Dettagli Recensione

 
Marina
 
Marina 2013-09-24 03:20:14 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nei penetrali di Barcellona

Leggendo questo romanzo, ho avuto conferma di come una città possa essere vissuta in senso soggettivo da chi vi abita o da chi la visita.
Così Barcellona – che per alcuni è la città d’arte del modernismo catalano di Gaudì, per altri è il fulcro della mediterraneità più solare, per altri ancora è centro culturale di incontro e di divertimento (anche calcistico e sportivo!) – per Carlos Ruiz Zafon è un dedalo intricato, misterioso e sorprendente, che nasconde nelle proprie viscere una realtà sommersa che si rivela lentamente se qualcuno vi scava (in senso narrativo più che archeologico).
Il compito di disvelare il fantasioso inconscio di Barcellona viene affidato in questo romanzo a Oscar che, a distanza di anni, racconta una straordinaria vicenda:
"Non sapevo ancora che, prima o poi, l'oceano del tempo ci restituisce i ricordi che vi seppelliamo. Quindici anni più tardi, mi è tornato alla mente quel giorno. Ho visto quel ragazzo girovagare nella bruma della stazione Francia e il nome di Marina si è infiammato di nuovo come una ferita recente.”

I fatti evocati, sospesi tra sogno e realtà, oscillano tra romanticismo gotico e horror e si riferiscono al periodo che va dal settembre 1979 al maggio 1980: quando Oscar era studente quindicenne in un lugubre collegio, dal quale era solito evadere eludendo sorveglianza e regole, per la curiosità di esplorare angoli e interstizi della metropoli spagnola.
In una di queste fughe clandestine, Oscar si lascia ammaliare dalla musica di un grammofono. Ne segue le note e penetra in una casa sconosciuta, dalla quale trafuga la fonte del suono. Poi si pente e decide di tornare a restituire la refurtiva. In quest’occasione conosce l’evanescente Marina e suo padre Germàn Blau, un pittore perduto nel dolore per la morte dell’amatissima moglie. Oscar si sente irretito dal mistero che avvolge la realtà familiare di Marina: quelli che ha conosciuto sono fantasmi o persone reali? E se sono persone reali, da quali fantasmi del passato sono agitati? Di quali segreti inconfessabili sono i metafisici custodi?
“Tutti custodiamo un segreto chiuso a chiave nella soffitta dell'anima. Questo è il mio."
Addentrarsi nel mistero di Marina (“Non si capisce niente della vita finché non si comprende la morte...”) significa imbattersi in una donna velata di nero, che ogni giorno visita una tomba anonima nel cimitero di Sarría. E significa imbattersi in uno stuolo di esseri mostruosi, ibridi malformati, spaventosi nell’aspetto ma forse capaci di provare sentimenti.

E se il romanzo fosse tutto un’allegoria? E se dietro a una storia di fantasmi, di morti viventi e di vivi trasognati e letargici si nascondesse la pantomima del mistero esistenziale e del doloroso transito dall’adolescenza alla maturità? Io l’ho sospettato, ma non nascondo che può essere altrettanto divertente leggere il romanzo per quello che è nelle parvenze: un fantasy horror, gotico per le atmosfere e altrettanto gotico – non in senso tecnico - nella sua architettura, lambiccata e fiammeggiante come quella della Sagrada Familia …

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... opere horror o altre opere dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

C.U.B.
24 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento , Bruno. L'ho letto tanto tempo fa e ricordo poco, pero' era un po' troppo gotico per i miei gusti. Preferisco Zafon altrove.
Che bella recensione, Bruno! Ho amato questo libro così come tutte le opere di Zafón ma non l'avevo mai guardato da questa prospettiva; mi piace la tua ipotesi di pantomima dell'esistenza...potrebbe essere una nuova prospettiva critica....quindi reputi che l'autore sia di spessore o solo un abile costruttore di trame?
ho letto un solo Zafon, ma il tuo commento è tra i più esaustivi che ho letto finora!
ottimo Bruno
@ CUB, Little e Silvia: lo confesso, ho letto Zafon più per curiosità che per trasporto, non è tra i miei autori preferiti. E come vedete, l'ho interpretato un po' alla mia maniera. :-)

@ Marcella: forse sono un ingenuo, ma penso che dietro una buona architettura ci sia comunque un buon artista. Al di là dei miei gusti personali. Inoltre, sono sempre portato a chiedermi quali siano le ragioni di un successo editoriale massivo, piuttosto che storcere il naso come fanno molti... :-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
24 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Io ho letto il primo e mi è bastato, piacevole leggere della Barcellona secondo Elpis :)
Bravo bruno, bella la tua opinione.
al di là dell' ipotesi da te enunciata, a me zafon è piaciuto molto, nel senso che i suoi testi, sono avvincenti e appassionanti.
io non ho trovato significati profondi, ma lo rileggerei domani. aspettavo un suo cambiamento, nel genere,come anticipato dall'autore, ma non è avvenuto, forse questo mi ha un pò deluso. comunque marina è stato ugualmente piacevole. vero che il suo modo di descrivere barcellona è molto particolare, tu lo hai descritto davvero bene.
bravo bruno,
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
25 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
La penso come te ed infatti trovo Zafón una bella penna a prescindere dal caso editoriale....alla prox Bruno. :)
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232