Dettagli Recensione

 
La foresta del male
 
La foresta del male 2023-02-13 18:19:02 cesare giardini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    13 Febbraio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una foresta maledetta.










E’ una delle ultime avventure di Mike Bennett, il poliziotto di New York già protagonista di una quindicina di gialli: chi lo segue sa che è vedovo, padre di una numerosa figliolanza e nipote di un anziano pastore di una chiesa locale. Si batte contro gli spacciatori che infestano la città, ha un figlio minorenne che si droga e, nell’indagine per scoprire i fornitori di droghe, ne uccide uno. Il figlio va in galera, colpevole di spaccio, gettando nella disperazione la famiglia e il nonno, appena ripresosi da un infarto. Queste vicende occupano quasi metà del romanzo: stanco e sfiduciato, Mike propone un periodo di vacanza alla famiglia, affittando una villa nel Maine, isolata ai margini di una foresta e sulle rive di un lago.
La vacanza si trasforma in un incubo: lo spaccio prospera anche nella cittadina più vicina, dove lavora una vecchia collega di Mike, e la scomparsa di due giovani induce i due poliziotti ad indagare, scoprendo nella foresta sepolture di individui morti per abuso di droghe o fatti fuori per regolamento di conti tra spacciatori. Il boss dello spaccio, temuto e protetto, viene alla fine individuato e arrestato, grazie anche alla collaborazione di una giovane solitaria e stravagante, cresciuta in un ambiente malsano ma ansiosa di redimersi.
E’ la traccia di un giallo ovviamente più complesso ma prevedibile in tutti i suoi momenti e abbastanza banale. Lo stile è essenziale, senza particolari approfondimenti, a parte l’ovvia condanna dello spaccio come vera piaga diffusa della società a tutti i livelli, le ripetute preghiere pre e postprandiali del vecchio nonno e la strana condanna del vegetarianismo (“Grazie al cielo, non siamo vegetariani e mangiamo carne a mezzogiorno e sera”).
Detto ciò, il giallo è l’ennesima produzione di un “brand” ormai funzionante a meraviglia: romanzi a palate, centinaia di milioni di copie vendute, uno staff editoriale ben oliato, uno stuolo di collaboratori e di coautori che, dal 2002, scrivono per l’autore: sembra infatti che da tale data solo il 20% dei romanzi sia opera esclusiva di Patterson, diventato ormai soprattutto amministratore del suo marchio.
Un romanzo pieno di buoni sentimenti ma privo di ambizioni letterarie. Premio i buoni sentimenti, con un bel 3 complessivo.










Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi dell'autore.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Mio marito
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro