Dettagli Recensione

 
Oriente e Occidente
 
Oriente e Occidente 2021-01-01 10:47:45 archeomari
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    01 Gennaio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Loro” e noi

L’ultimo lavoro del Rampini, nomade globale, giornalista eclettico, lettore instancabile è stato pubblicato quest’anno: al chiuso delle pareti di casa sua a New York causa covid19, l’autore ha dato sfogo ad un torrente di informazioni, pensieri, appunti, considerazioni frutto del suo lavoro e del suo trentennale “saccheggio” di biblioteche sparse per il mondo.
L’autore tiene a precisare che non si tratta di un libro di geopolitica, anche se l’attualità fa capolino nell’ultima parte del libro, ma di un libro di storia.
Per un cosmopolita come lui, l’Oriente è fatto di tante cose e non è molto lontano: da 11 anni vive a New York, ma 20 anni fa viveva a S.Francisco, città proiettata verso l’Asia, e inoltre ha vissuto 5 anni a Pechino.
Il nocciolo del libro, il confronto tra Occidente ed Oriente, ci accompagna, ci insegue, ci ossessiona da 2500 anni! Sì, perché 2500 anni fa comincia la civiltà orientale, coi due giganti del pensiero, Confucio e Buddha, una sorta di scienziato della politica il primo, e fondatore di una “religione atea” (così Papa Wojtyla definì con sospetto il buddismo) il secondo. Neppure 2500 anni fa l’Oriente era così lontano, tant’è che il confucianesimo arrivò fino alle coste siriane, come dire, alle porte di casa nostra, e nella filosofia greca c’è un innegabile influsso confuciano.
Furono proprio i Greci i primi a impostare l’idea della storia umana basata sulla contrapposizione Oriente/Occidente, infatti l’opera del Rampini comincia con Erodoto che racconta le guerre persiane e la tragedia di Eschilo, “I Persiani”. I conflitti vengono presentati come guerre di liberazione e lo storico greco ce le descrive proponendo un archetipo che non ci ha più abbandonato. Da un lato un Impero sterminato, con un imperatore dalle prerogative divine, e poi i Greci che sono numericamente inferiori.
In Asia il regno della massa, di qua da noi, il mondo dell’individualità.
Il concetto del dispotismo orientale (ammirato dagli illuministi del Settecento, utilizzato nell’Ottocento anche da Karl Marx ) è la base di questo scontro di civiltà.
Tuttavia il Rampini, ci tiene a sottolineare più volte, onde evitare inutili e dannose semplificazioni, che il bipolarismo Oriente/Occidente è forzato, perché bisogna tener conto che la parola Oriente (ma lo stesso discorso si applica anche al concetto di Occidente) racchiude realtà “di mezzo” diverse, come Iran, Iraq, Turchia, ad esempio. In questo bipolarismo inventato dal pensiero greco, c’è di fondo un atteggiamento di arrogante superiorità, ma, in realtà, quando nasce Roma, la civiltà cinese ha almeno duemila anni di storia! Quando Marco Polo fece il viaggio Cina, rimase sbalordito di fronte ad una civiltà così avanzata, e Il Milione ebbe conseguenze importantissime, lo stesso Colombo non avrebbe viaggiato per scoprire le Indie occidentali se non avesse letto quel libro. Marco Polo racconta ai suoi contemporanei di una Cina troppo più grande dell’Europa, molto più avanzata, scientificamente, tecnologicamente, e molti sono stati gli esploratori che hanno seguito le orme del commerciante veneto per confermare quanto raccontato da lui, perchè al momento del ritorno in Italia non era stato creduto.

Nella trattazione il Rampini non tralascia talune realtà storiche, come le migrazioni, che sono sempre state da est verso ovest, più raramente il contrario, ma, quando ciò è avvenuto, in quel caso si è trattato di colonialismo, e non è un dettaglio, non è un episodio marginale. Ad un certo punto della storia, abbiamo una rottura tra i punti di forza, improvvisamente tutto si ribalta...sul finire dell’Ottocento il nostro complesso di inferiorità non esiste più, e andiamo alla conquista dell’Oriente.
Interessante anche la parte del libro dedicato al progressivo, inesorabile processo di Occidentalizzazione degli Asiatici. Lo shock delle molteplici sconfitte militari, in campo coloniale, ad esempio le guerre dell’oppio, spingerà i capi politici di Cina, Giappone (“restaurazione Meiji”) a seguire il modello di industrializzazione, di finanza, di tecnologia occidentali.
Un libro che è un viaggio trasversale che tocca tantissime ed affascinanti tematiche, dalla sessualità ed erotismo orientale e dal ruolo della donna, allo yoga - praticato dall’autore dall’età di quindici anni -alla cerimonia del tè. Ho imparato tante cose, ho dato nuova dimensione a conoscenze che già avevo.
Il pregio del libro è anche la grande capacità di sintesi del Rampini che in poche pagine racconta un intero secolo di storia riuscendo comunque a collegare vari fatti politici ad eventi culturali importanti, perché anche la cultura fa parte della storia che ci insegna che non abbiamo un solo Occidente (America, Europa) e neppure un solo Oriente (il regime cinese di XI Jimping,). Interessante l’ultimo capitolo in cui si tratta del ruolo della pandemia anche in questo rapporto Oriente -Occidente.
Lo consiglio a tutti per il linguaggio accessibile, inoltre il ricco apparato bibliografico è una miniera di idee e di spunti di lettura nuovi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Se amate invece approfondire aspetti geopolitici della nostra attualità vi consiglio le ultime riviste di Limes, fondata e diretta da Lucio Caracciolo, in particolare “Occidenti contro”, disponibile adesso solo in digitale.
Gli altri libri del Rampini, ma non saprei quale consigliarvi, questo è il primo libro del giornalista che ho letto.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Marianna, complimenti per la scelta del libro e per l'ottima recensione.

Dopo la generazione (probabilmente irripetibile) dei vari Montanelli, Bocca, Biagi, Fallaci, il giornalismo italiano non sta attraversando un grande periodo, per usare un eufemismo.
Tra le voci attuali, la mia preferita è proprio quella di Rampini.
Indipendentemente dalle idee politiche che, come qualsiasi altra ideologia, possono essere condivisibili o meno, ritengo che sia un personaggio dotato di grande cultura geografica, sociologica, letteraria, economica, in virtù di una vasta ed invidiabile esperienza internazionale.
Il suo è un giornalismo "colto", di ottimo livello.
Ho molti dei suoi recenti libri, e leggerli è garanzia di arricchimento personale.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
03 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Iacopo, grazie mille a te! Concordo con te sul Rampini e sul giornalismo contemporaneo. Mi consigli qualche altro suo libro? Io avevo adocchiato "La seconda guerra fredda".... Buon anno!
In risposta ad un precedente commento
Vita93
03 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Tra i più recenti segnalo "Le linee rosse", "Quando inizia la nostra storia", "La notte della sinistra", "La seconda guerra fredda" e "I cantieri della storia".
Alcuni hanno un'impronta maggiormente politica ed economica, altri vertono principalmente su geografia e storia. Ma, come ben sai, sono tutti argomenti sempre presenti nelle opere di Rampini.

Auguro anche a te un anno felice e pieno di buone letture!!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
07 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Iacopo!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Complici e colpevoli
Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria