Dettagli Recensione

 
La signorina Else
 
La signorina Else 2016-05-31 15:50:19 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    31 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ribellione definitiva

La signorina Else ha diciannove anni. E' altera, ma non altezzosa, potrebbe essere una sgualdrina, ma mai una prostituta. Desidera fare esperienze di vita, ma ne ha paura. Non è capace di fare alcun lavoro ed in parte è inorridita dall'idea di diventare telefonista o dattilografa. Del resto è un'aristocratica e non ne ha bisogno. Tutto questo ce lo confida la stessa protagonista del racconto.
Schnitzel ci porta dentro la mente di questa ragazza e ci fa osservare indisturbati i suoi pensieri, noi ce ne stiamo lì ed ascoltimo tutte le battute salaci che nascono dentro le meningi, ma non escono dalla bocca, tutti gli imbarazzi ed i rossori che la pervadono. Fremiamo, perchè vorremmo darle una pacca sulla spalla, metterla in guardia o invitarla a cambiare strada, ma non lo facciamo perchè lì nel nostro angolino dentro la sua mente ci sentiamo quasi dei guardoni.
L'originalità di questo libro sta nella scelta di farci vivere le vicende solo attraverso il punto di vista della protagonista. Non un diario nel senso classico del termine, quasi una cronaca di quello che avviene nella sua mente. Il rilievo del racconto sta nell'aver affrontato senza mezzi termini la condizione femminile dell'epoca. Ragazze oggetto, allevate perchè diventino merce di scambio per i genitori. Donne prive di pensieri o idee se non quelle che fanno piacere agli uomini.
La vicenda è semplice e si svolge in sole quattro ore. Else, in vacanza a spese di una zia, è preocupata soprattutto dl nascondere lo stato di disagio economico in cui si trova la sua famiglia. Le camice consunte o l'ultimo paio di calze senza smagliature sono i principali oggetti di ansia. Fino a quando arriva un espresso dalla madre. La genitrice le chiede di intercedere presso un amico di famiglia per avere in prestito il denaro necessario a porre rimedio ad una frode del padre. Else si rassegna a questa umilazione e dapprima nelle vesti di una battagliera amazzone, poi di agnello sacrificale si getta nelle fauci del salvatore del padre. Quest'ultimo coglie l'occasione al balzo e le fa una proposta indecente. Inizialmente scandalizzata, poi offesa Else progetta e porta a termine un piano che dovrebbe bastare a salvare padre e dignità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Proprio una gran bella recensione, rende perfettamente l'idea.
Bella recensione, Sonia.
Ho letto il libro anni fa : piaciuto così così; però riconosco l'originalità e lo stile di una scrittura che all'epoca dovette apparire straordinariamente innovativa.
grazie
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri