Dettagli Recensione

 
La strada celeste
 
La strada celeste 2013-03-27 13:13:15 C.U.B.
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    27 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sul tetto del mondo

Per la maggior parte di noi l’idea di vedere il caro corpo di un congiunto defunto fatto a pezzi e sulle note dei sermoni di preghiera dato in pasto agli avvoltoi , sembrera’ senz’altro un atto barbaro, mostruoso.
Ma talmente tante e differenti sono le tradizioni dei popoli, che prima di gridare all’orrore, bisognerebbe almeno provare a capire. Non possiamo farlo qui, dobbiamo percorrere migliaia di chilometri e giungere infine lassu’, sul tetto del mondo, tra le valli e le montagne del Tibet, silenzio e spiritualita’ che intridono ogni particella d’aria. Dove acqua , cielo e terra sono elementi della vita e della morte stessa. Dove in sintonia con la natura, l’uomo lascia la Terra seguendo la strada celeste, per divenire aria attraverso il becco appuntito degli uccelli sacri.

Xinran Xue in questo romanzo racconta un episodio che negli anni Sessanta sconvolse la Cina, quando il cadavere di un giovane medico cinese in servizio in Tibet durante il conflitto venne dato in pasto ai rapaci secondo un antico rito.
L’autrice, giornalista, nel 1994 per un caso fortuito incontro’ Shu Wen, moglie di quel medico morto in Tibet tanti anni prima , la quale rilascio’ un’intervista da cui nacque questo libro, dove si narra la coraggiosa storia di Wen che dopo solo cento giorni di matrimonio e anni ad aspettare il ritorno dello sposo partito volontario, decise con la forza dell’amore e della disperazione di raggiungere il Tibet per ritrovarlo.

Molto bella la trama , sia per quanto riguarda la storia d’amore tra Wen e lo sposo Kejun, sia per quanto riguarda la caratterizzazione di altri personaggi . Interessante e ben descritto l’ambiente tibetano che avremo modo di seguire sulle orme di una piccola comunita’ nomade ed autosufficiente, esplorando spazi aperti meravigliosi e tradizioni arcaiche e affascinanti.

Una nota di demerito all’autrice, per due motivi : uno la penna e’ elementare, piatta, per nulla emozionante e priva di personalita’ benche’ la trama sia molto forte e appassionante.
Ben piu’ grave - io capisco il nazionalismo, capisco pure che Xinran sia cinese ed in certi regimi sia meglio assecondare il sistema piuttosto che essere censurati, pero’ pero’ pero’…- e’ la totale mancanza di buonsenso storico. Dal suo scritto pare infatti che l’invasione del Tibet da parte dei cinesi non fosse altro che un’azione di pace di un gruppetto di missionari in assetto di guerra , che volevano semplicemente portare nuove conoscenze al popolo tibetano ed i morti ammazzati in questo testo sono solo cinesi… Mi sembra le cose siano in realta’ andate ben diversamente.

Quindi bella la storia, interessante la localizzazione e la panoramica sulle tradizioni lassu’, sul tetto del mondo ma con molte riserve sulla scrittrice, da parte mia.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Applausi!!! Bellissima recensione! ;)
In risposta ad un precedente commento
petra
27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Davvero, recensione molto accurata e interessante,una cultura sicuramente diversa e da scoprire. Grazie:)!

27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho visto tempo fà in un documentario che in Indonesia c'è una popolazione che ogni 5 /6 anni riesuma i congiunti morti e ci pranzano assieme...hai presente cenare con una mummia????
Sì, Cub, ma anche lo stile ha la sua importanza. Una penna elementare certo non invoglia alla lettura...
In risposta ad un precedente commento
SARY
27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Marcello: stai scherzando? è una battuta??
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Anch'io ho sentito qualcosa del genere, succede circa ogni quattro anni. Ma non è che ci pranzano insieme, semplicemente ballano dopo averli riesumati. Brrr...

27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
si si, sul serio, non ricordo i particolari, solo che i cari estinti avevano proprio una bella cera, li lavavano,vestivano ,profumavano, proprio un bel quadretto....
In risposta ad un precedente commento
SARY
27 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
ma è un film dell'orrore???????????!!!!!!!!!!!!!!!!!! Il senso di questo?
Ma che orrore la storia dei defunti riesumati.... con tanto di cena e balli....
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
28 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Paese che vai rito funebre che trovi...
:-)
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
Figli, figlie
Seni e uova