Dettagli Recensione

 
Uno studio in rosso
 
Uno studio in rosso 2020-06-21 17:35:08 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    21 Giugno, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ecco a voi Sherlock Holmes

Un medico militare invalido e reduce dalle campagne in Afghanistan e uno strano studente in “non si sa bene che cosa” si incontrano casualmente e decidono di andare a coabitare per risparmiare soldi sull'affitto di casa. Come incipit non sembra particolarmente invitante se non fosse che è proprio in questo modo che il Mondo ha fatto la conoscenza di due dei personaggi più iconici della letteratura poliziesca: Sherlock Holmes e il dott. Watson. Già in questa prima indagine il giovane “consulente di investigatori” dimostra di possedere un acume prodigioso che gli consente, oltre a stupire i suoi interlocutori occasionali, di sbrogliare, in soli tre giorni, l’intricata matassa che vede impelagati gli ispettori Lestrade e Gregson di Scotland Yard. Costoro sono incaricati di scoprire chi ha ucciso brutalmente prima Mr. Enoch Drebber e poi il suo segretario, Joseph Stangerson, due cittadini americani da poco residenti a Londra. Ovviamente i due poliziotti non ne imbroccano una. Holmes, invece, già dopo il primo sopralluogo della casa in cui è avvenuto il primo delitto, sa indicare che tipo di persona vada ricercata; dopo pochi giorni, riesce, poi, a procedere al suo arresto.

Penso che nessuno possa dire, sinceramente, di ignorare chi sia Sherlock Holmes. Non esiste nessuno che non abbia mai letto, visto o sentito raccontare qualcosa che lo riguardi. Nessuno che, almeno una volta nella vita, non lo abbia preso a paragone per una metafora. Invero non c’è personaggio della letteratura poliziesca che sia più noto o plagiato che abbia dato origine a più epigoni, opere teatrali, film e telefilm. Nessuno ha ispirato così tante storie basate sulla medesima tecnica di indagine induttiva.
A questo punto cosa si può dire di originale sul romanzo che ha dato i natali al più grande investigatore di tutti i tempi? Che è stato un parto di genio? Che è scritto in modo mirabile e coinvolgente? Che in soli sette capitoli Conan Doyle ha saputo tratteggiare una figura che è restata nella storia mondiale e non solo della letteratura? Che lo stile usato oltre 130 anni fa è ancora fresco e attuale? Sì, forse, ma non sarebbero novità.
In realtà “Lo studio in rosso” non è di per sé un romanzo eccezionale e lo Sherlock Holmes che qui conosciamo ci appare come un personaggio piuttosto indisponente e antipatico, tutt’altro che carismatico. A dirla tutta riesce quasi a battere in avversione il Philo Vance di VanDyne. Inoltre la sua mirabolante capacità di indagine risulta irritante e supponente. La prima parte del romanzo, l’unica in cui lo si vede in azione, è narrata in modo subdolo e scorretto: l’A. nasconde al lettore gran parte delle informazioni che l’investigatore raccoglie e su cui ragiona. Tradisce, così, quel patto non scritto tra narratore e lettore che dovrebbe consentire anche al secondo di trarre le sue conclusioni. Delle due, risulta molto più coinvolgente la seconda parte del romanzo, dedicata a riferire la struggente storia dei Ferrier e di Jefferson Hope e a farci comprendere le ragioni del duplice omicidio. I personaggi di questa storia, ambientata nella cruda realtà della Frontiera americana e dominata dalle spietate leggi del mormonismo dei primi anni, sono assai più toccanti e coinvolgenti, al punto che veniamo portati addirittura a comprendere e giustificare il delitto. Ma, di per sé, neppure questa storia brilla di particolare originalità.
Tuttavia è innegabile che il cocktail di queste due vicende, apparentemente così diverse tra di loro, è sicuramente vincente. Alla fine non si può che ammirare Conan Doyle che, lavorando su un terreno pressoché vergine, è riuscito a innalzare solidissime fondamenta sulle quali è sorto l’imponente edificio del genere poliziesco moderno e, in fondo, pure l’indagine della polizia scientifica dei nostri giorni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi voglia riscoprire questa mitica figura di investigatore partendo, in ordine rigorosamente cronologico, dal suo incontro con il dott. Watson, suo amico e scrupoloso biografo.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri