Dettagli Recensione

 
Marina
 
Marina 2015-09-20 15:13:30 .Aria
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
.Aria Opinione inserita da .Aria    20 Settembre, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Marina

Due semplici ragazzi e una dama in nero, vendette e gelosie, una farfalla nera e demoni del passato che vivono nel presente, strane marionette che prendono vita e fughe per aver salva la vita. In poche parole, Marina è questo.
Mi sono avvicinata a questo libro con un po’ di timore. Di Zafón avevo letto tempo fa il suo romanzo più conosciuto, ovvero L’ombra del Vento. Di questo ne conservo un bel ricordo ed è per questo motivo, per la paura di rimanere delusa, che ho temporeggiato su Marina. Zafón ha definito questa sua creazione come quella alla quale è più affezionato, e fin dai primi capitoli la Barcellona che prende vita tra le pagine del libro è una città più oscura, più misteriosa, userei quasi il termine gotica rispetto a quella de L’ombra del Vento. Ma gotica non è solo l’atmosfera che accompagna Óscar Drai, protagonista attraverso il quale viviamo la storia, e Marina, conosciuta per caso, lo è anche il profilo dei due personaggi intorno ai quali è costruita la storia: Michail Kolvenik e Eva Irinova.
Sembra una prerogativa di Zafón quella di creare una storia partendo da semplici oggetti. Se ne L’ombra del Vento, Daniel Sempere si trova sulle tracce del misterioso personaggio di Julian Carax per mezzo di un libro, un semplice orologio da taschino porterà Óscar a scavare nel passato di Michail Kolvenik, tracciandone, capitolo dopo capitolo, la storia e le origini di un uomo capace di essere il Frankenstein della situazione, nella Barcellona del 1979.
Riflettendo un po’ sulla storia a libro chiuso, ho trovato incredibile come un semplice uomo, Michail, possa aver condizionato molte vite, prime fra tutte quelle di Eva. Questo personaggio, se non per una breve apparizione finale, è presente solo in spirito. Ma questa notazione la riscontro anche in altri antagonisti targati Zafón, e mi riferisco sempre al Carax dell’ombra del vento.
La parte riguardante il mistero su cui si erge Marina, la storia tragica di Michail ed Eva, si conclude in uno scenario che mi ha ricordato il film Silent Hill: il fuoco che illumina Barcellona e la sua cenere che la inneva all’alba.
Poi ci sono loro, Óscar e Marina, un’amicizia profonda, un amore platonico, lealtà e simpatia. Questi due personaggi sono quello che alcune persone chiamerebbero anime affini, ma per ragioni che vengono svelate alla fine del romanzo e che lasciano quel gusto amarognolo in bocca, sta al lettore cercare il vero significato di questo legame nelle interazioni che Marina ha con Óscar.
Marina si divide tra ironia e commozione, un mix perfetto di emozioni che toccano il lettore, il quale non può far altro che immergersi nella Barcellona stregata di Zafón.
Parlando un po’ della parte tecnica, la lettura è scorrevole ed è tipico della scrittura di Zafón usare periodi brevi. In questo modo, per il lettore risulta immediato focalizzare la scena e le immagini che le frasi brevi evocano nella sua mente. Il ritmo incalzante e in certi punti vi è quella suspanse mista ad inquietudine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232