Dettagli Recensione

 
Holly
 
Holly 2023-09-22 10:47:52 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    22 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

QUESTIONE DI FEGATO

Ha appena compiuto 76 anni, scrive da una vita, ha all’attivo circa 80 romanzi ed un numero spropositato di altri scritti, lavora tuttora sei ore al giorno tutti i giorni eccetto che a Natale ed il giorno del suo compleanno, e quando non scrive, legge.
Non i suoi libri, quelli dei colleghi, e li legge puntualmente con umiltà e passione.
È il Re di nome e di fatto, è Stephen King: scordatevi qualsiasi etichetta che hanno voluto affibiargli a forza.
Lui è semplicemente un narratore, un bravissimo affabulatore dalla fantasia fervida e affascinante, ed in più, sa esteriorizzare perfettamente quanto inventa, nero su bianco.
“Holly” è il suo ultimo romanzo.
Di cosa parla?
Oh…potremmo dire, certo, che è un mystery, anche seriale, la storia di una detective, già presente in alcuni romanzi precedenti, che indaga stavolta su un serial killer.
Può essere anche questo, perché no: tuttavia, non è un giallo qualsiasi, è un romanzo di Stephen King. Una bella storia, scritta ancora meglio, un libro corposo, di spessore, di contenuto delizioso, una buona lettura che merita e ripaga il lettore del tempo e dell’attenzione che gli dedica.
La protagonista Holly Gibney è agli antipodi di qualsiasi poliziotto o investigatore di cui abbiate letto, direste piuttosto che è una sfigata, vittima di una madre ansiosa e soffocante, oppressiva ed egoista, e quindi ha dei grossi problemi di interazione sociale e di identità personale.
Un protagonista insulsa e banale, forse, ma quanto di più comune e intrinsecamente reale si possa incontrare nella vita di ogni giorno.
Una giovane donna che incontra, e si scontra, con il reale; il vero, il comune, il quotidiano, spesso celato sotto una patina insulsa, una pseudo normalità che supera sempre qualsiasi fantasia, ti spiazza ogni volta lasciandoti sgomento, e ogni volta finisci per assuefarti fino alla successiva, perché la realtà sa essere atroce e mai inverosimile, ed è assai più seria e facile ad incontrarsi di quanto si creda.
Come il Covid, per esempio. O gli attentati, gli assalti al Campidoglio, le guerre…chi lo avrebbe mai detto prima che avvenissero? Magari nell’immaginario collettivo faceva più paura essere vittima di un cannibale come il dottor Lecter, no? Quello che adorava il fegato alla veneziana, ricordate?
Serve fegato per scrivere di quelle cose, ma Stephen King non ne scrive, sarebbe troppo banale, fa di più, fa quello che gli riesce meglio. Il Re fa altro nei suoi libri: compara.
Mette a confronto la realtà e la fantasia.
Confronta un orrore reale quale può essere la pedofilia, il bullismo, l’incesto, la guerra, tutti i guasti troppo spesso celati dall’ipocrisia e dal perbenismo della società americana, con gli horror stereotipati quali il vampiro, il mostro informe che vive nelle fogne e si cela dietro le sembianze di un pagliaccio, un demone in grado di possedere uomini e macchine.
Cosa pensate sia peggio? Stephen King lo chiede sempre, infine, al suo fedele lettore.
Anche “Holly” non fa eccezione: più che altro, è l’accorta, incisiva, dettagliata descrizione di certa America trumpiana. Falsa, bugiarda, ingannevole, illusoria…e pericolosa.
Dove, sotto uno strato di cultura, di pacata e illuminata saggezza, di professionalità, di tolleranza e apertura mentale nei confronti del prossimo, si cela invece il disprezzo per i diversi, i poveri, i non allineati, gli invertiti, al punto da definire ancora dentro di sé gli omosessuali con il termine di “maricon”, l’equivalente di froci o ricchioni, definizione politicamente scorretta, e di cui con ipocrisia e falsità si disapprova pubblicamente l’uso con toni sdegnati.
Il tutto in circa 500 pagine, nessuna delle quali appare superflua, ognuna redatta con cura e attenzione, soprattutto con rispetto ed amore per chi lo legge.
Questo amore, ricambiato, è alla base del suo successo: King gode dello stesso carisma del sovrano amato dai suoi sudditi perché il suo operato è volto, prima di ogni altra cosa, al benessere del suo popolo. Per questo è il Re, il più grande, l’unico, il migliore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stephen King
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

La tua bella recensione, Bruno, mi ha fatto ricordare di non aver mai letto il famoso autore : prima perché pensavo fosse un fenomeno puramente commerciale; successivamente per una specie di timore, considerato il taglio delle sue opere. E non saprei neppure da quale libro cominciare.
In risposta ad un precedente commento
Bruno Izzo
22 Settembre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Buondì, Emilio! Se posso permettermi, attacca con "It", oppure " L'ombra dello Scorpione". Se magari preferisci i racconti, ecco "Stagioni diverse". Poi mi dirai! Cordialità!
lapis
24 Settembre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento che invoglia alla lettura!
Anch'io non ho mai letto King, anche se mi riprometto sempre di farlo. Ma sono un po' fifona :)
siti
25 Settembre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Che nostalgia, Bruno, ho letto King tra i 16 e 18 anni, quindi tutto ciò che era pubblicato entro il 1991, il resto della sua produzione non la conosco ma non stento a credere alla sua rinnovata bravura. Un genio, piuttosto mi chiedo se anche le opere del periodo da me letto avessero dei riferimenti alla società americana coeva perché all'epoca ero troppo giovincella per accorgermene.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
25 Settembre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie per i suggerimenti, Bruno.
In risposta ad un precedente commento
Bruno Izzo
01 Ottobre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie di cuore! Ti ripeto quanto già detto all'amico Emilio: se posso permettermi, attacca con "It", oppure " L'ombra dello Scorpione". Se magari preferisci i racconti, ecco "Stagioni diverse". Poi mi dirai! Cordialità!
In risposta ad un precedente commento
Bruno Izzo
01 Ottobre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
A mio modesto parere, Stephen King è, tra le altre cose, un acuto e curioso osservatore, si incanta con facilità di tutto quanto lo circonda, e in cui vive, letteralmente si immerge nella realtà di cui scrive, e che riporta fedelmente. Per cui si, sempre King fa espresso riferimento, neanche larvato, alla società americana del suo tempo. Ha un debole dichiarato per gli anni kennedyani, per esempio, è una sfiducia totale in Trump e nei repubblicani. Cordialità, eterna giovincella!
In risposta ad un precedente commento
Bruno Izzo
01 Ottobre, 2023
Segnala questo commento ad un moderatore
Dovere, ragazzo mio! Un caro saluto!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sepolcro in agguato
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Perché hai paura
Poirot e i quattro
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy