Dettagli Recensione

 
Il Pettirosso
 
Il Pettirosso 2016-09-20 16:45:43 Vita93
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    20 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

" Syttende mai "

Oslo, 1999. Harry Hole, investigatore norvegese della Sezione Omicidi, ha un motivo in più per essere asociale e distaccato. Una misteriosa promozione da ispettore a commissario ed il conseguente trasferimento ai Servizi di Sicurezza lo allontanano dalle uniche due persone che mostrano sincero interesse nei suoi confronti : la competente e premurosa collega Ellen ed il capo divisione Moller che tanto desidererebbe trasferirsi in un posto con meno politica e più lavoro da poliziotto.
Parte del nuovo incarico consiste nel tenere a bada i crescenti movimenti neonazisti che vanno affermandosi nella penisola scandinava, lupi solitari desiderosi di avere alle spalle un sostegno economico concreto in grado di garantire un’ alternativa alla democrazia sociale. Intanto tra una scartoffia e l’ altra, l’ attenzione di Hole è rivolta al ritrovamento di un particolare tipo di bossoli appartenenti ad un raro e potentissimo fucile di precisione di fabbricazione tedesca il cui proprietario è sconosciuto così come ignoti sono i canali utilizzati per far entrare illecitamente un’ arma di tale calibro nel paese.

La lettura del romanzo del polivalente Jo Nesbo, terzo della saga del celebre investigatore, necessita di buone dosi di memoria e concentrazione.
Numerosi sono infatti sia i nomi norvegesi da ricordare, sia i salti temporali che caratterizzano la trama.
L’ indagine ambientata nel presente è accompagnata da numerosi flashback che hanno per protagonisti cinque giovani soldati norvegesi impegnati a combattere a fianco dell’ esercito tedesco durante la Seconda Guerra Mondiale. Giovani con grandi conflitti interni, spinti da ideali di giustizia e di sfiducia nei confronti di un governo arrendevole costretto a rifugiarsi a Londra durante l’ occupazione straniera.

Gli ingredienti miscelati da Nesbo sono tanti, forse troppi. La guerra, il neonazismo, la politica, il traffico d’ armi.
L’ autore è abile tanto nella gestione dei personaggi, nella loro evoluzione e negli efficaci cambiamenti cronologici, quanto nella scelta, azzeccata, di rinunciare alla classica dicotomia bene-male pronta a prendere il sopravvento ogni volta che si parla di un tema spinoso come il conflitto mondiale.

La verità storica non è un parametro necessario per la riuscita di un thriller, ma “ Il pettirosso “ ha il pregio di incuriosire il lettore sul ruolo che la Norvegia ha avuto nel conflitto, sul tema delle successive epurazioni ed esecuzioni, sul fatto che gli alti vertici di una nazione abbiano il potere di diffondere una precisa parte del vissuto storico idonea a creare un certo tipo di ricordi passati, un certo tipo di identità future.

E poi c’ è lui, Harry Hole. Solitario, testardo, ombroso, intuitivo, con una forte tendenza a ricadere nei fantasmi della depressione e dell’ alcolismo. Non sono forse caratteristiche riscontrate in molti altri protagonisti di romanzi polizieschi ? Si, ma Hole è diverso. Il carisma, l’ integrità morale, la bravura dello scrittore nell’ inserire poche ma incisive scene emotive, le stesse numerose debolezze caratteriali che tutti riscontriamo in noi stessi, spiegano il meritato successo ed i milioni di copie vendute.

“ Il novanta per cento dei pettirossi migra verso sud, alcuni si affidano alla sorte e rimangono qui. Sperano che l’ inverno sia mite, per scegliersi i luoghi migliori per la nidificazione prima che gli altri ritornino. Può andare bene, ma se sbagliano muoiono. Questo è un rischio calcolato. Se decidi di rischiare può darsi che una notte tu cada da un ramo congelato e non ti scongeli prima della primavera. Se sei un vigliacco può darsi che al ritorno tu non riesca ad accoppiarti. Sono gli eterni problemi che affrontiamo nella vita “.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri