Dettagli Recensione

 
Il regno delle ombre
 
Il regno delle ombre 2020-03-16 18:24:14 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    16 Marzo, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il commissario Armand Gamache

Torna Armand Gamache, commissario, ne Il regno delle ombre di Louise Penny. Un libro accattivante, che si legge con frenesia e crescente curiosità.
Siamo nel Quebec, Canada, sotto una fitta nevicata e un paesaggio fiabesco, quando Armand Gamache, una sua amica libraia, e un giovane ragazzo di nome Benedict vengono riuniti al cospetto di un notaio. La curiosità è tanta e anche il luogo in cui avviene l’incontro non può che stupire. Si tratta, infatti, di una vecchia fattoria fatiscente e alquanto sinistra, anche poco sicura da uno stretto punto di vista strutturale. Ma chi li ha convocati lì e per quale motivo oscuro? La risposta è semplice: sono stati tutti nominati esecutori testamentari da una sconosciuta donna, detta la Baronessa, per cui dovrebbero occuparsi dei suoi beni materiali: un castello in Svizzera, un appartamento a Vienna e altro. Ma sembra di essere finiti in una commedia degli equivoci perché la suddetta non è mai stata ricca né tantomeno proprietaria di tali immobili. E allora qual è la verità? Poco dopo il figlio maggiore, quello che sulla carta eredita il fantomatico “titolo” , Anthony , viene trovato morto nella stessa dimora, orribilmente ucciso. Non si può che ricostruire la vita di tali bizzarri personaggi alla ricerca di una verità che non può che sorprendere.
Nel frattempo il commissario deve anche occuparsi della sparizione di un ingente carico di droga che a lui è sfuggito per un tragico caso del destino. Ritrovarlo prima che la droga venga diffusa e provochi morti è per il nostro protagonista ormai un caso d’onore.
Un bel giallo con protagonista assoluto il commissario Armand, un ometto che ricorda nella caratterizzazione Hercule Poirot, un padre e un uomo esemplare, un ottimo marito, un investigatore riflessivo e deduttivo che concede sempre e a tutti un’altra possibilità di redenzione. Una storia oscura e mistica, molto attraente che trasporta
“nel cuore dell’inverno canadese”,
con perizia e metodo. Una lettura affascinante, che risponde bene alle caratteristiche di genere, con una prosa molto descrittiva e a tratti un po’ prolissa, ma sempre incantevole. Un giallo intricato, che segue i canoni classici dell’investigazione con fascino e charme particolare. Una lettura molto consigliata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232