Dettagli Recensione

 
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
 
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2011-12-30 16:53:31 BellaDentro
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
BellaDentro Opinione inserita da BellaDentro    30 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che potere enorme che ha la pubblicità!

Ho sempre amato le commedie nere, quelle con una sana dose di cinismo, che fanno riflettere e al tempo stesso divertono. Quando ho letto la trama delle avventure di Allan Karlsson, il vecchietto che il giorno del suo centesimo compleanno decide che è arrivato il momento di scappare dalla casa di riposo perchè, come dice lui stesso, "ha deciso che morirà da qualche altra parte", mi sono lasciata subito ammaliare dalla storia che prometteva bene; l'inizio infatti non è male, ti incuriosisce e ti spinge ad andare avanti, ma, ahimè, ben presto ti rendi conto che quella che hai davanti è l'ennesima storia inconcludente e strampalata che ha avuto un enorme successo probabilmente solo grazie al passaparola e a qualche abile operazione di marketing.
L'autore cerca evidentemente, e in ogni modo possibile, di rendere simpatico il protagonista, ma, almeno con me, non ci riesce affatto; Allan non è per nulla simpatico, è un cinico ubriacone voltagabbana appassionato di esplosivi, anzi probabilmente il migliore esperto di esplosivi che la Svezia e il mondo intero abbiano mai avuto; è un tipo che riesce a progettare un'arma micidiale come la bomba atomica con la stessa naturalezza con cui si cambia i calzini, basta che gli venga offerta dell'acquavite ed è pronto a fare qualsiasi cosa.
Durante la sua lunga vita conosce e collabora con alcuni fra i dittatori più famosi, uccide più o meno consapevolmente molte persone ( molti di questi dei criminali, è vero, ma non per questo il senso di irritazione verso questo personaggio diminuisce durante la lettura ), viene perfino internato in manicomio per avere ucciso accidentalmente il vicino mentre giocava con i suoi esplosivi nel retro della sua casa; ma nonostante ciò rimane serafico e imperturbabile tanto da indurre a chiedersi se non sia veramente pazzo. Ho letto che molti lo hanno paragonato a Forrest Gump ma io non sono del tutto d'accordo, Forrest era profondamente ingenuo e tenero, due aggettivi che non associeresti mai ad Allan Karlsson.
Il libro è troppo lungo, le avventure di Allan spesso ripetute ( cambiano i dittatori che lo ingaggiano e i paesaggi, ma l’intreccio resta uguale ), e sinceramente non mi ha fatto ridere a crepapelle come ho letto da più parti, mi ha solo strappato qualche sorriso. Lo consiglio solo a chi cerca una storia leggera leggera senza alcuna pretesa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
125
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.


30 Dicembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Uffa l'avevo sopravvalutato allora?! Mi state smontando con le ultime rece! :D Era nella mia lista.. che dici lo tolgo allora? :(
Ti capita mai di leggere un libro e avere la sensazione, anzi la sgradevole consapevolezza, che quella storia ti lascerà ben poco dentro? Ecco, con questo libro ho provato esattamente questo. E anch'io l'avevo sopravvalutato. Non te lo consiglio.

30 Dicembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
ok grazie :( un bacio!
In risposta ad un precedente commento
BellaDentro
31 Dicembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Di niente ;)
Me lo aveva consigliato una persona,dopo aver letto quest'ottima e chiara recensione ho deciso di lasciar perdere,a dire la verità ho sempre "odiato" questo libro quando lo vedevo nelle vetrine,si vede da 1000000000 miglia che è tutto fumo e niente arrosto
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
Seni e uova
Abbacinante. Il corpo
Quando la nostra terra toccava il cielo. Una saga tibetana