Dettagli Recensione

 
La trama del matrimonio
 
La trama del matrimonio 2012-09-17 10:12:03 Viola03
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Viola03 Opinione inserita da Viola03    17 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"La (inconsistente) trama del matrimonio"

Una copertina attraente, una presentazione invitante, un autore che già ti ha lasciato un’impressione più che positiva. Questo romanzo aveva tutto e dico tutto, per farmi credere di essere uno di quelli che mi avrebbe inchiodata sul divano a leggerlo per ore.
E per ore mi ha sì intrappolata, pure per un mese buono potrei dire, di noia però, perché dopo due pagine avevo già voglia di chiuderlo. La lettura si è trascinata così a lungo che stavo meditando di trasformarlo in un reggi porta, o in un simpatico soprammobile o, soluzione più drastica, farlo volare giù dal balcone.
Perché “La trama del matrimonio” non è assolutamente il libro che mi aspettavo, né uno che volessi leggere.

Le premesse sono molto buone.
Anni ’80, America. Ci sono tre ragazzi appena diplomati che si affacciano al futuro.
Madeleine è di buona famiglia, una ragazza moderna ma comunque legata alle formalità impartitele sin dall’infanzia. Controcorrente rispetto all’epoca, ama autrici dell’ ‘800 e la sua tesina, che tratta proprio quel periodo, si intitola “La trama del matrimonio”.
Leonard, che proviene da un contesto familiare turbolento, è dolce e brillante, alto e affascinante, ma soffre di un disturbo maniaco-depressivo che dopo parentesi di normalità, lo fiacca e lo abbatte.
C’è infine Mitchell, appassionato di religioni, timido e poco appariscente.
Cosa unisce i tre?
Ovviamente un triangolo amoroso. Madeleine si innamora e si fidanza con Leonard - Mitchell si convince che Madeleine sia la donna che sposerà – Madeleine e Mitchell sono “forse amici-forse possibili amanti-ma senza concludere”.

A questo punto ci si aspetta che lo svolgimento sia una moderna versione dei romanzi del ‘800, dove tutta la storia era incentrata sul matrimonio, dal corteggiamento, agli equivoci fino alla realizzazione.
Forse l’intento di Eugenides era proprio questo, ma credo che si sia perso per strada.
Innanzitutto troppa carne al fuoco, troppe citazioni, troppi spunti che non portano a niente.
Perché dedicare tante pagine alla semiotica, per poi abbandonarla all’improvviso senza che abbia portato contributi evidenti alla storia?
Perché decidere di scrivere di un triangolo amoroso, peccando assolutamente in passione e amore e mettendo come collante, giusto qualche scena di sesso qua e là?
Perché non approfondire meglio i personaggi, a cui si rimane indifferenti, che non coinvolgono mai fino in fondo nelle loro vicende, paure e sofferenze?
Perché non sviluppare una trama coerente all’intento e imbastire invece un polpettone sfilacciato che imbocca solo vicoli ciechi?

Unica nota positiva allo stile, che tranne nella prima parte dove Jeffrey si è dilungato in digressioni noiose, inutili e col solo risultato di rallentare la lettura, è piacevole, colto, intriso di riferimenti ad altri testi.
Stile nel complesso sprecato però, perché è la sostanza che manca, è lo sviluppo dei personaggi che pecca, il coinvolgimento emotivo è nullo, puramente cerebrale … e neanche tanto visto il forte desiderio di “uccidere” il libro defenestrandolo.

Non posso consigliarlo, se non per la sua piuttosto consistente mole che può risultare utile a tante altre occupazioni che non siano la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

EvaBlu
17 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi hai fatto veramente sorridere :))
In risposta ad un precedente commento
Viola03
17 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Il libro sorride meno invece!Si è arrabbiato di essere stato trasformato in "Sostegno per pianta in terrazza"!Chissà come mai! ;))))))))))))))))

18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
anch'io ho iniziato a leggere questo romanzo con le migliori intenzioni ma, pur non avendomi totalmente annoiato, l'ho portato avanti senza entusiasmo e sempre con la sensazione che mancasse quanche cosa.
In sinstesi direi che è un libro che non aggiunge nulla; molto meglio leggersi un qualunque romanzo inglese dell'-800
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
La doppia vita del giudice Savage
Figli, figlie