Dettagli Recensione

 
Il libro dei sogni
 
Il libro dei sogni 2014-03-10 19:11:11 Bruno Elpis
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    10 Marzo, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bye bye fantasy!

Prima di dire il mio definitivo addio al fantasy, mi accingo a un’impresa improba: cercare di commentare con decenza un’opera che – se devo dirla tutta, ma proprio tutta e fino in fondo – ha catturato la mia attenzione per il titolo (che scimmiotta Freud) e per il cognome dell’autore (così simile, non fosse per l’iniziale, a quello del più celebre filosofo danese). Ovviamente, questi criteri per la scelta di un libro sono troppo labili e le premesse sono troppo deboli per fondare l’interesse in un genere che – evidentemente – mi è alieno…
Vediamo allora come posso razionalizzare una bislacca storia intorno alla quale viene scritta la bellezza di 399 pagine fitte fitte.

AMBIENTAZIONE E PROTAGONISTI

Siamo nella Copenaghen di metà ottocento (“Solo ora, a più di cinquant’anni dal nostro primo incontro, avvenuto nel 1846, posso narrare le nostre esperienze comuni”). Qui si aggira l’adolescente narratore: è figlio di un bibliotecario che perisce in strane circostanze (“A causa della malattia, la morte di mio padre fu considerata un suicidio”), non prima di aver lasciato al protagonista un libro sibillino (“Ex Libris Somniorum era scritto sopra il disegno”). Dopo la morte del padre, l’intera famiglia cade in disgrazia e il figlio-narratore vive sulla strada, compie piccoli misfatti, finisce in prigione e viene liberato da colui che diverrà il suo “maestro”:
“Mortimer Welles
Agente di pegno
Restauratore di libri
Razionalista praticante”
“Conoscevo vostro padre … eravamo intimi amici, fino all’ultimo…”
Il ragazzo non sa bene se sia meglio disfarsi del libro ricevuto in eredità o conservarlo (“Separandomi dal libro avevo perduto l’ultimo resto fisico di mio padre, ma allo stesso tempo era un sollievo essermi liberato dall’enigma che mi tormentava da tanti anni”): vero è che il libro rappresenta la chiave d’accesso a un mondo occulto…

ATMOSFERA LIBRESCA

Nella bottega di Mortimer, il ragazzo dovrebbe apprendere l’arte della rilegatura, che potrebbe praticare restaurando le Metamorfosi di Ovidio, affidategli da Klara. In realtà il laboratorio è l’occasione per frequentare, insieme a Mortimer (sì, il maestro si chiama proprio come il protagonista di “Arsenico e vecchi merletti”!), un circolo di personaggi dal nome cavalleresco (come Parsifal e Galahad), dediti più a bere acquavite che a condurre strampalate indagini. Il tutto è intercalato da frequenti visite alla biblioteca comunale (“Una biblioteca è espressione di tutte le conoscenze di un paese, misurate in volumi e pagine”).

MISTERIOSE SPARIZIONI

A Copenaghen continuano a sparire persone (“Il poeta scomparso senza lasciar tracce”), proprio come in passato era accaduto alla moglie di Mortimer (“Ebbi la netta sensazione che si trattasse della moglie di Mortimer, la donna ritratta nel quadro al pianterreno”): “Era stata a uno spettacolo al teatro reale e sparì fra il teatro e casa”.

FAZIONI OPPOSTE

Intanto monta il conflitto tra potere oscurantista (“Se il Ministero trova la Biblioteca, finiranno tutti nei forni del ministero”) e libertà intellettuale (“Noi vogliamo il contrario. Vogliamo liberare la parola!”): un tema di per sé apprezzabile, se a un certo punto… non andasse alla deriva, al punto che il lettore comincia a parteggiare per la repressione. Questo perché nel libro prende piede una realtà sommersa e onirica (“Trovarmi nel sogno cominciava a piacermi”), una biblioteca ove i bibliotecari sono soggiogati e tenuti prigionieri, un luogo raggiungibile soltanto attraverso un misterioso fluido che la mia mente schematica e semplificatrice identifica con la “droga” (“Era la prima volta che facevo un’iniezione a qualcuno e le mani mi tremavano un po’”). L’autore però continua imperterrito nelle sue macchinazioni e dà un colpo al cerchio e uno alla botte: “Il pastore vi ha detto che la Biblioteca smetterebbe di esistere se tutti lasciassero il sogno?”

IL MIO GIUDIZIO

Naturalmente è negativo. Ma un merito questo libro ce l’ha: per reazione, andrò a leggermi “Arsenico e vecchi merletti” di Joseph Kesselring!
Sul romanzo, oltretutto, si addensano ombre consapevoli di plagio (“Come la storia del Libro delle anime, che raccoglie le anime di tutte le persone che lo hanno letto, o il Libro dei morti, che rivela la data di morte di ciascun cittadino”); tuttavia non è questo il peccato peggiore del libro. Ammesso che il peccato non risieda in me, che con convinzione esclamo: bye bye, fantasy addio!


Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

complimenti Bruno, perchè le tue stroncature sono estremamente raffinate e ben motivate!
odio le stroncature becere e sfrontatamente irriverenti
Grazie, cara Silvia, mi conforti, perché non stronco mai a cuor leggero... e scelgo sempre la via dell'ironia (almeno spero che sia tale) :-)
L'ironia non ti manca di certo! Piacevole recensione....per il lettore!
... tu Annamaria sai esattamente quali parole un essere umano vuole sentirsi dire in certi momenti.
Grazie carissima :-)
...No! Aspetta Bruno a far calare il sipario su letture "fantasy"..... Hai provato a leggere Connelly? ( Sono spudoratamente di parte lo ammetto....)

Ciao Bruno, rispetto molto la tua opinione e la tua analisi non positiva ma proprio per la definizione di “storia bislacca” che tu hai dato a me personalmente la lettura di questa storia (fantasy) è piaciuta.
Questo per sottolineare come cambia il giudizio su un qualsiasi argomento per motivazioni soggettive.
Ciao Francesca, ho letto il tuo bel commento, vengo da te a rispondere... :-)
Ciao Gianfranco. Sono stato in dubbio, perché nel mio commento volevo inserire una frase del tipo: "per un giudizio più favorevole si veda il commento di Gianfranco..." Ma sarebbe stato pleonastico, il tuo commento è lì, appaiato al mio, e chi fosse interessato al romanzo potrà leggere due opinioni difformi (a me piacerebbe sentir suonare due campane così diverse). Credo inoltre di aver evidenziato chiaramente come il mio giudizio probabilmente dipenda dalla mia avversione al genere fantastico... grazie per essere intervenuto, ciao :-)
In risposta ad un precedente commento
Massimo80
12 Marzo, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Non ho letto il libro ma dalle recensioni mi sembra di capire che se si puó etichettare come romanzo fantastico, non si puó definire fantasy; pure nell'ambito della letteratura in lingua inglese questo termine é usato in senso stretto.
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Qualcun altro
I fantasmi dell'isola
Finestra sul vuoto
Sulla pietra
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Mio marito
Ti ricordi Mattie Lantry
C'era due volte
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive