Dettagli Recensione

 
Niente di nuovo sul fronte occidentale
 
Niente di nuovo sul fronte occidentale 2013-08-30 11:53:11 Cristina72
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    30 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Perdonami, compagno..."

Questo non è un libro sulla guerra ma sulla pace, parla soprattutto di morte ma è un inno disperato alla vita.
Accostarsi alle sue pagine non è facile, è come essere costretti ad assistere ad un tragico spettacolo da cui si vorrebbe distogliere lo sguardo: cadaveri smembrati, continue esplosioni, sangue, urla e un unico, fondamentale conforto: lo spirito di fratellanza che si viene a creare tra commilitoni.
E poi, il caso che ti salva o ti fa soccombere, una manciata di secondi che fanno la differenza tra la vita e la morte, quell'impulso primordiale che spinge a correre verso una possibile salvezza perfino con le gambe spezzate. Ma la cosa peggiore è la ragione che vacilla insieme al corpo, la speranza che si spegne, il massacro dell'anima.
E' la Prima Guerra Mondiale, guerra di logoramento combattuta in trincea che falciò giovani vite strappandole dai banchi di scuola.
Ecco cosa hanno fatto - si insiste amaramente nel corso della narrazione - quelli che parlavano di eroismo e gioventù di ferro: “La nostra gioventù se n'è andata da un pezzo. Noi siamo gente vecchia”.
Vecchia e disillusa, perché guardare negli occhi il proprio nemico e capire che è un essere umano come te un attimo prima di ucciderlo è qualcosa che non ha niente a che fare con l'eroismo: “Perdonami, compagno, come potevi tu essere mio nemico?”.
Sono pagine di grande intensità quelle dedicate all'incontro ravvicinato tra il protagonista, tedesco, e un francese delle truppe avversarie, ferito a morte dalle sue coltellate.
Ore passate insieme in una buca mentre fuori infuria il combattimento, la lenta e dolorosa agonia di un uomo che il suo uccisore tenta invano di soccorrere: “Prenditi venti anni della mia vita, compagno, e alzati; prendine di più, perché io non so che cosa ne potrò mai fare”.
Pensieri indegni di un soldato e su cui è meglio non soffermarsi troppo, se si vuole sopravvivere. Ciò che conta è tornare a casa dai propri cari, a casa, dove ancora non sanno che dal fronte nessun ragazzo uscirà più veramente vivo: “Oh mamma mamma! Perché non posso prenderti nelle mie braccia, e morire insieme? Poveri disperati che siamo!”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

La tua recensione è profonda e molto discreta, sei molto rispettosa verso il dolore. Brava!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
31 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Kairos, sempre gentile!
davvero bella e commuovente la tua recensione,
il libro deve averti trasmesso verosimilmente gli stati d'animo dei soldati.
poveri, chissà quanto hanno sofferto.....chissà se per chi è sopravvissuto, la vita è stata
di nuovo vita, o solo sopravvivenza.
bravissima cristina
ciao paola
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
01 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
In effetti è un libro molto toccante, e lo scrittore ha avuto il coraggio di dire pane al pane, al di là del concetto di eroismo tanto osannato. Grazie Paola :-)
siti
18 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Cerco un libro per curiosità personale e la tua recensione me ne regala un bellissimo e delicato compendio che mi spinge a leggerlo subito. Brava!!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
18 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura, anche per avermi ricordato questo romanzo struggente. Io l'ho scoperto su questo sito, ricordo. Credo sia perfetto da leggere sotto Natale. Ciao!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa