Dettagli Recensione

 
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
 
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2014-07-07 06:20:12 Belmi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    07 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il centenario che amava l'acquavite

Ho iniziato a leggere questo libro perché incuriosita dall'uscita del film e come sempre faccio preferisco prima leggere il libro e poi vedere il film. Quindi quando ho cominciato a leggere il libro ero convinta di trovare la storia "ordinaria" e normale di un centenario; mi sono bastate poche pagine per ricredermi.

Il libro è diviso in due parti che si alternano: la prima narra l'avventura che il centenario Allan Karlsson vive dal momento in cui decide, il giorno del suo compleanno, di scappare dall'ospizio saltando la finestra; la seconda racconta la vita di Allan dalla nascita fino alla fine nell'ospizio.
Entrambe le storie si possono definire avventure; nel primo caso il nostro centenario decide di salire su un pulman per allontanarsi dalla detestabile infermiera Alice e pensa di "arricchire" la sua giornata rubando una valigia..che poi risulterà della banda Never Again che cercherà in tutti i modi di recuperarne il contenuto.
L'altra parte invece racconta la vita di Allan, un uomo che non voleva sentir parlare né di religione né di politica e che grazie alla sua esperienza con le bombe, la sua voglia instancabile di acquavite ed alle sue memorabili bugie vivrà un'avventura dopo l'altro che lo porteranno in giro per il mondo e gli permetteranno di conoscere personaggi illustri del Nocevento.

Divertente, imprevedibile, non potrete non simpatizzare per Allan, che con le sue idee e le sue irresistibili bugie vi conquisterà. Fra il reale e il "surreale" vi vedrete catapultati in giro per il mondo.
Jonas Jonasson scrive veramente bene, il libro scorre velocemente e le trame che riesce a far intrecciare in alcuni casi sono davvero geniali e divertenti.

Lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La verità sul caso Harry Quebert
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Seguo spesso le video recensioni di Pennylane su youtube.....la conosci? Lei ha parlato molto di questo romanzo e mi aveva incuriosita; dopo la tua recensione non posso che metterlo in wl. :)
In risposta ad un precedente commento
Belmi
08 Luglio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Non la conosco, ma grazie al tuo suggerimento non mancherò di cercarla..ti consiglio di leggerlo è davvero scritto bene e fuori dai soliti schemi. Fammi sapere se ti è piaciuto :-)
Brava bella recensione. Ho letto il libro e devo dire che è sicuramente insolito ma divertente.
Complimenti
Saluti
In risposta ad un precedente commento
Belmi
21 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Riccardo!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
Seni e uova
Abbacinante. Il corpo
Quando la nostra terra toccava il cielo. Una saga tibetana