Dettagli Recensione

 
Orgoglio e pregiudizio
 
Orgoglio e pregiudizio 2014-11-08 08:53:09 F.Angeli
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
F.Angeli Opinione inserita da F.Angeli    08 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PRIDE AND PREJUDICE

"È una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo provvisto di un ingente patrimonio debba essere in cerca di moglie."

Una semplice frase d'esordio che racchiude in sé l'essenza del libro, animata da una comune situazione familiare che dà vita a una grandiosa opera. Semplicità è la parola d'ordine della Austen, grazie alla quale riesce a far emergere in maniera esemplare una rappresentazione magnifica della società inglese a lei contemporanea.
Le vicende delle sorelle Bennet fungono dà modello per esprimere le ideologie della Austen: nella ricerca del marito ideale incapperanno in diverse difficoltà, dovute proprio all'orgoglio e al pregiudizio. Le apparenze si rivelano false, e l'errore di fidarsi di esse hanno effetti punitivi e spesso stimolano la crescita interiore verso nuove consapevolezze. È sbagliato interessarsi a una persona soltanto per le sue ricchezze, e allo stesso tempo è sbagliato non amarla per la sua posizione sociale inferiore rispetto alla propria. Sono tematiche che emergono in maniera eccelsa e potente: lo stile della Austen riesce a far empatizzare col personaggio grazie all'uso dell'ironia, e di una forte capacità di delineare le sensazioni, le percezioni e le emozioni dei personaggi. Jane Austen ha inoltre la particolarità di non descrivere per niente o quasi i paesaggi e le ambientazioni in cui si svolgono le vicende dei protagonisti.
Inganni, soldi e parenti perfidi saranno gli ostacoli principali dei nostri protagonisti: emozioni contrastanti, momenti difficili e indecisioni saranno suscitati a causa di ciò, ma il tutto confluirà in uno splendido finale a lieto fine.

QUESTA è una vera storia d'amore, non tutte quelle "cose" commerciali che si vendono in giro quali "Uno splendido disastro" o altra roba simile, vergognosamente sempre presenti nelle classifiche dei libri più venduti. Perfetto a dir poco. Non assegno cinque stelle al libro per una semplice questione di piacevolezza che è relativa, l'unica cosa che non ho apprezzato di questo libro è la sequenzialità con cui vengono descritte alcune scene, ma ovviamente non per mancanza dell'autrice. Il vero voto si vede dallo stile e dal contenuto, 5 e 5. Un capolavoro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Fabrizio.
Un bel commento per un libro la cui bellezza rimane inalterata nel tempo.
In risposta ad un precedente commento
F.Angeli
08 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Buonasera e grazie dell'apprezzamento! Già, questo romanzo è stato e continua ad essere fonte di ispirazione per tantissimi autori.
Apprezzo la "decisione" con cui hai commentato questo classico.
A dimostrazione che il tempo rende tutto relativo, credo che la verità con cui esordisce la tua recensione, al giorno d'oggi, si sia considerevolmente ribaltata.
In risposta ad un precedente commento
F.Angeli
09 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
In effetti sì è opposto, la Austen forse non anticipa i nostri tempi ma il principio rimane, sempre di un pregiudizio si tratta :)
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri