Dettagli Recensione

 
L'amico immaginario
 
L'amico immaginario 2015-01-23 14:44:26 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    23 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La sfida di Max/Budo

Max è un bambino autistico, Budo è il suo migliore amico dall' incredibile particolarità. E' un amico immaginario, creato ad hoc per risolvere quelle situazioni terrorizzanti ed in apparenza impossibili da affrontare. Per Max infatti le criticità sono all'ordine del giorno: cibarsi solo in un certo modo, scegliere il colore di un t-shirt, andare in bagno a scuola, fare i conti con i soliti prepotenti, evitare di entrare in contatto con i compagni di classe: tutti momenti in cui Budo diventa elemento imprescindibile, tranquillizzante e protettivo.
Budo racconta in prima persona il rapporto esclusivo con il suo "creatore", narra della vita con il piccolo socio e allo stesso tempo riflette sulla sua particolare condizione e su quella di tanti altri amici immaginari, questi con le sembianze più disparate e con le caratteristiche più strambe, in quanto concepiti dalla fervida immaginazione dei bimbi.
Un brutto giorno Max scompare, è stato rapito da una maestra con il cuore pieno di dolore. L'unico a conoscere il colpevole può ben poco, deve risalire al luogo in cui Max è imprigionato e quindi provare a liberarlo, ma per un amico immaginario non è certo semplice. Questo per via dell'inesistente possibilità di interagire col mondo degli uomini, nessun essere umano può vederlo o sentirlo, inoltre non può toccare nessun oggetto.
La concatenazione di eventi è sempre molto ben calibrata tra azione ed intimismo, piace parecchio lo stile espositivo scelto da Matthew Dicks, la prosa elementare è quella appunto di un bambino, in quanto Budo è immagine riflessa di un alunno di prima elementare. Magari giusto un pelo più scafato in quanto di notte, siccome non necessitante di riposo, vaga per la città fermandosi in alcuni luoghi dall'umanità varia, come l'ospedale o la stazione di servizio. Qui apprende qualcosa sul mondo esterno e sugli adulti, pur restando un cucciolo spaventato soprattutto in lotta con se stesso, in quanto salvare Max potrebbe equivalere a scomparire.
Gli amici immaginari non sono per sempre, quando il loro "proprietario" cresce spariscono senza lasciare alcuna traccia. Budo ha paura di tante cose, per prima quella di finire in un limbo buio, ma coraggiosamente deciderà di aiutare Max al costo di immolarsi.
"L'amico immaginario" è un romanzo toccante e mai ricattatorio, il disagio non è mai utilizzato come facile escamotage per far scorrere le lacrime; è il rapporto tra i due protagonisti a commuovere, sono le riflessioni del protagonista a toccare il cuore, il tutto esposto con una visione ad altezza di bimbo seguendo la tipica innocenza fanciullesca e la purezza di spirito.
Non è un romanzo sull'autismo, è invece una riflessione sulla paura di crescere oltre che un'ode all'amicizia intesa nell'accezione più nobile possibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Molto bella la tua recensione.
siti
23 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Che bel commento per un libro che potrebbe proprio piacermi se poi è onesto come lo dipingi tu, ancora meglio.
Ciao Alessandro.
Trovo molto bello il tuo commento. In particolare mi è piaciuta la valutazione che fai nell'ultima parte: la vera letteratura non è la strumentalizzazione di un disagio.
In risposta ad un precedente commento
Donnie*Darko
23 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Sei sempre molto gentile, ti ringrazio di cuore :)
In risposta ad un precedente commento
Donnie*Darko
23 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura, penso possa piacerti molto. E' un romanzo onesto, molto onesto secondo me, e il fatto che l'abbia scritto un insegnante di scuola primaria aggiunge quel delicato e profondo quid che qualcun'altro probabilmente non avrebbe avuto
In risposta ad un precedente commento
Donnie*Darko
23 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, la storia è bella, però il romanzo è valido proprio per questo motivo. Anche quando vedo un film cerco sempre di capire quanto venga strumentalizzata la malattia o il disagio, in questo caso Max è descritto come un bimbo normalissimo, ha solo un problema che comunque non deve farlo apparire diverso agli occhi del mondo, perchè diverso non lo è. Ed infatti avrà modo di dimostrare quanto sia all'altezza di affrontare ciò che lo circonda come chiunque altro, ovviamente secondo i suoi tempi e le sue esigenze, ma il risultato finale sarà comunque esemplare :).
Riccardo76
24 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
24 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella recensione complimenti.
Dai proprio il senso di bellezza e profondità di questo romanzo.
Bello quello che scrivi sulla non strumentalizzazione del disagio, come lo definisci tu.
Non parli di malattia perché il libro non usa la malattia per colpire ma come pretesto per affrontare altre tematiche.
Interessante segnalazione, bella analisi.
Saluti
Riccardo
Questo libro mi aveva incuriosito, ora che ho letto la tua recensione sono doppiamente convinta, Lo leggerò! Grazie!
In risposta ad un precedente commento
Donnie*Darko
25 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Gentilissimo Riccardo, grazie. In realtà informandomi ho letto che l'autismo non è una malattia, bensì un disagio psichico, per questo motivo l'ho definito in tal modo, che tra l'altro trovo più che condivisibile. Mi piacciono molto le tue recensioni, colgo l'occasione per dirtelo. Complimenti! :-)
In risposta ad un precedente commento
Donnie*Darko
25 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ero nella tua stessa condizione, non ero convinto. Inoltre non è il mio genere, ed invece sono rimasto piacevolmente colpito, non mi resta che consigliartelo senza dubbi ;)
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri