Narrativa straniera Classici Orgoglio e pregiudizio
 

Orgoglio e pregiudizio Orgoglio e pregiudizio

Orgoglio e pregiudizio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Una storia d’amore unica, che apre la visuale, che fa riflettere sui propri errori, visto che è un difetto umano quello di vivere tra l’orgoglio e il pregiudizio. Un amore romantico che va oltre la classe sociale da cui si proviene, che supera i propri limiti e trasporta con passione in un altro spazio.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 43

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.8  (43)
Contenuto 
 
4.5  (43)
Piacevolezza 
 
4.6  (43)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Orgoglio e pregiudizio 2021-06-23 14:12:24 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    23 Giugno, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Avevo un pregiudizio verso questo libro

Ammetto che ho affrontato questo volume con una certa cautela e diffidenza. Mi aspettavo un polpettone romantico, lento e noioso. Certo i suoi annetti li ha e pur portandoli con leggerezza si sentono. Trovo però che sia una lettura gradevole, magari diversa del solito, ma comunque capace di tenere l'attenzione del lettore, di divertire, far sorridere, e di fare sperare nel futuro.
Il romanzo ci offre inoltre un quadro interessante di un periodo in cui il matrimonio è il punto di arrivo di tutte le donne: dove si sogna l'amore ma si guarda prima di tutto al portafoglio del potenziale sposo . Dove un titolo nobiliare e una bella villa oscurano difetti fisici e caratteri spigolosi. Allo stesso tempo soprattutto per chi non ha grandi mezzi ma ci tiene a frequentare il bel mondo è la reputazione, la migliore merce di scambio. Guai a mischiarsi con personaggi dubbi. Le apparenze, e appunto il pregiudizio che possono avere gli altri sono tutto. Su quello si basano i buoni matrimoni, le amicizie che portano appoggi e infine gli affari. Un libro su cui riflettere, ma anche un libro che offre uno spaccato storico o infine pagine in cui immergersi nel completo relax per godersi una storia d'amore e sognare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2020-10-25 17:04:51 Anna_
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_ Opinione inserita da Anna_    25 Ottobre, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giungo all'ultima pagina del romanzo e sorrido.

Vanità e orgoglio. Superiorità di classe e pregiudizio. Matrimonio d'amore e matrimonio di interesse: sono questi i temi di "Orgoglio e Pregiudizio" che Jane Austen definì "my own darling Child", il mio adorato Bambino. Si dedicò alla sua stesura quando aveva solo ventun'anni, anche se il romanzo rimase inedito fino al 1813.
"First impressions" era il titolo originario, che richiamava quelle prime erronee impressioni che Mr Darcy ed Elisabeth Bennet hanno inizialmente l'uno dell'altra. "È passabile, ma non abbastanza bella da tentare me; e al momento non sono dell'umore adatto per dare importanza a ragazze che sono ignorate da altri cavalieri", dice lui della secondogenita dei Bennet; dal canto suo, lei "con sentimenti non molto cordiali nei suoi confronti. Tuttavia raccontò la storia con grande spirito alle sue amiche". Pur d'accordo con la sua amica Charlotte secondo cui "non ci si può meravigliare che un giovanotto così raffinato... abbia un'alta opinione di se stesso", Elisabeth afferma "potrei facilmente perdonare il suo orgoglio, se non avesse umiliato il mio".
E saranno proprio loro, Mr Darcy ed Elisabeth, le creature letterarie più care alla Austen che della giovane Bennet dirà che è "la creatura più delicata mai stampata".

Nata e cresciuta in una famiglia con sei fratelli, vissuta a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, epoca in cui era impensabile che una donna potesse occuparsi in modo professionale di scrittura e guadagnare con essa, la Austen riflette la società del suo tempo (la socialità basata sulle visite ai vicini, i balli quali occasioni per trovare un marito, il matrimonio come mezzo affinché una donna di ceto medio-alto potesse sistemarsi) e pone la sua attenzione preminentemente sull'universo femminile offrendo una varietà di caratteri.

"Donna di intelligenza mediocre, di poco sapere e di un umore instabile", dai modi indecorosi e con l'unica preoccupazione di vedere le figlie convenientemente sposate: è Mrs Bennet, la madre di Elisabeth e delle sue sorelle.
Sono ben cinque e tutte diverse tra loro le giovani Bennet. Jane, la primogenita, è bella e amabile anche se è eccessivo quel suo credere che "tutto il mondo è buono e simpatico"; Elisabeth, Lizzy o Eliza come affettuosamente la chiamano, ha un'intelligenza vivace, è allegra ma anche troppo orgogliosa della sua capacita di discernimento che non la mette al riparo dal pregiudizio. Il legame tra le due rimarca quello che per affetto e confidenze unì Jane alla sorella maggiore Cassandra. Mary, pomposa e stupida, appare la più insignificante tra le sorelle Bennet; Catherine e Lydia, le minori, sono pigre, ignoranti e vanitose, insicura la prima e pertanto facilmente influenzabile dall'altra che è assai più frivola.

E poi c'è lei, Charlotte Lucas, che affronta il matrimonio con un pragmatismo che sorprende e delude la sua amica Lizzy che vuole innamorarsi e sposare l'uomo che ama. Come la Austen rifiutò alcune offerte di matrimonio così Lizzy rifiuta di sposare Mr Collins. (Difatti in una lettera della Austen alla nipote Fanny Knight si legge " Qualsiasi cosa è preferibile o più tollerabile dello sposarsi senza affetto"). Charlotte invece è consapevole che il matrimonio "era infatti l'unica sistemazione possibile per una giovane donna di buona famiglia e con pochi mezzi e, sebbene non desse la certezza della felicità, era pur sempre la miglior garanza contro la povertà". (Analogamente in un'altra sua lettera la Austen scrive " Le donne nubili hanno una terribile propensione a essere povere - il che è un argomento molto forte in favore del matrimonio").
La superba altezzosità, l'orgoglio e la presunzione di Lady Catherine de Bourgh, zia di Mr Darcy, superano di gran lunga quelli delle sorelle Bingley.

Anche l'universo maschile offre una varietà di caratteri. Mr Darcy è altezzoso, riservato, orgoglioso ma in realtà è generoso e di animo buono, il suo amico Bingley invece è allegro e gioviale, spontaneo e signorile. Altrettanto gioviale ma non certo onesto è Wickham. Il signor Bennet "era un miscuglio di prontezza di spirito, umorismo sarcastico, riservatezza e volubilità", "a sua moglie doveva ben poco, se non il fatto che la sua ignoranza e stupidità avevano contribuito a farlo divertire" e proprio in ciò Lizzy ravvisa la sconvenienza del suo comportamento che lo porta a rifuggire dai suoi doveri di genitore né evita di "esporre la moglie al disprezzo dei suoi stessi figli".
Mr Collins invece è il personaggio più assurdo in assoluto, un po' a metà tra il noioso e il grottesco: è un uomo di poca intelligenza, ossequioso, pomposo, servile e presuntuoso fino ai limiti del comico come nella scena della proposta di matrimonio a Lizzy.

Giungo all'ultima pagina del romanzo e sorrido. Sono sì passati oltre duecento anni da quando Jane Austen ha pubblicato il suo romanzo eppure ho il sentore che (tra gli altri) delle signore in stile Mrs Bennet, a lei vicina per l'irriducibile convinzione, pur forse fondata su motivi diversi, dell'opportunità del matrimonio per una donna, le conosco anche io.
E forse è davvero proprio questo uno dei tratti distintivi del romanzo: i suoi personaggi.
La Austen ne tratteggia di sciocchi, frivoli, romantici, generosi, superbamente orgogliosi, presuntuosi, pragmatici, bizzarri, indolenti: sbagliano, tutti e spesso, perché sono fragili e imperfetti, comuni ma non banali, non impossibili né mai troppo lontani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2020-03-07 11:21:02 Beatricenevolo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Beatricenevolo Opinione inserita da Beatricenevolo    07 Marzo, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elizabeth power.

Jane Austen rappresenta una delle figure più importanti dell'epoca preromantica.Scrisse 8 romanzi tra cui Emma ,Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento.Avrà delle difficoltà a far pubblicare le proprie opere ma alla fine riuscirà nel suo intento .Sarà molto amata dalla sua famiglia anche se non ne formerà mai una propria. Inoltre verrà amata anche dal pubblico che la conoscerà.
Grande è la sua abilità nel descrivere i luoghi di provincia in cui i suoi personaggi vivono e portano avanti vicende varie ,ricche di peripezie e continue scoperte sia positive che negative,le quali faranno variare più volte le carte in tavola e i rapporti tra i vari protagonisti dell'opera.
Dal suo capolavoro emergono molti degli aspetti tipici della mentalità dell'epoca ,come il rito del corteggiamento,il seguente matrimonio,l'importanza che il denaro e la dote avevano all'epoca e soprattutto quanto ben poco amore fosse presente nella maggior parte dei matrimoni.
Delle signorine Bennett colpirà la diversità caratteriale che le contraddistingue e lo stesso vale per gli atteggiamenti e i modi di fare ,desideri compresi .
Affascina molto il rapporto che Elizabeth instaura con Darcy e non solo con lui ,bensì con tutti i personaggi ,in quanto è come se fosse lei la protagonista principale del romanzo e il resto dei personaggi fosse solo una cornice .
A mio avviso Jane Austen dimostra come anche nella sua epoca esistessero donne civettuole e frivole;come essere donne nobili avesse ben poco di positivo in quanto molti erano i doveri e pochi i piaceri veri e propri. Molta importanza veniva data all'aspetto materiale delle persone e poco al loro contenuto ,come ad esempio l'intelletto e la capacità di far valere le proprie ideologie e volontà. Importante è la descrizione delle emozioni ,i momenti di massima tensione e il lieto fine comune a molti dei personaggi.
Avvincente e vero questo romanzo si presenta con un linguaggio non complesso,ma al contempo curato e semplice. Rappresenta una letture molta scorrevole e piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2018-08-09 12:34:04 AsiaD
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
AsiaD Opinione inserita da AsiaD    09 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

GIRL POWER

Un titolo un po’ azzardato me ne rendo conto, ma quando leggo la Austen è la prima cosa che mi viene in mente. Mi limiterò a poche righe, non sono un’esperta né accanita fan austeniana e tanti fiumi di inchiostro sono stati già scritti da penne sicuramente più autorevoli della mia, però devo dire che dopo una prima parte per me particolarmente ostica (forse le prime 200 pagine circa) per lo stile , sicuramente unico e personale, ma comunque molto artificioso dei dialoghi che mi hanno reso la lettura poco scorrevole, una volta entrata nel mood il racconto ha preso il volo e mi è piaciuto molto; ero curiosissima di capire (perché confesso non lo avevo mai letto e non avevo mai visto un film e non avevo idea né della trama né tantomeno della conclusione) come andasse a finire tra questi due giovani innamorati inconsapevoli nonostante le incomprensioni e i fraintendimenti che hanno ostacolato il loro irto cammino d’amore.
Mi ha suscitato grandi risate il rapporto tra i genitori di Lizzy, con questo padre che non ha nessuna stima per la sua poco adorata e molto superficiale moglie e anche verso alcune delle sue frivole figlie che hanno come unico obiettivo quello di accaparrarsi un marito. Sì, devo dire che l’ho proprio adorato! E quanto è diversa da loro la nostra Lizzy, che non per niente è l’unica probabilmente ad essere nelle grazie del padre con la sua indipendenza di giudizio e la volontà di contrarre un matrimonio solo per amore (e lo testimoniano i suoi soddisfatti e molteplici rifiuti di convogliare a nozze). E’ da ciò che scaturisce il mio titolo chiaramente fuori tempo e luogo, ma che rappresenta un manifesto femminista come la Austen nel suo modo antesignano ha voluto rappresentare. Il nostro Mr Darcy a mio parere diventa un personaggio meno interessante rispetto alla protagonista femminile che ne esce come incontrastata vincitrice morale tra tutti i personaggi, perché è sì orgogliosa, ma nel modo giusto, è attenta e perspicace, è compassionevole ed è terribilmente simpatica.
Sicuramente incredibile l’opera di attualità della Austen contestualizzata tra la letteratura dell’epoca ed uno stile impeccabile.
PS: una curiosità..qualcuno mi sa dire perché i nomi dei luoghi alle volte non sono indicati per intero o sostituiti con delle *** (perlomeno nella mia edizione feltrinelli)?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2018-05-06 15:10:00 Cathy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    06 Mag, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

«Nulla conta se non la vita»

È una verità universalmente riconosciuta che Jane Austen sia una delle autrici più talentuose mai entrate nell’Olimpo dei grandi classici – “l’artista più perfetta tra le donne” secondo Virginia Woolf – e che Orgoglio e pregiudizio, la sua opera più nota e più amata, sia un capolavoro capace di suscitare ancora lo stesso interesse da parte di pubblico e critica a duecento anni dalla sua prima pubblicazione. Ci sarà un motivo, in fondo, se la Austen si ritrova ad essere oggetto di studio e di riflessione sui banchi scolastici e universitari. Eppure non mancano detrattori che arricciano il naso davanti alle pagine dei suoi romanzi, nella convinzione che siano soltanto storie d’amore ben scritte e che uno stile cristallino e i personaggi straordinari bastino appena a riscattare un contenuto da romanzetti rosa in vendita nelle edicole, fra intraprendenti signorine in cerca di marito, fughe d’amore, matrimoni contrastati e ricchi gentiluomini inseguiti da madri fin troppo ansiose di catturare un genero come se fosse una caccia alla volpe.
La superficie, certo, non svela nient’altro: nella piccola cittadina di Longbourn, nell’Hertfordshire, alla fine del Settecento, seguiamo le vicende sentimentali delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, tra i quali spiccano l’intelligente, acuta e ironica Elizabeth – alter ego dell’autrice – e l’orgoglioso, freddo, altero signor Darcy, protagonisti di una storia d’amore ormai diventata leggendaria.
Solo un romanzo rosa, dunque, per quanto scritto magistralmente, a tratti un po’ frivolo e capace di attrarre un pubblico quasi esclusivamente femminile. Ma dietro ai piccoli intrighi della buona società inglese di provincia, dietro all’eterna caccia al marito, ai balli e ai tè pomeridiani si cela qualcosa di ben più profondo.
Con Jane Austen «inizia l’epoca in cui nulla conta se non la vita». Le sue opere costituiscono uno step decisivo per lo sviluppo del “romanzo di destino”, che nasce alla fine del Settecento e diventa la forma principale del realismo per il romanzo ottocentesco, da Stendhal, a Flaubert, a Tolstoj. Esso affonda le proprie radici nel novel, la forma di narrazione che nel corso del Settecento si afferma con le sue caratteristiche – personaggi comuni collocati in contesti ordinari, ampliamento del narrabile fino a comprendere la vita particolare e gli eventi quotidiani raccontati in chiave seria e celebrati per il loro intrinseco valore – a scapito del romance, un racconto di avventure tra peripezie, stati di eccezione e protagonisti eroici o singolari. Nel romanzo di destino, naturale evoluzione del bildungsroman (il romanzo di formazione), la vita quotidiana di persone qualsiasi acquista interesse e diventa degna di essere narrata alla luce del rapporto tra desiderio e realtà: nell’incontro (o scontro) tra l’individuo, con le sue ambizioni e i suoi desideri, e il mondo esterno, si determina il destino del personaggio. E le svolte che, come uno stampo, plasmano le esistenze, «la ricerca di quella felicità privata» che è «l’unico vero dio condiviso e ancora vivo, l’unica cosa che conta davvero per gli individui moderni», si collocano proprio nel mezzo del quotidiano.
«Ad Austen interessa esclusivamente, o quasi esclusivamente, una stagione della vita: i pochi mesi o i pochi anni nei quali le eroine dei suoi romanzi, sposandosi bene o sposandosi male, diventano adulte». Per le protagoniste dei suoi romanzi, giovani donne che conducono un’esistenza limitata ai rapporti sociali tra vicini, in un mondo che non le favorisce in alcun modo e che vede nel matrimonio l’obiettivo principale dell’esistenza femminile, l’unica strada per non diventare zitelle povere, derise e mal sopportate dai familiari che dovranno farsi carico del loro sostentamento è trovare marito e neppure la narrazione briosa e vivace della Austen, a volte, è sufficiente a scacciare l’amara consapevolezza che fino a non molto tempo fa l’unica, vera svolta nella vita delle donne era proprio il matrimonio, prive della possibilità di lavorare, essere indipendenti e plasmare la propria vita liberamente. Elizabeth, Jane, Emma e le altre riescono infine a sposare l’uomo che amano e a condurre vite felici e appagate, è vero, e in fondo Jane Austen è colei che in Mansfield Park scrive: «Lasciamo che altre penne trattino del peccato e della desolazione. Abbandono simili argomenti prima possibile, impaziente di restituire a tutti coloro che non hanno gravi colpe un tollerabile conforto, e di precisare tutto il resto». Se la lettura è uno dei piaceri più grandi di cui si possa godere, tralasciando ancora una volta la superficie e cioè il lieto fine che conclude ogni romanzo, non c’è dubbio che ben poche penne siano capaci di donare conforto quanto quella di Jane.
È così che gli incontri fra vicini, i ricevimenti, i pettegolezzi nel piccolo mondo della gentry inglese acquistano un’importanza insospettabile, perché è questo e solo questo il percorso attraverso il quale una ragazza di buona famiglia può entrare nel mondo e realizzare se stessa nell’unico modo che le è concesso.
Con il romanzo di destino, un evento decisivo nella storia della narrativa occidentale, emergono pienamente aspetti impliciti nel romanzo come genere, a cominciare dal relativismo e dal prospettivismo che rendono proprio il romanzo la forma d’arte più adatta ad esprimere il particolarismo e la frammentazione della società moderna. Se ogni individuo è un epicentro fra gli altri e in quanto tale ha pieno diritto ad un punto di vista assoluto, per quanto umile possa essere la sua prospettiva, se domina una logica del microcosmo, se una vita qualunque è degna di essere narrata, se il destino di una giovane donna si decide tra un ballo e una visita di cortesia, si può affermare senza esitazione che ben pochi autori sono capaci di catturare inesorabilmente il lettore nel banale flusso della quotidianità quanto la giovane figlia di un ecclesiastico inglese di provincia vissuta ai margini di tutto ciò che è grande e maestoso, ma immersa nella stessa battaglia quotidiana che ci accomuna tutti in ogni luogo e in ogni epoca: «si tratta di essere felici in questo mondo».



Le citazioni sono tratte da:
J. Austen, Mansfield Park, Milano, Oscar Mondadori, 2013;
G. Mazzoni, Teoria del romanzo, Bologna, Il Mulino, 2011.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2016-09-19 14:36:56 FrancescoMirone
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancescoMirone Opinione inserita da FrancescoMirone    19 Settembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Umiltà è vanità celata

Ognuno di noi cerca una frase chiave, una frase da ricordare, durante la lettura di un romanzo. Ho trovato infatti particolarmente interessante l'analisi della ''finta modestia'' di alcuni personaggi effettuata dall'autrice. Proprio Darcy, figura centrale dell'opera, afferma : ''appearance of humility is sometimes an indirect boast''. Ciò induce a riflettere; dunque la finta umiltà può celare una vanità nascosta , è interessante poiché questo ragionamento è attualizzabile. Ciò di cui la Austen scrive, è un punto cardine della falsità dei rapporti che caratterizza anche la nostra epoca.

Tuttavia, questo grande classico si presenta come un magistrale affresco della società(inglese per l'esattezza) dell' Ottocento. Il matrimonio è ancora visto come un contratto da stipulare, deve essere vantaggioso, l'amore è in secondo piano. Ma è proprio l'amore ad essere il protagonista indiretto, il quale combatte tra l'orgoglio e il pregiudizio dei personaggi. Mr. Bingley dubiterà dei sentimenti di Jane a causa della sua indifferenza, ed Elizabeth , ingannata dall'apparenza e dal pregiudizio, crederà che Darcy abbia un atteggiamento superbo.

Dunque, l'orgoglio e il pregiudizio danno luogo ad una serie di incidenti e fraintendimenti, che costituiscono il nucleo dell'opera, sono infatti l'orgoglio e il pregiudizio a dare vita all'intreccio, entrambi i sentimenti sono caratteristici dell'animo umano. L'orgoglio può farci perdere ciò che amiamo, mentre il pregiudizio può precluderci nuove esperienze, può impedirci di cambiare la nostra vita, dandoci una visione del mondo statica.

Anche io avevo un forte pregiudizio contro questo classico, in genere ripudio i romanzi che parlano di storie d'amore, ma ho voluto provare a distruggere questo pregiudizio, con successo. Come al solito, solo gli ingenui non cambiano idea.

Per chi può, consiglio la lettura in lingua originale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2016-06-08 10:59:05 deborino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
deborino Opinione inserita da deborino    08 Giugno, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AMORE NELL'800

Voglio fare una premessa: ho letto questo libro grazie a una mia carissima amica che me lo ha consigliato essendo Jane Austen la sua autrice preferita e che ringrazio di cuore perché se non me lo avesse fatto scoprire lei, mai e poi avrei pensato di leggerlo... come succede nel libro..proprio per "pregiudizio" in quanto dal titolo e dalla copertina mi sembrava un noiosissimo libro come quelli che ti obbligano a leggere a scuola.
Ma come impariamo dalla questa storia meravigliosa, molto spesso il pregiudizio (e l'orgoglio) ci traggono in inganno e ci fanno anche perdere delle ottime occasioni che possono essere semplici, come quella di leggere un bel libro oppure molto più importanti, come quelle di perdere l'uomo o la donna della nostra vita.
Premesso questo, devo dire che, come si è già capito, ho adorato questa storia perché fa riflettere molto, proprio su questi due sentimenti che colpiscono prima o poi tutti.
Il racconto è basato sulla vita della famiglia Bennet con le loro cinque figlie, tutte diverse tra loro soprattutto nel carattere e in particolare tra queste figlie troviamo la nostra protagonista Elisabeth, una ragazza molto intelligente, razionale e allo stesso tempo sensibile e premurosa ma solo nei confronti di chi lo merita.
Si potrebbe stare ore a parlare dei vari personaggi, in particolare dei due genitori, Mr e Mrs Bennet, entrambi particolari a loro modo ma il primo molto cinico mentre la seconda completamente sognatrice e opportunista.
Ogni personaggio ha una sua caratteristica, negativa o positiva e tra questi ovviamente spicca Darcy, che crea un amore e odio verso di lui da parte del lettore.
Non voglio svelare nulla, è un insieme di intrighi tra i vari personaggi, di storie d'amore ma anche di odio, il tutto che si aggira sempre intorno al titolo.
Non fate come me che mi ero fatta prendere dal pregiudizio, leggetelo e scoprite quanto può essere differente l'immaginazione dalla realtà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2015-09-18 11:02:00 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    18 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vorrei poter tornare indietro nel tempo

Ognuno di noi ha i suoi romanzi del cuore, storie che ti hanno fatto innamorare della lettura, che ti hanno tenuta sveglia la notte, che non perdi mai la voglia di rileggere ancora e ancora e ancora per lasciarti sorprendere da qualche dettaglio o semplicemente per ritrovare il confortante gusto delle pagine tanto amate (magari dopo un periodo di brutte letture). Questo è Orgoglio e Pregiudizio per me.

Come recensire quindi il libro del cuore? Cosa rende questo libro così speciale?

L’atmosfera elegante e raffinata. La provincia inglese di fine Settecento rivive nella sua quotidianità fatta di nastri e mussoline, lavori di cucito e visite di cortesia, e lo fa senza di fatto nessuna descrizione ma lasciandosi permeare come un profumo. E niente ci sembra in quel momento più importante di un invito a un ballo.

I personaggi. A volte non bastano centinaia di pagine per delineare un personaggio, per far nascere nel lettore la voglia di immaginarlo, di immedesimarsi in lui, di capirlo. A Jane Austen basta un tratto: lo sguardo altezzoso di Mr. Darcy, una battuta compiacente di Mr. Collins, il timido contegno di Jane, l’intelligenza briosa di Elizabeth. Quel tratto svela figure vibranti e reali, dai tratti psicologici ben definiti e dai caratteri diversi. Una complessità anche un po’ da immaginare. Perché in fondo il romanzo è proprio un invito ad andare oltre la superficie delle impressioni.

L’ironia. Le convenzioni e i comportamenti sociali di questa Inghilterra Regency vengono presentati con ironia e quasi con distacco. Riesce a strappare più di un sorriso il servilismo di Mr. Collins, che ha fatto del compiacere e adulare i ricchi la propria missione, o la superbia di Lady Catherine, nata con la convinzione di poter disporre degli altri per diritto di nascita. Sembra divertente e leggero eppure proprio la distanza offerta dallo sguardo ironico suggerisce una lettura ben più profonda dei classismi e delle ingiustizie dell’epoca. Tutti i personaggi passano sotto la lente dell’ironia che ne mette in luce vizi e virtù. E nessuno ne esce perfetto: l’eroina non è la più bella del reame e l’eroe è rigidamente e aristocraticamente inamidato, ma non potrebbero piacerci più di così.

Il contrasto. Orgoglio e Pregiudizio è classificato in genere come un romanzo rosa. Un classico, di qualità, certo, pur tuttavia una storia d’amore. In realtà, a ben guardare, la componente affettiva e la convenienza economica si intrecciano in proporzioni non ben definite nei matrimoni austeniani, uomini e donne sono sempre presentati con la propria quotazione di reddito e dote in sterline e l’amore appare come una questione più di mente che di cuore. E fa la differenza che proprio quella che si considera una grandissima storia d’amore non contenga nemmeno un parola zuccherosa e che nessuno dei protagonisti ci appaia mai in balia di sentimenti e passioni. Il romanticismo è più immaginato che raccontato. Bisognerebbe spiegarlo ai produttori di romanzetti rosa di oggi.

La confezione. Per dare vita ad una narrazione piacevole ma di altissimo livello bisogna saper poi raccontare il tutto con un linguaggio accessibile ma ricercato, uno stile scorrevole ma raffinato, una penna vivace ma razionalmente intelligente. E la cosa non è così scontata.

Detto questo, non credo però che a quindici anni, quando è scoccata la scintilla con questo libro, io avessi fatto tutte queste considerazioni. E lo dimostra il fatto che il romanzo sia trasversalmente amato da persone di ogni età, cultura e nazione, valicando differenze di gusti, riflessioni di stile o di contenuto. Non mi risultano molti i libri, per di più datati di secoli, che contano siti internet tematici, fan sfegatati e una lista non solo di imitazioni ma anche di veri e propri furti di personaggi, snaturati e calati da altri autori nelle più disparate situazioni. Il dato è significativo e sinceramente non credo sia spiegabile con nessuna delle motivazioni che pur mi sono cercata di dare.

E’ una magia che solo le storie più belle sanno creare. E vorrei poter tornare indietro nel tempo per leggerlo per la prima volta, rivivendo la lettura della scoperta in cui ti chiedi cosa succederà nella prossima pagina e sbirci anche un po’ (giusto un’occhiatina) per l’impazienza di scoprire se Elizabeth incontrerà Mr.Darcy a casa di Lady Catherine e se la gita nel Derbyshire la porterà fino a Pemberly.

Come tutte le magie va presa così, senza addentrarsi oltre nell’analisi, ma tuffandosi nel piacere della lettura.

E se qualche fortunato non l’avesse ancora letto, lo consiglio di certo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2015-07-31 10:05:41 hillary
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da hillary    31 Luglio, 2015

grande classico

Orgoglio e pregiudizio è uno dei sei romanzi della scrittrice Jane Austen.
Pubblicato nel gennaio del 1813, potrebbe essere considerato un frivolo romanzetto rosa che tratta di temi comuni come l'amore e il matrimonio ma, ad una lettura più attenta, ci si rende conto che questo libro è una finestra aperta da cui scrutare le mille sfaccettature della provincia inglese di fine settecento.
L'ambiente delle campagne, vede muoversi come personaggi delle vicende i signori Bennet e le loro cinque figlie, mentre cercano di accaparrarsi un matrimonio che consenta loro un futuro agiato e socialmente accettabile. Protagonisti dei fatti sono Elisabeth, figlia assennata e ragionevole dei Bennet, e il signor Darcy, l'eroe romantico che nasconde una personalità timida e dolce, dietro ad una maschera di freddezza e altezzosità. I due giovani, che si incontrano durante la stagione mondana, vivono dapprima sentimenti negativi e di disprezzo reciproco in cui, un Darcy snob e cinico definisce Elisabeth "Appena passabile ma non abbastanza bella da tentarmi”. Successivamente, in una danza di sguardi, parole appena sussurrate e incontri occasionali, il sentimento si insinua tra loro conducendoli all'amore, e rivela l'esatta chiave di lettura del romanzo, in cui emerge l'orgoglio di un uomo apparentemente freddo e distaccato, e il pregiudizio di una ragazza senza troppe pretese e troppe ricchezze, ma dal carattere sveglio e arguto, nei confronti dell'alta società e dei suoi componenti.
Intorno a loro, si alternano personaggi particolari e caratteristici, come ad esempio la signora Bennet, madre sciocca a frivola di Elizabeth che, con le sue frequenti “crisi di nervi” non perde occasione per battibeccare, con un marito ironico ed intelligente, sul futuro matrimoniale delle figlie.
Il romanzo, grande classico della letteratura inglese, procede in modo scorrevole, senza tralasciare la minuziosa descrizione delle particolarità caratteriali di ogni singolo personaggio, che rendono le vicende appassionanti e coinvolgenti. L'aspetto sarcastico della lettura, inoltre, consente una visione critica ma assolutamente reale sulla società dell'epoca, e ne restituisce un quadro frivolo e pettegolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Orgoglio e pregiudizio 2015-06-19 11:37:03 LaClo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
LaClo Opinione inserita da LaClo    19 Giugno, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una società fondata sull'amore

Orgoglio e pregiudizio è in sintesi una vivace descrizione della società ottocentesca che l'autrice conosceva molto bene. In particolare s'incentra sul rapporto tra clero, borghesia e aristocrazia, rapporto che diviene complesso nella sfera matrimoniale.
Infatti, come in tutti i romanzi della Austen, al centro delle vicende si trova una questione matrimoniale che molto spesso risulta di difficile soluzione.

In questo caso il titolo stesso può far comprendere al lettore le motivazioni che rendono complicato l'amore. L'orgoglio è quello che contraddistingue la classe nobiliare, Darcy e Lady Catherine che vanno fieri della propria posizione nella società, nel loro titolo; il pregiudizio è il comportamento che si nota in ambo le parti. Infatti, Elisabeth nutre preconcetti nei confronti di Darcy e basa il suo giudizio solo su voci infondate e sulla prima impressione, chiaramente non positiva. Anche Darcy però nutre pregiudizi nei confronti di Elisabeth pensando che data la pessima condotta della madre e di due sorelle anche Elisabeth avesse il medesimo carattere.

La famiglia assume un ruolo importate perché l'autrice descrive i rapporti tra la madre e le figlie e tra padre e figlie, nonché tra marito e moglie. La signora Bennet si presenta come una donna molto permissiva con le figlie che si occupa più del matrimonio che della loro effettiva felicità mentre il padre ha dei rapporti conreti solo con le due figlie maggiori e trascura le altre tre. Nei discorsi con la moglie il signor Bennet emerge per la sua spiccata ironia e ridicolizza il comportamento della moglie. Mr Bennet in conclusione è un padre di famiglia assente, che fugge il clima familiare e femminile accettando solo Jane ed Elizabeth.

Le cinque sorelle si possono considerare come emblemi di comportamenti differenti. Le due minori Lydia e Kitty dimostrano di aver ereditato il comportamento materno e quindi sono essenzialmente frivole e superficiali. In particolare Lydia dovrà ricorrere per la sua sventatezza ad un matrimonio riparatore, senza pensare che con il suo comportamento avrebbe compromesso la già fragile situazione della famiglia. Per contrasto, Mary si attira le antipatie per via della sua troppa superbia che la spinge a sfoggiare la sua cultura e la sua presunta abilità pianistica fuori luogo creando imbarazzo a Jane e a Elizabeth. Queste sono caratterizzate da un comportamento equilibrato e corretto anche se Jane appare un po' troppo buona e senza pregiudizi per essere reale.

Il personaggio che spicca è sicuramente Elizabeth che diventa un po' un'eroina del romanzo perché sfida le convenzioni dell'epoca ed è l'unico personaggio che compia delle scelte giuste, dettate dal sentimento. Elizabeth è capace di rispettare le regole della società, infatti è sempre cortese e affabile ma non esita ad esprimere la sua opinione anche quando potrebbe essere rivoluzionaria.

I personaggi maschili sono sicuramente meno importanti rispetto a quelli femminili ma importante è la figura di Darcy che come Elizabeth compie degli errori di valutazione ma mostra dietro la sua dura corazza un cuore innamorato.
Il clero è invece ampiamente rappresentato mediante Mr Collins, il cugino dei Bennet che mostra il suo lato speculatore e poco cristiano in quanto trae godimento dalle disgrazie della famiglia Bennet. L'aristocrazia, oltre a essere rappresentata da Mr Darcy è anche raffigurata da Lady Catherine che è il personaggio più tradizionalista,colei che non vuole staccarsi dalle convenzioni e accettare un matrimonio tra un nobile e una borghese.

I personaggi quindi diventano lo specchio della società, una società che non ha molte attrattive per il lettore moderno, una società in cui balli e conversazioni sono l'unico passatempo per le donne e dietro questo aspetto si può scorgere una lieve critica da parte dell'autrice.
Lo stile è molto scorrevole e l'abilità dell'autrice emerge nei dialoghi nelle allusioni e nei pensieri che caratterizzano i personaggi.

In conclusione si tratta di un romanzo che apparentemente potrebbe sembrare un racconto rosa, ma dietro questa illusoria apparenza si nasconde una critica sociale e una rande rivolta nei costumi, una grande rivoluzione dell'amore e del matrimonio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri