Dettagli Recensione

 
Il giro di vite
 
Il giro di vite 2019-12-27 16:27:52 archeomari
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    27 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The turn of the screw

È il primo libro che leggo di Henri James e sicuramente ne leggerò altri appena ne avrò l’occasione. È un libro che divide il pubblico di lettori e quindi l’ho letto con grande curiosità, ma senza avere grandi aspettative.
Titolo originale “The turn of the screw” che mi ha aiutato a non confondermi con la parola “vita” al plurale, poiché non so per quale motivo, ero convinta che la narrazione avesse una “giostra” di vittime, come dire, un thriller. Lo dico perché ero proprio all’oscuro di cosa avrei letto.
Preso in prestito il libro in biblioteca, nell’edizione è Einaudi del 1985, nella traduzione di Fausta Cialente, scrittrice anch’essa, vincitrice del Premio Strega nel 1976.

L’opera di James venne pubblicata nel 1898 e si inserisce a pieno titolo nella letteratura di stile gotico, per l’ambientazione e per la presenza dei fantasmi.
La storia ruota attorno ad una istitutrice che si prende cura di due bambini, Flora e Miles, l’una sugli otto anni, l’altro più grande di qualche anno, che vivono con la vecchia governante, la signora Grose, in una magione sperduta dell’Essex, chiamata Bly.
Orfani dei genitori, i bambini sono protetti da un giovane zio molto impegnato in città per occuparsi di loro, ma che provvede alle loro necessità “a distanza”. In seguito alla morte prematura della precedente istitutrice, viene assunta l’ultima figlia di un povero parroco di campagna, che è la voce narrante della storia principale.
C’è da puntualizzare infatti che la storia ha una cornice, un preambolo, in cui la voce narrante è un’altra persona, un personaggio senza nome che partecipa con degli amici alla notte della vigilia di Natale allo scambio di storie sui fantasmi davanti al focolare. Uno di essi, un certo Douglas, riferisce di avere a casa sua, a Londra, un manoscritto con una storia di fantasmi agghiacciante raccontata dall’istitutrice di sua sorella, una donna affascinante più grande di lui, morta vent’anni prima.
L’arte di raccontare di James viene fuori già da questo espediente del manoscritto: l’uditorio di Douglas dovrà pazientare il tempo che uno dei suoi camerieri si rechi a Londra per recuperare quella lettera-confessione.

La pazienza è la dote che si richiede al lettore per poter apprezzare il libro di James, insieme alla capacità di immaginare, alla capacità di “ascoltare” attivamente senza distrarsi, nonostante le continue prove di attesa, di sottintesi, di detto e non detto che risultano talvolta sfiancanti.

Si tratta di scelte stilistiche che forse oggi danno fastidio. Lo stesso consunto espediente del manoscritto per l’autore è indispensabile, è quasi come un oggetto magico che dà valore e legittimità alla testimonianza e, con le sue imperfezioni, ci convince di più, perché ha un’aura di autenticità.

In realtà, dai taccuini di James, che sono una fonte inesauribile di spunti/appunti, una semenzaio delle opere, sappiamo che questa storia è ispirata ad un fatto narratogli dall’arcivescovo di Canterbury suo amico, in cui due bambini erano oppressi dai fantasmi dei loro inservienti morti in circostanze non precisate.
Da questo spunto James tesse una storia che, anche oggi, come ha riferito la Wolf, continua ancora a farci avere paura del buio. Certamente non siamo di fronte ai best seller del brivido moderni, con tanto di trucchi cinematografici (James non ebbe fortuna e non fu mai un autore da best seller ai suoi tempi), ma quelle pagine ti tengono incollata e sospesa e, alcune scene, come quella del fantasma che appare dalla torre, mettono addosso una spiacevole inquietudine.

Flora e Miles i due bambini che appaiono agli occhi dell’istitutrice narrante come pura bellezza e bontà, sono in realtà corrotti dalla depravazione dei fantasmi di Quint, defunto inserviente di Bly, e della signorina Jessel, l’istitutrice precedente.
La protagonista, voce narrante della storia, nonostante il grande coraggio, forza d’animo ed intelligenza, rimarrà comunque una semplice testimone delle apparizioni e non riuscirà a mettersi in contatto con il padrone di Harley Street, zio dei bambini. La mancanza di comunicabilità con lui non fa altro che caricare di più il parossismo della vicenda e dello stato d’animo dell’istitutrice, proprio come negli incubi della peggior specie. Quest’ultima, unica persona insieme ai bambini, capace di vedere i fantasmi, è delineata già dalle prime battute: “Ricordo tutto l’inizio come un succedersi di voli e di cadute, una piccola altalena di turbamenti giusti o sbagliati. Dopo lo slancio che, in città, mi aveva spinta ad accettare l’invito, passai un paio di giorni veramente pessimi da ogni punto di vista”.
Una donna che non conosce mezze misure, dagli stati d’animo altalenanti: ora vede nei bambini degli angioletti, ora vede in loro il germe della cattiveria e dell’ambiguità, ora prova ammirazione e stupore nei loro confronti, ora terrore. Il personaggio giusto per far sì che il lettore pensi a lei come ad una persona dai nervi fragili.

Sull’interpretazione di questa storia e sullo stile di James ci sono pagine e pagine di meravigliosa e illuminante critica.
Io non posso dire altro, la storia è breve e densa. A me è piaciuta molto: ho adorato i paesaggi, l’architettura della storia, la maestria con cui James ha descritto le apparizioni e, soprattutto, ho amato ed apprezzato i silenzi. Unica pecca: troppi sottintesi, troppa attesa, troppe cose dette per metà . Ma forse è un problema del lettore contemporaneo, abituato alle immagini già pronte, avvezzo a trovare una veloce gratificazione nell’attesa della lettura e disabituato ad una “costruzione immaginifica paziente”.









Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato anche a chi non ha letto “La bestia nella giungla” , “L’altare dei morti “ e altri racconti di fantasmi di James.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Marianna, come sai non ho amato questo libro, ma la tua recensione è molto equilibrata. Riconosco l’enorme impatto che ha comunque avuto sul filone noir.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
27 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
In effetti mi aspettavo qualcosa di noioso e fastidioso proprio perché a molti di voi non è piaciuto. A me sì, bella scoperta!
Certamente non lo considero un capolavoro, ma se lo contestualizzo, è facile riconoscere che James è veramente un abile narratore, ti tiene sempre sul filo. A lungo andare sì, lo prenderesti a schiaffi, meno male che il libro è breve, non si potrebbe pretendere così tanto da un lettore.
James è fra i miei autori preferiti, ma non ho letto questo libro.
Nel bellissimo romanzo biografico "The Master" dell'irlandese Toibin, libro il cui protagonista è appunto James nei 5 anni 'londinesi' di fine '800 , si scopre l'origine di varie sue opere (tra cui questa e "Ritratto di signora").
Risulterebbe che il fratello famoso scienziato e la consorte si occupassero di spiritismo : gli avrebbero rivelato particolari rilevanti della sua vita.
Complimenti, Marianna, per questa recensione davvero approfondita!
Non ho mai letto niente di questo autore, di cui però ho un libro che racchiude diverse sue opere.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
28 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio a me piace come scrive, è proprio un abile narratore. Ho letto qualche pagina dei suoi taccuini e mi sono sembrati veramente preziosi ed accurati. Spero di leggere qualche suo libro che possa entusiasmarmi di più! Sì ho letto che suo fratello potrebbe aver letto gli studi di psicoanalisi tedesca e questo potrebbe aver avuto una certa influenza nel delineare io carattere dell’istitutrice. Se non sbaglio avevano anche una sorella fragile di nervi...
In risposta ad un precedente commento
archeomari
28 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio Laura, ho dovuto anche tagliare, era venuta più lunga e avrei rischiato lo spoiler. A volte torno in me e mi impongo di mettermi nei panni di chi legge le recensioni, di qualcuno al di fuori dei QFriends...la lunghezza delle opinioni ne scoraggia la lettura. Un abbraccio e buon ripresa in generale!
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
28 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Il fratello scienziato e la cognata parrebbe praticassero lo spiritismo, a prescindere dagli interessi per la psicologia.
Se ti piace la scrittura di James, allora c'è una prateria che si spalanca davanti a te, tante sono le opere che ha scritto, benché non dello stesso livello qualitativo, ovviamente.
Henry James ne "Il giro di vite" gioca in maniera molto intelligente sulla sospensione dell'incredulità del lettore e sul dubbio se il narratore sia o meno affidabile. Il risultato è un racconto di inarrivabile ambiguità. Un altro capolavoro breve di James è a mio parere "La belva nella giungla".
In risposta ad un precedente commento
archeomari
29 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio! Qualcuno mi ha consigliato “Washington Place”, chissà...
In risposta ad un precedente commento
archeomari
29 Dicembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio, secondo me mette alla prova pure il lettore. A lui chiede ascolto attivo e alla controparte abilità narrativa nel tenere desta l’attenzione in chi ci ascolta. Credo di non aver letto mai niente del genere.

“La belva nella giungla” o la bestia, mi incuriosisce molto, vorrei leggerla...chissà, l’attesa di qualcosa di malefico ricorda “Il deserto dei Tartari” di Buzzati, un capolavoro.
I
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri