyle eppure posso affermare che sicuramente tutte le storie di Doyle “non sono certamente elementari o scontate”. Non è il solito giallo, e fino all’ultima pagina ci si chiede come può una mente elaborare così velocemente tante nozioni. L’ambiente, lo stile, gli scenari ma soprattutto i personaggi e le vicende, fanno di Sir Arthur Conan Doyle uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, poiché i suoi romanzi (ambientati nell’Inghilterra del 1800) sono tutt’oggi più che attuali. Il carisma di Holmes e Watson li ha fatti amare e continuerà a farli amare perché sono intramontabili. Chi di noi non vorrebbe avere le capacità di analisi deduttive del nostro caro investigatore privato? E’ elementare, tutti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2015-04-20 08:08:23 Vita93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    20 Aprile, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nulla è piccolo per una grande mente

Sir Arthur Conan Doyle è stato uno scrittore scozzese di incalcolabile importanza artistica, considerato il fondatore di un genere letterario tra i più proficui di sempre : il giallo.
Il personaggio del geniale investigatore Sherlock Holmes è tutt’ oggi, a distanza di 128 anni dalla sua creazione, il più celebre tra tutti i detective della letteratura poliziesca.
Curioso il fatto che il rapporto tra Doyle ed il personaggio da egli stesso creato sia stato difficile e burrascoso. Pare infatti che non apprezzasse il fatto che la fama di Holmes avesse superato quella del suo ideatore, ma spinto dal clamoroso successo che ebbe nei confronti di pubblico e critica, lo scrittore scozzese si è trovato suo malgrado a sacrificare o almeno ridimensionare il numero di produzioni di generi a lui più congeniali come il fantastico o l’ avventura per seguire le vicende del detective di Baker Street.

In questo primo romanzo viene descritto l’ incontro casuale tra Sherlock ed il Dottor Watson, medico reduce dalla guerra in Afghanistan e narratore della vicenda, considerato l’ alter ego dello scrittore.
Entrambi in cerca di una casa, si ritrovano grazie ad una conoscenza comune a condividere un appartamento all’ indirizzo 221B di Baker Street, Londra.
Watson capisce subito di trovarsi di fronte ad un individuo singolare, e la sua curiosità verso Holmes aumenta quando scopre che Sherlock non solo collabora con la polizia in quanto investigatore privato, ma è anche portatore di coraggiose teorie sul metodo scientifico e sulla deduzione intuitiva applicate alla criminologia.
Inizialmente scettico, Watson avrà modo di ricredersi quando Sherlock si occuperà di un caso di omicidio apparentemente privo di una soluzione logica.

La storia è divisa in due parti, la prima che parte dall’ incontro tra i due protagonisti ed arriva fino alla scoperta del colpevole, e la seconda che attraverso un lungo flashback mira a spiegare i motivi che hanno spinto l’ assassino a compiere il delitto.
Nessuna delle due parti spicca sull’ altra, se nella prima la personalità eccentrica, sarcastica e imprevedibile di Holmes cattura il lettore, nel medesimo intento riesce anche la seconda, grazie ad un improvviso spunto “ esotico “ della storia con numerosi approfondimenti culturali e religiosi di grande interesse.
Doyle utilizza uno stile semplice, scorrevole e accattivante, che fa del naturale carisma del protagonista principale il suo maggiore punto di forza, e diverte il lettore con un raffinato sense of humour rigorosamente britannico.
Il rapporto che si stabilisce tra Watson e Holmes è da subito onesto e sincero, destinato a tramutarsi in una grande amicizia, nonostante le loro profonde diversità.
A tal proposito, emblematico e divertente è il rapporto che i due personaggi hanno con le proprie deduzioni.
Holmes quando è intento a riflettere passeggia, spesso parla da solo, lascia fluire le proprie osservazioni senza mai dimenticarsi niente, Watson invece deve necessariamente riordinarle e scriverle su carta, e così dopo aver conosciuto da poco Sherlock sente il bisogno di riportare su un foglio l’ elenco dei rami del sapere in cui il detective sembra non avere segreti, nel vano tentativo di inquadrarlo meglio.

Un romanzo senza tempo, e senza tempo sono le leggende e i miti come Sir Arthur Conan Doyle che hanno avuto come loro merito più grande quello di anticipare i tempi e indirizzare i propri successori.
Ancora oggi, dopo 128 anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2014-11-25 22:35:30 Marco Caggese
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Marco Caggese Opinione inserita da Marco Caggese    26 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cento anni avanti

Un genio. Non riesco a trovare un altro termine per descrivere Sir Arthur Conan Doyle.
La lettura accurata del primo romanzo che vede come protagonista il celeberrimo Sherlock Holmes mi ha fatto comprendere quanto Conan Doyle sia riuscito a creare qualcosa di assolutamente nuovo in campo letterario e di quanto sia stato precursore di un certo modo di concepire i personaggi protagonisti di un racconto.
Holmes è un personaggio incredibile, stravagante, arrogante, talentuoso, quasi ottuso nell'approfondire i suoi interessi: impossibile non innamorarsi di questo straordinario essere. E precisiamo che Conan Doyle ha scritto questo romanzo nel 1890!!! La freschezza della scrittura, la dinamicità dei personaggi e l'incessante incalzare della storia rendono questo romanzo imprescindibile.
Anche la struttura stessa del racconto è unica ed innovativa per i suoi tempi: il volume è spaccato in due parti, la prima racconta la vicenda presentandoci Watson, Holmes e tutti i personaggi di contorno che si trovano di fronte ad un omicidio attorno al quale fioriscono i misteri. Certo non per Sherlock Holmes...
Stop. Seconda parte del romanzo. Ci troviamo nell'America del Nord di cento anni prima, ci viene narrata una vicenda che fatichiamo a collegare con quello che abbiamo letto finora, ma con lo scorrere delle pagine tutto torna ed il passato mostra il suo gravoso fardello.
Una vera riscoperta, un libro "seminale" di quasi 130 anni fa che si fa leggere nel modo più avvincente possibile, dimostrando di essere un capolavoro del suo genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2014-03-26 20:06:31 f.ilvi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
f.ilvi Opinione inserita da f.ilvi    26 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un piacevole incontro

Leggere i romanzi di Sherlock Holmes è una delle tappe obbligatorie di un lettore che si rispetti. E' con questa idea che ho acquistato questo libricino (130 pagine circa). Breve ma ricco di dettagli, il racconto parte subito, senza troppi preamboli, con l'incontro tra i due protagonisti: il dottor Watson, che è anche il narratore, e il più che noto Holmes. La storia è molto scorrevole, di quelle che ti tengono incollato pagina dopo pagina, con la curiosità di sapere come si evolverà la vicenda e con la costante domanda: "ma come ha fatto a capire tutto questo da un dettaglio irrilevante?"...tranquilli, tutto ha una spiegazione, ogni particolare è lì per un qualche motivo!

ATTENZIONE: PICCOLO SPOILER
Ho gradito in particolare la spiegazione del movente dell'assassino, che ha inizio in un luogo ed in un tempo molto lontani, tanto da chiedersi se la seconda parte del libro non sia un altro racconto totalmente indipendente dalla prima! Alla fine però, quando il cerchio si chiude, ti lascia un senso di soddisfazione, perché Conan Doyle non lascia davvero niente al caso!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi gialli
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2014-03-26 18:52:04 Sordelli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sordelli Opinione inserita da Sordelli    26 Marzo, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno straordinario impatto

"Uno studio in rosso" è innanzi tutto il racconto di un incontro, quello tra il dottor John Watson e l'investigatore dilettante, nonché studioso di chimica, scienziato e chi più ne ha più ne metta...Sherlock Holmes.
É la storia della nascita di un'amicizia, ma anche il racconto di una vendetta che ha impiegato anni per esser portata a termine.
Ero molto impaziente di cominciare la mia avventura con Sherlock: amo il personaggio anche se l'ho conosciuto solo grazie al grande schermo e alla tv (la serie televisiva "Sherlock" me ne ha fatto innamorare pazzamente!) e fremevo dalla voglia di cominciare a leggere qualcosa. Ho acquistato tutta la raccolta di racconti, poi via, son partita! E che dire? Sono assolutamente soddisfatta!
Mi è piaciuto molto lo stile di Conan Doyle, la lettura è scorrevolissima e la cosa mi ha lasciata di stucco: temevo, essendo stato scritto nel XIX secolo, di scontrarmi con un linguaggio difficile e in uno stile ricco e complesso che avrebbero reso la lettura difficoltosa. Ma così non è stato! Con mia grande meraviglia, "Uno studio in rosso" si fa bere come un bicchier d'acqua! Il ritmo è incalzante e la narrazione non annoia mai. Si arriva ad un certo punto in cui si ha la sensazione che l'autore abbia inserito uno spaccato di storia che non c'entri proprio nulla con ciò che suggerivano gli avvenimenti; tuttavia vi renderete presto conto che quello spaccato è più che necessario per "dare corpo" al racconto, aggiungere maggiori dettagli e capire meglio chi ha portato a fare cosa e perché.
Lo consiglio assolutamente, la lettura é adatta a tutti. Ve ne innamorerete.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2014-01-14 12:51:33 ClaudiaM
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ClaudiaM Opinione inserita da ClaudiaM    14 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNO STUDIO IN ROSSO - Arthur Conan Doyle

Uno studio in rosso – Arthur Conan Doyle
Premetto che non sono un’amante del genere giallo. Pochi, ma davvero pochi libri mi hanno preso. Il più delle volte non arrivavo oltre il rinvenimento del cadavere, forse dato anche dalla scelta di libri sbagliati, chissà! O forse perché dopo aver letto “10 piccoli indiani”, nessuno mi ha mai stimolato più di tanto a scoprire la verità. Allora mi sono detta che, dato che questo Sherlock Holms piaceva tanto ed è uno dei romanzi che DEVONO far parte della libreria di un lettre accanito (quale sono!), potevo provare.
Wow!
Il personaggio di Sherlock è a dir poco fenomenale! Dopo aver capito il suo modus operandi, ho provato ad applicarmi anche io per cercare di capire chi fosse l’assassino; insomma, mi sono messa in gioco! Perché secondo me è proprio questo che manca a molto gialli: farti alzare per un attimo gli occhi dal libro per cominciare a ragionare per scoprire l’identità del colpevole. Questo è il vero scopo di un giallo. Il lettore indaga insieme ai protagonisti.
Fortunatamente Watson è umano tanto quanto noi, così da non farci demoralizzare nel momento in cui non riusciamo a scogliere la matassa intricata che è la trama.
Quindi dovrei correggere la prima frase della mia recensione: “premetto che non ERO un’amante del genere giallo!”
Ora sono immersa nella lettura di un secondo romanzo: “Il segno dei quattro”. Sono più che sicura che on mi deluderà!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti!
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-12-17 14:27:38 SARY
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    17 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elementare Watson

“Uno studio in rosso, eh? Perché non usare qualche termine pittorico. Il filo scarlatto dell’omicidio che si dipana lungo l’incolore matassa della vita”
Grazie al caro dr. Watson conosciamo il geniale sig. Holmes. Infatti, il dottore tiene meticolosamente aggiornato il proprio diario senza tralasciare nulla, riuscendo a stendere un resoconto dei fatti e misfatti occorsi all’astuta coppia, come in questo caso.
Una morte sospetta conduce gli investigatori di Scotland Yard all’indirizzo di Holmes, pregandolo di recarsi presso la scena del crimine per un consulto, viste le ufficiose precedenti collaborazioni. Il teatro dell’orrore si presenta così: un uomo disteso a terra in una casa abbandonata con un’espressione di terrore dipinta sul viso, parole scritte col sangue sul muro ed una fede nuziale accanto al corpo. Con questi pochi elementi, ed altri che solo una mente acuta attenta ai minimi particolari può rilevare, il colpevole verrà acciuffato.
All’inizio Watson ci presenta fisicamente e caratterialmente l’amico, con particolare attenzione alle qualità che lo rendono un naturale investigatore (“ Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si cura mai di osservare” tratto da “ Il mastino dei Baskerville”). Seguono poi la ricerca del colpevole, il movente ed infine la spiegazione dei ragionamenti fatti da Holmes per giungere alla chiusura del caso.
Ho trovato questo libricino ripetitivo e sottotono, con una trama ed uno stile zoppicanti; alcuni punti sono davvero improbabili. Non ci sono indagini vere e proprie, semplicemente ad un certo punto Holmes rivela chi è la mano omicida. Ho amato la penna di Doyle nel libro sopra citato per l’eleganza, qui presente a tratti. Non sono riuscita ad affiancare nelle indagini il protagonista, non ho avuto il tempo e il materiale per delle supposizioni. Troppo sbrigativo nella risoluzione del caso, un finale forzato, un racconto troppo breve per poterlo apprezzare fino in fondo.
Resta comunque una lettura piacevole, consigliata ai più fedeli seguaci di Holmes.

“ Si dice che il genio sia infinita pazienza. Come definizione è pessima, ma calza a pennello al lavoro dell’investigatore”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-12-10 11:01:28 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    10 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Holmes è sinonimo di Genio

Personalmente ritengo che Arthur Conan Doyle e il suo Sherlock Holmes siano l'ingresso perfetto per un giovanissimo lettore che vuole entrare nel mondo della lettura vera, quella davvero bella e matura anche se non eccessivamente impegnativa. Almeno così è successo a me ed è stato un fantastico trampolino di lancio. Il motivo? Il modo di scrivere di Doyle è semplice ma accurato, ambientazioni intriganti e variegate (L'Inghilterra di fine '800 è già suggestiva di per sé), situazioni coinvolgenti e mai scontate, personaggi carismatici, a partire dal dottor Watson, arrivando a quel genio fantastico che è Sherlock Holmes, che ritengo uno dei personaggi letterari meglio riusciti della storia.
"Uno Studio In Rosso" è probabilmente, dei quattro romanzi dedicati al detective di Baker Street(oltre ai racconti), il migliore. E' riuscito a emozionarmi, stupirmi, appassionarmi oltremodo. Inoltre il genio di Holmes è magnetico, vuoi andare avanti, scoprire cosa frulla nella sua testa, perchè a lui sembra bastare una semplice occhiata alla scena del delitto per sapere nei minimi particolari come siano andate le cose. E una volta completata la sua spiegazione, la fa sembrare talmente semplice (anche se spesso è decisamente complicata), che ti chiedi: "Come ho fatto a non arrivarci?". Ma non siamo i soli, se lo chiede spesso anche lo storico compagno di avventure di Holmes, il dottor Watson, che in questo romanzo conoscerà per la prima volta il suo controverso amico. Questo romanzo si può infatti considerare come la prima avventura di questo duo letterario (e non solo) eccezionale.
"Uno studio in rosso" è fondamentalmente diviso in due parti principali, la prima, in cui si racconta del fatidico primo incontro tra il dottor Watson e Sherlock Holmes. Dopo essersi conosciuti vengono subito catapultati sulla scena del delitto, la vittima è Enoch j. Drebber. Nonostante sul corpo non vi siano segni di violenza, la stanza dove viene rinvenuto il cadavere è piena di sangue, e nelle vicinanze della vittima viene trovata una fede da donna. La situazione sembra controversa ma Holmes appare già sicuro di sè e di cosa possa essere accaduto in quella stanza macchiata rosso sangue.
Nella seconda parte viene invece raccontata la storia che ha portato all'omicidio, il cui colpevole è probabilmente il personaggio più interessante del libro dopo Sherlock Holmes.
Per certi versi sembra di leggere due libri diversi, collegati tra loro da un sottile filo conduttore.
La prima parte colpisce per la caratterizzazione eccezionale che viene fatta dei personaggi di Watson e soprattutto di Holmes, di come inizia la loro immensa amicizia. Colpiscono i geniali ragionamenti fatti da Holmes per venire a capo della faccenda, cosa che lo caratterizzerà dalla prima fino alla sua ultima avventura, e vero punto di forza delle storie scritte da Doyle dedicate al detective. Non posso infatti negare che ogni volta mi cimentassi nella lettura di una storia di Holmes, non vedessi l'ora di leggere la sua logica spiegazione alle vicende.
La seconda parte è invece quella che ci fa emozionare, che ci fa capire i sentimenti dell'assassino, che ci fa odiare o amare dei personaggi rispetto ad altri, che ci coinvolge del tutto nei fatti narrati. Mentre leggevo quelle righe mi sembrava di essere lì, immerso nella storia che mi veniva raccontata, spettatore di ciò che accadeva e condividendo le sensazioni e i sentimenti dei personaggi.

Doyle è riuscito in quello che è uno degli scopi principali della lettura. Un libro deve suscitare in noi delle emozioni, coinvolgerci e lasciarci qualcosa dentro una volta chiuso definitivamente il libro. E Doyle con il suo primo Holmes, ci riesce in modo meraviglioso.

"È un errore confondere ciò che è strano con ciò che è misterioso. Spesso, il delitto più banale è il più incomprensibile proprio perché non presenta aspetti insoliti o particolari, da cui si possono trarre delle deduzioni."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli in generale. Questo è il giallo per eccellenza.
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-10-03 21:35:28 LittleDorrit
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    03 Ottobre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno studio....approfondito

Su gentile richiesta ho deciso di effettuare un resoconto più accurato dei romanzi che si trovano all'interno della raccolta Einaudi, partendo da questo primo scritto.
Il dottor Watson, ex ufficiale medico dell'esercito britannico dopo aver prestato un onorato servizio nella guerra in Afganistan e aver ricevuto in cambio solo cicatrici, rientra nella società borghese ma, non avendo lavoro trascorre il suo tempo nell'ozio e nello sperpero del poco denaro a disposizione; decide, quindi, di ridimensionarsi partendo col trovare un'appartamento più modesto da condividere con qualcuno.
L'occasione gli si presenta presto grazie ad un amico, e così fa la conoscenza del bizzarro Mr.Holmes.
Holmes è un'appassionato di scienza e ama risolvere i casi più intricati di cronaca nera servendosi di una vasta cultura ed esperienza solo però in alcuni campi, restando altamente limitata in altri.
Essendosi fatto un nome tra le forze dell'ordine locali, viene spesso chiamato per effettuare consulenze nei casi più difficili, lasciando poi il merito della risoluzione al detective di turno.
Ed ecco l'amata coppia condividere l'appartamento e trovarsi di fronte al primo caso sottoposto dai due detective di Scotland Yard Lestrade e Gregson.
Holmes utilizzando il suo metodo deduttivo fornisce un identikit perfetto dell'assassino e traccia un quadro investigativo memorabile attingendo dai pochi elementi che gli si presentano innanzi. Abbiamo a che fare con un caso di vendetta perpetrato ai danni di due uomini Drebber e Stangerson che in passato avevano compiuto azioni non troppo limpide in seno ad una comunità di mormoni.
Watson, ne resta stupefatto e ammirato e di lì in poi sarà lui a scrivere e pubblicare le memorabili imprese dell'amico.
Romanzo d'esordio e di presentazione dove vengono descritti al pubblico i due personaggi più amati dai giallisti di tutto il mondo e i loro luoghi d'azione.
Con delicata ironia e grande abilità retorica, Conan Doyle, introducendo Holmes, descrive anche un modo di essere e di vivere, un periodo e dà una sottile caricatura ( definibile anche "critica mirata") delle forze dell'ordine dell'epoca. Il ritmo del romanzo è ben scandito e suddiviso in sequenze ben premeditate. Ne deriva una lettura pratica e scorrevolissima che permette, anche al lettore più sprovveduto, di indagare per proprio conto.

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-09-01 04:25:32 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incontrarsi, conoscersi, piacersi, accasarsi.

Non sto parlando di due che si sposano, bensì...
Nell’episodio di esordio del più famoso tra gli investigatori, Arthur Conan Doyle narra l’incontro di quella che resterà una delle più celebri coppie della letteratura gialla: il dottor Watson, reduce dalla guerra in Afghanistan (quella del 1878!) e abile narratore, e Sherlock Holmes, che del metodo deduttivo è grande teorico, oltre che ottimo pratico.

INCONTRARSI

Il reduce Watson è malandato e deperito. Cerca casa a Londra e incontra Sherlock Holmes grazie a una conoscenza comune:
“Il dottor Watson, il signor Sherlock Holmes, ci presentò Stamford.”
“Questo mio amico sta cercando un domicilio; e dal momento che lei si lamentava di non trovare qualcuno disposto a divider le spese con lei, ho pensato che avrei fatto bene a mettervi in contatto.”

CONOSCERSI

Considerata la perspicacia di Holmes, più che conoscersi è “intuirsi”.
“Vedo che è stato in Afghanistan”.
Conoscersi significa mettere in chiaro le cose: “Non le dà fastidio l’odore del tabacco?”
Senza esclusione di colpi: “Sentiamo ora, cos’ha da confessare lei? Tanto vale conoscere i nostri lati peggiori, prima di metterci a vivere insieme.”

PIACERSI

I due si piacciono, niente da dire: è quasi un colpo di fulmine. Un colpo di fulmine sì, ma ragionato, visto che il dottor Watson redige addirittura un elenco dei limiti di Holmes:
“1. Conoscenza della letteratura – Zero.
2. Conoscenza della filosofia – Zero …”

ACCASARSI

Incontrarsi, conoscersi e piacersi porta ad accasarsi per risolvere il problema originario: “Cercarmi un alloggio … Cercar di risolvere il problema se è possibile trovare una casa confortevole a un prezzo ragionevole.”
Eccolo dunque il nido: “Ho messo gli occhi su un appartamento a Baker Street … che ci andrebbe a pennello.”

IL PRIMO CASO

Semplice per Sherlock Holmes, è complicatissimo per Scotland Yard e per Watson, che si trovano in serio imbarazzo a rispondere alle seguenti domande:
“Cosa ha condotto questi due uomini … in una casa vuota? Che ne è stato del cocchiere che li ha accompagnati? Come poteva uno di loro a costringere l’altro a inghiottire un veleno? Da dove proviene il sangue? Qual è stato il movente del delitto…? Come è arrivato lì quell’anello da donna? E soprattutto perché il secondo uomo ha scritto la parola tedesca RACHE (ndr: vendetta) prima di svignarsela?”
Sherlock Holmes, in un batter d’occhio, scopre qual è “il filo scarlatto dell’omicidio che si dipana lungo l’incolore matassa della vita”, riportando a galla una storia terribile di fanatismo religioso che affonda le proprie radici nello Utah tra mormoni, profeti e angeli vendicatori… che praticano la poligamia!

AFORISMI

Sono tutti pronunciati da Sherlock Holmes:
“Un sot trouve toujours un plus sot qui l’admire.”
“Nulla è piccolo per una grande mente.”
“Una mezza ammissione è peggiore di una negazione.”
Un esordio leggendario per un mito della détective story!

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... gialli!
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-04-02 10:16:51 MrsRiso13
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
MrsRiso13 Opinione inserita da MrsRiso13    02 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La prima volta

Lungo l'incolore matassa della vita, si può essere chiamati a dipanare il filo rosso dell'omicidio solo perché si condivide l'appartamento con un eccentrico studioso di tutto e di niente, che per amore della scienza, durante una cena in un giorno qualunque, potrebbe somministrarti l'ultimo alcaloide vegetale scoperto. E' la vita che Watson si è ritrovato, per aver scelto di risparmiare sulle spese dell'affitto. Un quotidianità che lo porterà a seguire il più eccentrico e logico degli investigatori: Sherlock Holmes.
Sicuramente innovativo per l'epoca in cui è stato scritto, in uno studio in rosso, non è tanto la trama del giallo a colpire, quanto la caratterizzazione di Holmes, fatta attraverso gli occhi del medico, che sarà il suo scudiero. Si assiste alla nascita di un personaggio, dell'investigatore per eccellenza, presuntuoso, irriverente e a tratti infantile, che fa sfoggio delle sue abilità deduttive usate per risolvere i casi a lui sottoposti, come consulente investigativo.
Se si evita di decontestualizzarlo paragonandolo alle opere moderne, questo romanzo è un grande classico su cui non è ammessa ignoranza!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gialli
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-03-05 15:29:25 catcarlo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    05 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno studio in rosso

La comparsa di Sherlock Holmes sulla scena letteraria avviene con questo che è il primo dei quattro romanzi a lui dedicati (oltre ai numerosissimi racconti), fra i quali gli è superiore solo ‘Il mastino dei Baskerville’. E questo malgrado lo spazio lasciato alla ricerca del colpevole sia ridotto: l’inizio è occupato dall’introduzione dei personaggi – l’investigatore, i suoi metodi e lo stolido Watson che racconta il tutto – e la spiegazione del delitto la prende molto alla lontana, con una sorta di romanzo western, che si porta via un terzo delle pagine, innestato nel giallo londinese. Uno schema che sarà ripetuto ne ‘La valle della paura’, sia pure a supporto di un intreccio meno valido: il lettore si trova dibattuto tra la bellezza delle pagine dedicate agli spazi aperti dello Utah e il bisogno di tornare all’ambientazione britannica, anzi alla città di Londra, che pare inscindibile dai personaggi principali. Bisogna dire che l’autore non fa nulla per rendere simpatico Holmes, ritraendolo come un tizio strambo e ai limiti del maniacale – beffarda pare la lista, redatta da Watson, delle sue conoscenze nei vari ambiti – ma con una straordinaria capacità di osservazione e un acume profondo esercitato soprattutto nel metodo deduttivo (l’ispirazione del quale venne a Conan Doyle da un suo professore universitario). Il buon Watson, reduce dall’Afghanistan, si adatta con la sua intelligenza media alla convivenza in Baker Street, restando sempre più ammirato dalle doti di quello che pian piano diventa un amico, sia pur scorbutico: la morte, all’apparenza inspiegabile, di un americano in una casa abbandonata della periferia viene risolto in souplesse nel giro di tre giorni con scorno di Scotland Yard che però riesce ad attribuirsene i meriti. Forse, per gli standard odierni, l’individuazione dell’assassino avviene con eccessiva facilità e pure qualche forzatura (non tutti i passaggi sono così logici come Holmes vorrebbe e qualcuno dà l’impressione di non reggere a un’analisi approfondita) ma la lettura scorre con estrema facilità mentre le pagine richiedono di essere voltate: motivi per cui Conand Doyle, grazie al suo personaggio odiato e amato (ma che, non va dimenticato, è un precursore), funziona ancora oggi anche di fronte a un pubblico assai più smaliziato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2013-01-04 22:35:19 Sa305
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sa305 Opinione inserita da Sa305    05 Gennaio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per la prima volta insieme.

Un classico che non avevo mai avuto occasione, o la curiosità, di leggere finché non mi ci sono imbattuta poco prima di Natale. A mio avviso non è possibile conoscere realmente il personaggio di Sherlock Holmes senza aver letto questo libro. E' il vero e proprio inizio delle vicende che lo vedranno impegnato nella risoluzione di enigmi all'apparenza complessi e ingarbugliati, con la naturalezza che lo caratterizza, insieme al Dottor Watson. Si dà la vera e propria descrizione del personaggio, si trattano in maniera esplicita delle caratteristiche peculiari, che verranno trattate solo implicitamente in tutti gli altri libri. Molto ricercata anche la trama, con una lunghissima digressione sulla vita dell'assassino che sembra costituire un'opera a parte. Non è giusto puntare il dito contro chi compie atti all'apparenza disdicevoli, quello che siamo e quello che facciamo è spesso l'esito di qualcosa che abbiamo vissuto o che ci è stato fatto. Non siamo giudici degli altri, se non possiamo conoscere la loro storia. Consigliatissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-11-26 08:48:09 cuspide84
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    26 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

COSI’ INCOMINCIA UN MITO

E’ notte fonda a Londra. In una vecchia casa disabitata filtra una luce spettrale di una candela… al suo interno, in uno studio ben arredato, viene ritrovato il cadavere di un uomo, elegantemente vestito, che non presenta ferite apparenti; negli occhi, ormai vacui, il terrore e la consapevolezza della sua morte imminente, tutt'intorno sangue, ma non della vittima e sul muro una scritta inquietante, fatta con il sangue, ma di chi, se non del colpevole?
Ecco la prima indagine in cui vediamo in azione l’estro e l’acume di Sherlock Holmes, accompagnato da quel che sarà il suo fedele amico e collega, il dottor Watson, il quale racconta l’intera vicenda tratta dai suoi appunti personali, a partire dal bizzarro incontro con colui che diventerà il suo coinquilino in Baker Street 221B, alle indagini caratterizzate dalla scientificità propria del detective, fino alla risoluzione del caso, che proietterà il lettore dalla nebbiosa Londra all'America di Salt Lake City.

Pensate che Arthur Conan Doyle vendette a un editore londinese i diritti di Uno studio in rosso per un assegno di soli 25 sterline: una miseria anche per quei tempi! Ma chi avrebbe mai detto che questo racconto sarebbe stato il primo di una lunga serie poliziesca con protagonisti Sherlock Holmes e il dottor Watson? La penna dell’autore crea personaggi e intrecci ben disegnati: fin dalla prima pagina ci ritroviamo immersi nella Londra nebbiosa, veniamo a conoscenza dei protagonisti, delle loro manie, dei loro pregi e dei loro difetti… e non sembra che questa storia sia nata nel lontano 1887, tanto che, concentrandosi, si riesce a sentire l’avvicinarsi di una carrozza trainata da cavalli e i loro zoccoli sul selciato lustro per l’umidità.
Un classico che gli amanti del giallo non possono non avere nella loro biblioteca… da qui incomincia un mito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti gli amanti dei gialli
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-10-24 17:15:47 Amorelettronico
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amorelettronico Opinione inserita da Amorelettronico    24 Ottobre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I grandi dell'800

Un libro che si divora, pagina dopo pagina. Da lettrice mi dispiace per la brevità del romanzo ma la qualità compensa questa "pecca" . "Uno studio in rosso" è il primo libro di Arthur Conan Doyle, il papà di Sherlock Holmes il detective per antonomasia. Holmes è dotato di intuito e spirito d'osservazione eccezionale che gli permette di risolvere qualsiasi enigma. Il racconto si apre con la presentazione del protagonista e dell'aiutante, il dottor Watson. Sarà quest'ultimo a raccontare in prima persona gli avvenimenti del caso, a descrivere la personalità di Sherlock: due omicidi che apparentemente sembrano senza movente e solo alla fine si scoprirà il motivo dei due assassinii. Sarà proprio il colpevole della storia a narrare le vicissitudini di un passato che si ripercuotono nel presente. Consiglio questo libro a tutti, amanti e non del genere. Un libro che lascia un senso di commozione alla fine e che fa capire come sia fragile e allo stesso tempo vendicativo, spietato l'animo umano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri che valgano la pena di essere letti, consigliato agli amanti della letteratura.
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-10-24 15:18:38 Sharp
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sharp Opinione inserita da Sharp    24 Ottobre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elementare Watson?

Uno studio in rosso apre la grande saga di Sherlock Holmes, lo storico investigatore dei casi insolubili e dei misteri più tetri. Il libro ci offre dal preziosissimo punto di vista del dr. Watson le prime avventure dei due amici, calcando la mano sul metodo analitico-deduttivo che rappresenta la base del processo investigativo di Holmes.
La grande e selettiva sapienza e l'immensa umiltà del protagonista sono l'impalcatura per una storia avvincente anche se non estremamente complessa, che porterà a dividere in due tempi soluzione e spiegazione trovando nel flashback un espediente vincente.
Holmes è alla base del poliziesco e del nostro ideale di genio. Chi non troverebbe ad esempio molteplici parallelismi tra lui e il più recente dr. House?
Dal geniale ingegno di Conan Doyle non ci siamo ancora staccati e non penso lo faremo mai.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-07-10 18:25:18 SimoESimi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
SimoESimi Opinione inserita da SimoESimi    10 Luglio, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il primo capolavoro di Arthur Conan Doyle!

Uno Studio in Rosso è il primo libro di Arthur Conan Doyle in cui il personaggio protagonista è Sherlock Holmes. L'autore presenta il suo personaggio utilizzando come tramite il Dottor Watson, narratore onnisciente, divenuto amico dell'investigatore privato attraverso un conoscente... Durante il primo incontro, Watson rimane visibilmente provato d'innanzi alle strabilianti capacità deduttive di Holmes. Tuttavia, rimane sbalordito dalle sue ristrette conoscenze: infatti, lo scibile dell'investigatore privato è strettamente limitato e connesso con il suo mestiere.
Sherlock Holmes è un personaggio tutto da scoprire; furbo, bizzarro, con un humour inglese davvero sopraffino... Durante questo libro, Conan Doyle effettua un'analessi piuttosto lunga e dettagliata che permette al lettore di capire come sono realmente accaduti i fatti.
Libro consigliato a chi vuole capire chi è Sherlock Holmes e a chi vuole leggere un ottimo giallo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri gialli
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-05-27 13:22:35 enro
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
enro Opinione inserita da enro    27 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno Studio in Rosso

Primo libro della saga di Sherlock Holmes, "Uno Studio in Rosso" è un giallo complicato..cioè l'ho trovato complicato perchè la quantità di analisi visiva che fa Holmes per risolvere il caso porta a fare un enorme lavoro di immagionazione per immedesimarsi nella scena e per non perdersi nemmeno un passaggio.
Fortunatamente c'è il classico riassunto finale di tutta la vicenda che incastra i vari pezzi del puzzle.

Una particolarità è che durante il libro, Doyle farà una digressione per spiegarci meglio la collocazione dei vari personaggi.

Riguardo ai nostri protagonisti c'è da dire che ho scoperto un Holmes diverso dall'idea che avevo (quella del film) e che mi è piaciuto molto; è un investigatore intelligente ma non con una conoscenza infinita in ogni campo, sa quello che deve sapere. Anche Watson è stato una piacevole scoperta, ottima spalla con l'occhio critico.

Lo stile è buono e Doyle descrive in maniera particolareggiata solo le scene importanti ed entra subito nell'azione; infatti è un libro piuttosto corto.

Comunque Doyle ha creato un ottimo inizio, una base solida per poter costruire un filone interessante..adesso sono curioso di leggere come si evolveranno le storie! :D

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2012-04-29 11:28:21 Fyna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fyna Opinione inserita da Fyna    29 Aprile, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello

Questo è il primo libro di Doyle in cui appaiono le figure di Holmes e Watson. Io la ritengo una lettura davvero piacevole e veloce, dal momento che il libro è composto da poche pagine e la storia, con alcuni intrecci e misteri, ne contribuisce a velocizzarne la lettura. La storia è scritta in prima persona proprio da Watson che, durante le indagini, trascriveva tutti i fatti salienti in una sorta di diario. Si parte da una breve descrizione di se stesso, dal racconto di come ha conosciuto Holmes, per poi arrivare al giorno in cui la polizia scopre un uomo morto all'interno di una casa abbandonata. La polizia chiede proprio a Holmes di dedicarsi alle indagini, in quanto loro non sono propriamente abili in questo. Holmes, grazie all'aiuto di alcuni "mocciosi", come da lui stesso vengono definiti, scopre il nome dell'assasino e aiuto la polizia ad arrestarlo, senza prendersi nessun merito. L'omicidio-vendetta verrà poi narrato nei minimi dettagli. Una buona lettura, davvero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2010-06-09 06:06:28 Sydbar
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    09 Giugno, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno studio in rosso

Il primo di una saga che ha portato il più celebre e celebrato di tutti gli investigatori della storia e un medico a conoscersi e ad instaurare un legame che per la letteratura di genere è stato adrenalina pura.
Dichiaro di aver letto il libro qualche anno fa e sono rimasto stupefatto anche io per l'innovatività di Conan Doyle nello scrivere un giallo ai suoi tempi, di questa fattura.
Sinceramente lo stile Doyle non mi ha entusiasmato più di tanto ma la caratterizzazione dei personaggi è stata il suo tocco magico, si perchè già dal primo incontro tra i due protagonisti si capisce di che pasta sia fatto Holmes e in che modo risolverà gli enigmi di cui l'opera è intrisa...ma questo non ha contribuito nel convincermi fino in fondo. Forse effettivamente l'epoca in cui è stata realizzata l'opera lo ha reso all'avanguuardia rendendogli gli onori per aver portato alla ribalta un genere così tanto osannato, oggi forse c'è troppa polvere su questo libro comunque da leggere perchè oggi siamo perchè ieri eravamo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uno studio in rosso 2010-06-08 17:22:43 NomeUtente
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
NomeUtente Opinione inserita da NomeUtente    08 Giugno, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gradita sorpresa

Dopo aver visto il film, nel quale la figura del famigerato Sherlock Holmes mi è apparsa molto diversa da ciò che mi aspettavo, ho pensato di leggere il libro ... e con mia grande sorpresa ho scoperto che l'errore non era sta nella figura delineata dal film, bensì in quella dell'immaginario collettivo!
mi aspettavo un detective riflessivo, che dice "elementare Watson", con una lente di ingrandimento in mano, un cappello a quadretti marrone e la pipa in bocca ... niente di tutto questo ! Si scopre un detective d'azione, che fa pugilato, sarcastico, cinico ... tutte caratteristiche che non mi aspettavo.

Per quanto riguarda il libro niente da dire: un grande classico.
Forse riletto ai giorni nostri non è niente di incredibile, ma se lo rapportiamo all'epoca in cui è stato scritto allora è evidente la grandezza di questo autore e del mito che ha saputo creare.
Quando si leggono certi libri si va alle origini di un genere, si scopre da dove nascono i tratti di tanti gialli della letteratura moderna e si scopre che infondo, chi scrive oggi, per quanto bravo sia non ha inventato proprio un bel niente.
Per fare un parallelo musicale è come partire dagli Oasis per poi scoprire i Beatles ...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le cose che bruciano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il macellaio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Almarina
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La paziente silenziosa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La fine della fine della terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Semplicemente perfetto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Km 123
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Sangue e limonata. Hap e Leonard
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il gioco degli dèi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il filo infinito. Viaggio alle radici d'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guardando il sole
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri