Dettagli Recensione

 
Le belve
 
Le belve 2012-11-10 09:31:39 Amarilli73
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    10 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le brutte cose accadono sempre

Con questo romanzo Winslow ha praticamente servito su un vassoio d'argento ad Oliver Stone la sceneggiatura già pronta per un film altrettanto adrenalinico, contorto, visionario e crudele.

Il suo stile è un singhiozzo continuo, un alternarsi di frasi fulminanti (a partire dal Captolo I. formato da una sola parola), di descrizioni dettagliate, di battutacce gelide e di osservazioni tanto acute quanto amare, condito da un linguaggio volutamente greve e sboccato, per creare un racconto molto “pulp” e (fintamente) superficiale.

Laguna Beach: tra surfisti abbronzati, spiagge dorate e ville a picco sull’ocean, i signori della droga dal Messico espandono lentamente il loro impero. Ma a Laguna Beach c’è anche la sede dell’azienda “a conduzione familiare” di Ben & Chon, specializzata nella coltivazione idroponica di una qualità pregiata di marjuana.
I titolari dell’azienda sono due ragazzi under trenta, tipicamente californiani: Ben è la mente, figlio di una coppia ebrea molto progressista, plurilaureato, attento alla coltivazione rigorosamente biologica dell’erba e convinto sostenitore dell’investire i proventi del suo lavoro nel terzo mondo; il socio è Chon, silenzioso, introverso, indifferente agli altri e forse a sé stesso, arruolato nelle forze speciali perché gli piaceva “soffrire”, combattente mercenario in Afganistan.
Da là, oltre agli orrori, Chon ha portato con sé i preziosi semi che Ben ha sapientemente trasformato in un mostro genetico: "Una pianta che quasi quasi poteva alzarsi in piedi, prendere un accendino e fumarsi da sola".

E poi c’è Ophelia, detta O, bionda, viziata, annoiata, miliardaria, con madre che per i suoi quattordici anni le ha regalato un buono prepagato per rifarsi il seno e che è arrivata al sesto marito. O ha come missione esistenziale lo shopping e come ambizione segreta divenire protagonista di un reality. Nel frattempo, ama entrambi i “suoi ragazzi”, perché “Ben è legno caldo. Chon è metallo freddo”, e lei non sa decidersi, per cui tra una fumata e l’altra tutti e tre se ne stanno nello stesso letto a godersi in pace l’esistenza (per spiacevoli inconvenienti in cui è necessario usare la forza, entra in campo il solo Chon).

In quest’oasi dorata, la premiata ditta Ben & Chon deve fare i conti con un cartello di narcotrafficanti guidato da una signora messicana cattivissima suo malgrado.
E in un crescendo beffardo di sangue e pessimismo, tutti si faranno male. Perché in questa storia non ci sono eroi positivi, ma solo vite bruciate, come le canne per cui si è disposti ad uccidere.

Dire che Wilson ti travolge con i suoi personaggi cinici e con la sua violenza spietata è dire poco.
Soprattutto, mi ha sconvolto il suo humour nero, nerissimo, senza speranza. "Le brutte cose accadono sempre, è solo questione di tempo".

Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

13 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

petra
10 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Splendida recensione Ama, per un libro molto duro,spietato, non facile da commentare...
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@Ama
se ti è piaciuto questo allora adorerai "Frankie Machine".....te lo straconsiglio!!
In risposta ad un precedente commento
Amarilli73
11 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@ federica: grazie mille.
@ gracy:: grazie del consiglio. Me lo sono segnato. Ciao.
Bella recensione Amarilli! :) Come Gracy, se ti piace il genere e come scrive, ti consiglio "Frankie Machine" ed aggiungo anche il "Potere del cane" dello stesso autore.
Dimenticavo, forse ti interessa! E' uscito da poco anche "I re del mondo" che è un prequel su Ben & Chon, protagonisti di "Le belve".

P.S.
Ora smetto, che sembro l'agente personale di Winslow! :P
In risposta ad un precedente commento
Amarilli73
12 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille, Robbie! (sei grande come PR!)
Anch'io ho visto il prequel; il problema è che, sapendo poi come poi va a finire, non so se ma la sento di affrontarlo .....
Super super super recensione!!! condivido tutto!!!
In risposta ad un precedente commento
Amarilli73
13 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@ faye: grazie mille!
A me non è piaciuto questo libro, molto ma molto meglio "Frankie Machine"
In risposta ad un precedente commento
gracy
13 Novembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Frankie Machine è un mito!!
13 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà